immobile scuola materna
immobile scuola materna "Santa Teresa - sede Caba
La città

Associazioni: il Caba cerca ancora casa

L’associazione “beffata”, da due mesi senza dimora, aspetta notizie da Comune e Diocesi

Il Comitato per l'abbattimento delle barriere architettoniche (Caba) è ancora alla ricerca di una fissa dimora. Ancora, o meglio, nuovamente, visto che nella scorsa estate sembrava che il sogno dei componenti del Caba di avere una sede fissa stesse per realizzarsi.

Infatti le "Suore Francescane del Signore" avevano dato la disponibilità a cedere una stanza dell'immobile dove è ubicata la scuola materna "Santa Teresa", da adibire a sezione gravinese del Caba.

Con entusiasmo i membri del comitato gravinese si adoperavano affinché la struttura potesse essere fruibile per tutte le persone disabili, realizzando anche una rampa d'accesso all'immobile.

Da quel momento in poi le cose non sono andate per il verso giusto. I componenti del Caba un bel giorno hanno trovato le porte chiuse. I frati, autorizzati dal Vescovo, hanno cambiato le serrature dell'ingresso all'immobile.

I rappresentanti dell'associazione nel dicembre scorso si sono rivolti a Mons. Ricchiuti, il quale aveva assicurato loro che avrebbe trovato una soluzione, interessando della vicenda anche il primo cittadino Valente: da quel giorno sono passati più di due mesi e nessuno si è fatto più sentire.

Dal Caba fanno sapere di non essere più riusciti ad ottenere un incontro con l'alto prelato e anche l'amministrazione comunale non ha dato loro alcun segnale, facendoli sentire abbandonati.

Eppure quello svolto dal Caba è un servizio meritorio. "L'avere una sede - dicono dall'associazione - ci permetterebbe di essere riferimento stabile per i tanti che vivono situazioni di disabilità, dando loro un servizio front-office oltre che essere un punto di raccolta per le segnalazioni che arriverebbero da singoli cittadini della presenza di barriere architettoniche nel territorio comunale al fine di avere dati certi per essere consultati nella redazione del PEBA del Comune di Gravina in Puglia".

Insomma, un'associazione che fa dell'impegno sociale e del servizio alla comunità a vantaggio delle categorie più deboli il suo principale scopo, e che dovrà ancora pazientare prima di potersi accasare definitivamente.
  • Caba
  • Caba Gravina
Altri contenuti a tema
Un ascensore per essere liberi di muoversi Un ascensore per essere liberi di muoversi Il CABA si rivolge alle autorità
Ufficio Anagrafe, via libera alla rampa per disabili? Ufficio Anagrafe, via libera alla rampa per disabili? Palazzo di Città stanziati ulteriori fondi
La sala consiliare accessibile  a tutti La sala consiliare accessibile a tutti Il Caba torna a scrivere a primo cittadino. Valente: appoggio incondizionato
CABA in protesta: 9 associati rinunciano al diritto di voto CABA in protesta: 9 associati rinunciano al diritto di voto Valente: "Continueremo a cercare una sede per il comitato"
Barriere Architettoniche: il CABA torna all'attacco Barriere Architettoniche: il CABA torna all'attacco "Non vogliamo più sentir parlare di tempi lunghi per l'abbattimento"
Il Caba torna a scrivere a Valente Il Caba torna a scrivere a Valente Una sede per l’associazione e l’utilizzo del pulmino “Mobility Life” le richieste.
Disabilità: un convegno per riaffermare i diritti dei disabili Disabilità: un convegno per riaffermare i diritti dei disabili Ancora tante le barriere fisiche e mentali da abbattere.
​Posti riservati di via Libertà occupati da venditori ambulanti ​Posti riservati di via Libertà occupati da venditori ambulanti Una nuova segnalazione del CABA inviata a Palazzo di Città.
© 2001-2019 Edilife. Tutti i diritti riservati. Nessuna parte di questo sito può essere riprodotta senza il permesso scritto dell'editore. Tecnologia: GoCity Urban Platform.
GravinaLife funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.