Persone con disabilità
Persone con disabilità
Associazioni

Il Caba torna a scrivere a Valente

Una sede per l’associazione e l’utilizzo del pulmino “Mobility Life” le richieste.

Elezioni Regionali 2020
Il Caba Gravina non demorde, e fa sentire ancora più forte la sua voce.

Due nuove richieste sono state inoltrate a Palazzo di città dall'associazione e dal suo presidente Urbano Lazzari, all'attenzione del primo cittadino Alesio Valente, che attualmente ricopre personalmente gli incarichi dell'assessorato ai Servizi Sociali.
Senz'altro non è suonata nuova, alle orecchie del sindaco, l'esortazione del Caba ad avere una sede fissa, a cui si è aggiunta la richiesta di rispettare la destinazione originaria del veicolo "Mobility Life", il trasporto cioè anche di persone con disabilità.

Qualche mese fa il Comitato Abolizione Barriere Architettoniche ha richiesto alla dirigente scolastica del circolo didattico "Savio-Fiore", Amelia Capozzi, di mettere a disposizione per la sede i locali del plesso "Tommaso Fiore" prima alloggio del custode. Richiesta, non casuale, accolta dal consiglio d'istituto, ma che ora attente l'ok dalla casa comunale. Per il prossimo anno scolastico infatti, il Caba ha in programma proprio una serie di progetti scolastici atti alla sensibilizzazione delle nuove generazioni sul tema della disabilità.

Una domanda di chiarimento arriva invece sul veicolo del progetto "Mobility life", il pulmino nove posti dedicato al trasporto di anziani e diversamente abili, affidato lo scorso settembre - e per quattro anni - alla mensa "Perfetta letizia". "Il mezzo è stato consegnato ad altri per svolgere un servizio diverso rispetto a quello di destinazione: trasporto per persone con disabiltà", si legge nella nota in cui si reclama anche la mancanza, da parte dell'allora assessore ai Servizi Sociali Felice Lafabiana, di non aver convocato preventivamente le associazioni del settore per discutere circa l'uso effettivo del mezzo, come da progetto.
"Non un risentimento personale verso padre Mario, attuale affidatario del mezzo", specificano, "ma siamo amareggiati perché, ancora una volta, veniamo messi da parte come se le nostre esigenze fossero meno importanti: siamo invisibili!". E concludono: "C'è sempre bisogno di ricordare che anche noi siamo cittadini, con uguali doveri e gli stessi diritti di tutti!".
  • Caba Gravina
Altri contenuti a tema
Palestra in via Dante, si cerca soluzione per i bagni dei disabili Palestra in via Dante, si cerca soluzione per i bagni dei disabili Incontro a Palazzo di Città tra amministrazione e Ca.ba
Associazioni: il Caba cerca ancora casa Associazioni: il Caba cerca ancora casa L’associazione “beffata”, da due mesi senza dimora, aspetta notizie da Comune e Diocesi
Un ascensore per essere liberi di muoversi Un ascensore per essere liberi di muoversi Il CABA si rivolge alle autorità
Ufficio Anagrafe, via libera alla rampa per disabili? Ufficio Anagrafe, via libera alla rampa per disabili? Palazzo di Città stanziati ulteriori fondi
La sala consiliare accessibile  a tutti La sala consiliare accessibile a tutti Il Caba torna a scrivere a primo cittadino. Valente: appoggio incondizionato
CABA in protesta: 9 associati rinunciano al diritto di voto CABA in protesta: 9 associati rinunciano al diritto di voto Valente: "Continueremo a cercare una sede per il comitato"
Barriere Architettoniche: il CABA torna all'attacco Barriere Architettoniche: il CABA torna all'attacco "Non vogliamo più sentir parlare di tempi lunghi per l'abbattimento"
Disabilità: un convegno per riaffermare i diritti dei disabili Disabilità: un convegno per riaffermare i diritti dei disabili Ancora tante le barriere fisiche e mentali da abbattere.
© 2001-2020 Edilife. Tutti i diritti riservati. Nessuna parte di questo sito può essere riprodotta senza il permesso scritto dell'editore. Tecnologia: GoCity Urban Platform.
GravinaLife funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.