Crolla la sacrestia di Santa Cecilia
Crolla la sacrestia di Santa Cecilia
La città

Ancora disagi per i residenti di via Fighera e via Scale Lunghe

"A quattro anni dai crolli poco è stato fatto".

Sono passati quattro anni dal crollo della sagrestia della chiesetta di Santa Cecilia in via Fighera, e tre da quello del palazzo adiacente alla chiesa in via Scale Lunghe, ma i residenti della zona continuano a lamentare la scarsa attenzione delle istituzioni ed a denunciare le criticità che ancora sussistono nell'area.

Perché, in pieno periodo di rigenerazione urbana, capita che a due passi da piazza della Repubblica le macerie della chiesetta siano ancora lì, giacciano per terra in una zona che il Comune ha provveduto a murare e chiudere al transito. Ma, nonostante la vista e l'incolumità dei passanti sia stata messa in salvo, sono i residenti a protestare nei confronti di quelli amministratori che "hanno promesso in campagna elettorale e poi si sono dileguati", trincerandosi dietro un "la questione riguarda i privati".

Rientrati in casa da due mesi, dopo quattro anni di assenza a causa dell'ordinanza di sgombero, una famiglia residente in zona ha voluto denunciare la situazione di degrado in cui ancora versa l'area in cui insisteva la chiesetta, nonché i pericoli che potrebbero ripresentarsi con l'arrivo dell'autunno. "All'epoca gli amministratori ci hanno costretti a sgomberare la casa ma, rientrati dopo quattro anni, notiamo come nessuna messa in sicurezza sia stata assicurata. Abbiamo risolto privatamente, con i proprietari di un immobile adiacente al nostro, una situazione di criticità strutturale, ma il problema è che dal Comune niente è stato fatto per rimuovere le macerie. Inoltre, anche altri palazzi limitrofi versano in condizioni critiche, con il rischio di ulteriori crolli. I palazzi appartengono a privati i cui eredi sono ormai non rintracciabili, perché dal Comune non intervengono per scongiurare il pericolo?".

"In questo periodo l'amministrazione parla tanto di rigenerazione del centro storico. Ebbene, questa parte del centro antico è ancora inaccessibile e ricoperta di macerie. Al contrario i lavori di rigenerazioneincludono via Montea, interessata anch'essa dai crolli nello stesso 2011. Perché il trattamento è stato diverso?". La preoccupazione dei cittadini è che gli eventi del 2011 si ripropongano. Prima del crollo di quell'anno, infatti, numerose erano state le segnalazioni ed i sopralluoghi che certificavano l'instabilità degli immobili poi crollati. In quel caso, nonostante le verifiche, gli interventi non erano stati effettuati in tempo per scongiurare i crolli. La speranza è che la storia non si ripeta.
7 fotoSanta Cecilia quattro anni dopo
11805858 10203307930379029 485746022 n11824163 10203307930499032 1765539997 n11830147 10203307928338978 2093522148 n11824165 10203307930539033 802184673 n11844133 10203307930619035 1049355067 n11846071 10203307930779039 1103000006 n11846333 10203307929819015 801235511 n
  • Crollo
  • Chiesa Santa Cecilia
Altri contenuti a tema
Chiesa di Santa Cecilia: recupero o abbandono? Chiesa di Santa Cecilia: recupero o abbandono? Procedure attivate, ma si attendono risposte dall'Ufficio tecnico del Comune
Scritte indelebili sul volto della Chiesa di Santa Cecilia Scritte indelebili sul volto della Chiesa di Santa Cecilia Un altro pezzo di storia gravinese segnato dall’incoscienza di ragazzini
Muro crollato in via Goito Muro crollato in via Goito Due transenne a chiudere il varco
Via Brindisi: presto partiranno i lavori di messa in sicurezza Via Brindisi: presto partiranno i lavori di messa in sicurezza Riaprono al traffico tutte le zone adiacenti al crollo
Pericolo crollo in Cavato San Marco Pericolo crollo in Cavato San Marco L’allarme giunge dai residenti e da STT
Via Giudice Montea Via Giudice Montea Storia di un crollo annunciato
Nuovo crollo nel centro storico Nuovo crollo nel centro storico L’amministrazione promette interventi urgenti
Crolla la sacrestia di Santa Cecilia Crolla la sacrestia di Santa Cecilia Responsabili e i tecnici comunali a lavoro per salvare la Chiesa
© 2001-2019 Edilife. Tutti i diritti riservati. Nessuna parte di questo sito può essere riprodotta senza il permesso scritto dell'editore. Tecnologia: GoCity Urban Platform.
GravinaLife funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.