stefano valente
stefano valente
Politica

Valente rinuncia al consiglio comunale

Al suo posto Francesco Verone

Non siederà in aula consiliare Stefano Valente, l'esponente dell'Udc che avrebbe dovuto occupare il seggio lasciato libero da Vito Mazzarella.
La decisione è stata assunta dopo un confronto interno al partito che ha ritenuto, anche sulla base di un preciso codice comportamentale adottato dagli esponenti centristi, di non concentrare più di un solo incarico nelle mani di una stessa persona. Un modo per allargare il fronte della rappresentanza centrista in amministrazione rispondendo, più o meno direttamente, a quanti avevano accusato la vecchia guardia Udc di voler imporre la propria leadership.
Valente dunque resta nel consiglio di amministrazione della Fondazione Santomasi dove è stato nominato oltre due anni fa insieme a Mario Burdi, Lucia Pallucca e Raffaele Moretti.
In consiglio invece, salvo ripensamenti dell'ultima ora, siederà Francesco Verone, quarantenne libero professionista anch'egli candidato nel 2012 nelle liste Udc.
  • Udc Gravina
  • Stefano Valente
Altri contenuti a tema
3 E dopo il Pd è guerra in casa Udc E dopo il Pd è guerra in casa Udc Ecco l'ultimatum dei giovani
Fondazione Santomasi, la parola agli eletti Fondazione Santomasi, la parola agli eletti Valente entusiasta ma Moretti è prudente. Burdi sceglie il silenzio
Valente mette la crisi nel congelatore Valente mette la crisi nel congelatore Il sindaco ottiene il passo indietro di Fli
La violenza sulle donne? Non interessa ai maschietti dell'Udc La violenza sulle donne? Non interessa ai maschietti dell'Udc La delegata alle pari opportunità critica gli esponenti del suo partito
Critiche al vescovo: l'Udc a sostegno del Presule Critiche al vescovo: l'Udc a sostegno del Presule La polemica diventa caso politico
© 2001-2019 Edilife. Tutti i diritti riservati. Nessuna parte di questo sito può essere riprodotta senza il permesso scritto dell'editore. Tecnologia: GoCity Urban Platform.
GravinaLife funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.