sindaco divella
sindaco divella
La città

La tardiva risposta di Divella

Il sindaco difende la comunità ma non chiarisce la sua posizione

Non si placano le polemiche dopo i gravi episodi accaduti in città che hanno coinvolto i sanitari della Asl e i volontari della Lega del cane. Centinaia di italiani hanno letteralmente inondato di messaggi la posta elettronica del comune così come quella della nostra redazione, per esprimere dissenso e rammarico per l'episodio accaduto. Toni duri e parole spesso spropositate che hanno fatto del sindaco Divella il bersaglio preferito. Messaggi a cui egli stesso ha voluto rispondere ricordando innanzitutto che: "Se ci sono state inadempienze o violazioni della legge saranno gli organi preposti a stabilire la verità dei fatti. Fino ad allora, a nessuno è permesso gettare fango o emettere sentenze"

Dopo giorni di silenzio, dunque, Divella ha affidato ad una missiva la sua posizione ufficiale in merito alle vicende appena raccontate per esprimere disappunto contro la "campagna denigratoria e diffamatoria che sta colpendo l'intera città di Gravina in Puglia…Un fatto episodico e non giustificabile che non riguarda l'Amministrazione Comunale e non appartiene alla comunità gravinese".
Una difesa accorata quella di Divella che ricorda di aver incontrato i volontari della Lega e di aver accettato un, non meglio precisato invito della Asl, ma che di fatto, non specifica ne modi ne tempi di intervento per risolvere la grave questione del randagismo.

Vorremmo ricordare che la nostra redazione, che ogni giorno puntualmente cerca di informare la cittadinanza dando voce a tutti i protagonisti delle vicende che raccontiamo, è ancora in attesa di poter porre delle domande al sindaco a cominciare dalla ordinanza n. 43 sino a chiarire quali sono i rapporti tra Lega del cane e Asl e in che modo l'amministrazione comunale intende favorire una serena e proficua collaborazione. Punti ancora tutti da chiarire.

Sebbene sia condivisibile la posizione del primo cittadino che minaccia di prendere provvedimenti contro questa "campagna denigratoria" ci chiediamo se sia ancora il caso di parlare attraverso messaggi che non aggiungono nulla di nuovo alla sostanza. Insomma la riposta di Divella giunge tardiva e soprattutto troppo generica. A quindici giorni dall'accaduto, durante il quale i comunicati giunti da Palazzo di città, a parte elargire "fiducia e stima", non hanno mai lasciato trapelare una posizione chiara e decisa dell'amministrazione comunale, sorprendono i toni del primo cittadino soprattutto perché non chiariscono ne quali sono i provvedimenti presi in merito al canile sanitario, su cui tante parole sono state spese nel corso del 2010, ne tanto meno chiarisce chi è il reale destinatario del suo messaggio.

Fa bene il sindaco a ricordare che è suo dovere tutelare la comunità gravinese ma Divella dovrebbe tener presente che nascondersi dietro la "cordialità e il silenzio" spesso rischia di lasciare irrisolte intere questioni causando tanti problemi a quella comunità che dice di voler difendere.
  • Giovanni Divella
Altri contenuti a tema
Il Gip archivia le accuse contro la giunta Divella Il Gip archivia le accuse contro la giunta Divella Il reato contestato: abuso d'ufficio
L’ex sindaco Giovanni Divella rompe il silenzio L’ex sindaco Giovanni Divella rompe il silenzio “Tradita e mortificata la speranza di rinascita della città”, dice ai microfoni di Gravinalife.
Scampate due dimissioni a Palazzo di Città Scampate due dimissioni a Palazzo di Città Il sindaco non si dimette
"Non risultano agli atti le dimissione dell’Ass. Lupoli" "Non risultano agli atti le dimissione dell’Ass. Lupoli" Il Sindaco non ha intenzione di dimettersi
Palazzo di Città in festa per il piccolo Picciallo Palazzo di Città in festa per il piccolo Picciallo Una calda accoglienza ad un giovanissimo talento gravinese
Emigrati soddisfatti dell’accoglienza gravinese Emigrati soddisfatti dell’accoglienza gravinese “Vi prometto di intervenire per accelerare la pratica per i vostri documenti” – dice il Sindaco
La maggioranza sfiducia Paolucci La maggioranza sfiducia Paolucci Su proposta della Dc chiesta la revoca del dirigente
“Divella ascolta, ma non parla” “Divella ascolta, ma non parla” MCG: nessuna risposta in merito alla richiesta di asfaltare a nostre spese le strade
© 2001-2023 Edilife. Tutti i diritti riservati. Nessuna parte di questo sito può essere riprodotta senza il permesso scritto dell'editore. Tecnologia: GoCity Urban Platform.
GravinaLife funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.