2divella
2divella
La città

Lettera aperta del sindaco Divella

“Ho il dovere di proteggere e di tutelare l’onorabilità e la dignità di una Città che non merita tutto ciò”. Duro attacco agli organi di informazione

E' giunta in redazione una lettera a firma del sindaco di Gravina in riferimento alle ultime vicende che hanno visto protagonisti Asl e Lega del cane e che hanno riportato Gravina sulle prime pagine della stampa nazionale. "Come Primo Cittadino ho il dovere di proteggere e di tutelare l'onorabilità e la dignità di una Città che non merita tutto ciò" si legge nella missiva e certamente Divella non usa mezzi termini per criticare l'operato della stampa.

"Quello che sta accadendo è di inaudita ed inaccettabile gravità. Una campagna denigratoria e diffamatoria che sta colpendo l'intera città di Gravina in Puglia. Come Primo Cittadino ho il dovere di proteggere e di tutelare l'onorabilità e la dignità di una Città che non merita tutto ciò.
Un fatto episodico e non giustificabile che non riguarda l'Amministrazione Comunale e non appartiene alla comunità gravinese, è diventato uno strumento per diffamarci e denigrarci. Nessun atto di violenza o di inciviltà è tollerabile. Se ci sono state inadempienze o violazioni della legge saranno gli organi preposti a stabilire la verità dei fatti. Fino ad allora a nessuno è permesso gettare fango o emettere sentenze.
Comprendo lo scoramento e l'indignazione che accumuna centinaia di persone che amano come me gli animali ma ormai ogni giorno veniamo appellati nei modi più indegni. Abbiamo immediatamente incontrato i volontari della Lega del Cane di Gravina ed accolto l'invito della ASL, a dimostrazione che la problematica ci appartiene e che desideriamo risolverla in un clima di civiltà e di rispetto, non certo attraverso metodi che scatenano la violenza.
I cittadini chiedono sicurezza nelle strade e gli strumenti a nostra disposizione sono quelli da me attuati. Mancano politiche a livello regionale e provinciale ed un Comune è spesso nell'impossibilità di affrontare il problema come si vorrebbe. Abbiamo cercato in tutti i modi di far comprendere che si è scelta una strada sbagliata per rivendicare un diritto. Il rispetto delle leggi è prioritario e viene prima di ogni rivendicazione.
Abbiamo invitato tutti ad abbassare i toni e suggerito la strada della corretta ed asettica narrativa dei fatti ai mezzi d'informazione. Un appello caduto nel vuoto. Il randagismo si trascina da decenni e non solo qui a Gravina in Puglia. Abbiamo le nostre responsabilità che dividiamo con chi ci ha preceduto ma non ci nascondiamo.
Stiamo lavorando con grande determinazione per aprire il canile sanitario e stiamo analizzando le proposte di progetto di finanza pervenuteci per il canile rifugio, proposte che sono ben tre.
È necessario da parte di tutti però un momento di riflessione e di presa di coscienza che consenta a chi opera per il bene della città, e mi riferisco anche ai volontari della lega del cane che si adoperano con gratuità e sensibilità, di costruire insieme un programma condiviso che da una parte tuteli il diritto alla salute dei cittadini e dall'altro dia risposte in termini di dignità e di rispetto per gli animali, ma sempre e solo nel rispetto della legge.
Da un episodio la città di Gravina esce opacizzata e violentemente demonizzata. È ora di dire basta. Noi faremo il nostro dovere di Amministratori e di cittadini. Chi ha sbagliato deve pagare e chi continua ad accusarci di indegni gesti di inciviltà dovrà risponderne nelle sedi opportune.

A nome personale chiedo scusa a tutti i cittadini che continuano ad essere offesi e denigrati per colpe non loro".

On. Giovanni Divella
Sindaco di Gravina in Puglia

  • Giovanni Divella
  • Lettera aperta
Altri contenuti a tema
Il Gip archivia le accuse contro la giunta Divella Il Gip archivia le accuse contro la giunta Divella Il reato contestato: abuso d'ufficio
L’ex sindaco Giovanni Divella rompe il silenzio L’ex sindaco Giovanni Divella rompe il silenzio “Tradita e mortificata la speranza di rinascita della città”, dice ai microfoni di Gravinalife.
Scampate due dimissioni a Palazzo di Città Scampate due dimissioni a Palazzo di Città Il sindaco non si dimette
"Non risultano agli atti le dimissione dell’Ass. Lupoli" "Non risultano agli atti le dimissione dell’Ass. Lupoli" Il Sindaco non ha intenzione di dimettersi
Palazzo di Città in festa per il piccolo Picciallo Palazzo di Città in festa per il piccolo Picciallo Una calda accoglienza ad un giovanissimo talento gravinese
Emigrati soddisfatti dell’accoglienza gravinese Emigrati soddisfatti dell’accoglienza gravinese “Vi prometto di intervenire per accelerare la pratica per i vostri documenti” – dice il Sindaco
La maggioranza sfiducia Paolucci La maggioranza sfiducia Paolucci Su proposta della Dc chiesta la revoca del dirigente
“Divella ascolta, ma non parla” “Divella ascolta, ma non parla” MCG: nessuna risposta in merito alla richiesta di asfaltare a nostre spese le strade
© 2001-2023 Edilife. Tutti i diritti riservati. Nessuna parte di questo sito può essere riprodotta senza il permesso scritto dell'editore. Tecnologia: GoCity Urban Platform.
GravinaLife funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.