consorzio imprenditori
consorzio imprenditori
Associazioni

Nasce il Consorzio delle imprese murgiane

Presentati ufficialmente obiettivi e proposte

Elezioni Regionali 2020
Gli imprenditori dell'Alta Murgia fanno squadra.

È stato presentato ufficialmente il Consorzio imprese murgiane, CIM, che vanta tra i suoi associati circa 50 aziende gravinesi e che si propone di coinvolgere a breve altre realtà dei paesi limitrofi.
Obiettivo comune: rilanciare la zona artigianale gravinese e soprattutto rivendicare un posto di primo piano per gli imprenditori locali ai grandi tavoli politici e istituzionali per parlare di sviluppo e di economia.
Nella prima assemblea convocata lo scorso 19 dicembre sono stati presentati gli indirizzi dell'associazione che, proseguendo con il lavoro già avviato dalla precedente associazione, vuole completare l'iter burocratico avvito alcuni anni fa per dare la possibilità di trasformare una parte dei capannoni artigianali in commerciali. Al centro del dibattito anche la questione sicurezza dopo gli ultimi episodi di furti perpetrati ai danni delle imprese e le continue segnalazioni di scorribande notturne ad opera dei giovani gravinesi.

Diverso tuttavia il modus operandi.
"Non intendiamo sottoporre all'amministrazione comunale le nostre problematiche restando in attesa di eventuali risposte – spiega il presidente Giuseppe Miglionico - vogliamo invece proporre soluzioni a questioni ben precise e portare i progetti al vaglio della pubblica amministrazione favorendo l'iter decisionale in tempi non troppo lunghi".
Presente alla prima assemblea anche il sindaco Alesio Valente che si è detto disponibile ad avviare una collaborazione con il Consorzio: "Dobbiamo stare insieme, confrontarci, parlare continuamente, solo così possiamo capire le esigenze delle attività produttive e vincere la crisi. Voi siete il vero motore dell'economia cittadina – ha ribadito il primo cittadino – con voi vogliamo cercare di rendere più vivibile la zona artigianale cercando di portare a termine il lungo processo avviato per tentare di trasformare a norma di legge una parte dei capannoni artigianali in commerciali".

Parole fondamentalmente ripetute dall'assessore Sergio Varvara che promette di avviare iniziative per rendere "più bella la zona artigianale" cominciando dalla istallazione di nuova segnaletica stradale.
incontroconsoziolifeincontroconsoziolifeincontroconsoziolifeincontroconsoziolifeincontroconsoziolifeincontroconsoziolifeincontroconsoziolife
  • Zona artigianale
Altri contenuti a tema
2 Rifiuti nella zona industriale, una storia che si ripete Rifiuti nella zona industriale, una storia che si ripete La presenza di immondizia stride con i proclami sulla gestione del decoro urbano
La zona artigianale si riprende lo spazio commerciale La zona artigianale si riprende lo spazio commerciale Via libera alle attività commerciali dopo anni di richieste
Raffica di furti nella zona industriale Raffica di furti nella zona industriale Ferro e pellame i bottini dei malviventi
Zona Pip, il silenzio dell'amministrazione Zona Pip, il silenzio dell'amministrazione Nuova denuncia dell'Aim sulla conversione dei capannoni da artigianali a commerciali
Sotto chiave i parchi di via Einaudi Sotto chiave i parchi di via Einaudi Posticipata l’apertura a causa di atti vandalici.
Degrado in città: pioggia di segnalazioni Degrado in città: pioggia di segnalazioni Periferie e centro storico vittime dell'incuria
© 2001-2020 Edilife. Tutti i diritti riservati. Nessuna parte di questo sito può essere riprodotta senza il permesso scritto dell'editore. Tecnologia: GoCity Urban Platform.
GravinaLife funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.