violenza donna adulta
violenza donna adulta
Politica

La violenza sulle donne? Non interessa ai maschietti dell'Udc

La delegata alle pari opportunità critica gli esponenti del suo partito. E dice: "Non possiamo restare a guardare indifferenti".

"Si vuole stigmatizzare in particolare l'indifferenza istituzionale al fenomeno. La stessa assenza di tutti i rappresentanti Udc eletti nelle istituzioni cittadine all'incontro nazionale delle donne, denota una scarsa sensibilità alle problematiche di genere e non aiuta a contrastare quella diffusa rappresentazione stereotipata e svilente delle donne e dei loro ruoli nella politica e nella società".

Non ha bisogno di grandi interpretazioni l'appello diffuso dalla delegata per le pari opportunità dell'Udc, Emmanuella Lorusso, all'indomani della Giornata contro la violenza sulle donne. Dall'inizio del 2012 sono ben 113 le donne uccise in Italia, 73 delle quali vittime del proprio partner.

"Una strage, una violazione perpetrata dei diritti umani", denunciano le associazioni che domenica si sono date appuntamento in tutte le piazze italiane per dire basta a questa barbarie che poco si addice ad un paese moderno. Una vera e propria emergenza che "deve essere affrontata in modo politico, come una piaga sociale, non come episodi di cronaca nera", chiedono con forza le promotrici delle associazioni femminili che mai come quest'anno, si sono mobilitate numerose.

Nello scorso fine settimana anche in Puglia sono state tante le manifestazioni organizzate dalle associazioni ma anche dai partiti, tra cui l'incontro organizzato a Bari dal Dipartimento nazionale delle pari opportunità dell'Udc, al quale ha preso parte anche il leader nazionale centrista, Pier Ferdinando Casini. L'Udc, infatti, di recente ha presentato un'interpellanza urgente al governo centrale per promuovere i centri anti violenza, invitando gli enti locali a fare un miglior uso dei fondi stanziati per il 2012-2013 per una più equa distribuzione degli stessi sul territorio.

All'incontro ha risposto anche una delegazione di donne gravinesi. "Occorre sensibilizzare sul problema della vittimizzazione di genere, cambiare la cultura e promuovere i centri anti violenza - aggiunge ancora Emmanuella Lorusso - e ciò può avvenire solo con una partecipazione più attiva delle donne alla vita politica e sociale. Purtroppo sono ancora troppo pochi i politici che si adoperano concretamente per abbattere le differenze di genere e quei pregiudizi che sfociano nei drammatici casi di violenza maschile sulle donne".
  • Pari opportunità
  • Udc Gravina
Altri contenuti a tema
1 Valente rinuncia al consiglio comunale Valente rinuncia al consiglio comunale Al suo posto Francesco Verone
3 E dopo il Pd è guerra in casa Udc E dopo il Pd è guerra in casa Udc Ecco l'ultimatum dei giovani
Insediata la commissione pari opportunità della Regione Puglia Insediata la commissione pari opportunità della Regione Puglia Obiettivo: assicurare pari diritti e dignità tra uomo e donna
Pari opportunità, arriva il comitato unico di garanzia Pari opportunità, arriva il comitato unico di garanzia Sindacati e amministrazione insieme per tutelare i dipendenti pubblici
Valente mette la crisi nel congelatore Valente mette la crisi nel congelatore Il sindaco ottiene il passo indietro di Fli
Critiche al vescovo: l'Udc a sostegno del Presule Critiche al vescovo: l'Udc a sostegno del Presule La polemica diventa caso politico
Le Menadi e le pari opportunità Le Menadi e le pari opportunità Le progettualità concrete della nuova associazione gravinese
Le Menadi e le pari opportunità Le Menadi e le pari opportunità Le progettualità concrete della nuova associazione gravinese
© 2001-2019 Edilife. Tutti i diritti riservati. Nessuna parte di questo sito può essere riprodotta senza il permesso scritto dell'editore. Tecnologia: GoCity Urban Platform.
GravinaLife funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.