slot machine
slot machine
La città

Le “slot vampiro” che succhiano soldi ai più deboli

Il consigliere Moretti chiede al sindaco Divella di vietare le slot machines. "Ci sono persone che spendono al gioco 500/600 Euro al mese"

Durante il Consiglio Comunale di ieri sera, una nuova proposta di "ordine del giorno" è stata rivolta al Sindaco Divella dal consigliere Moretti: di slot machine e di macchinette si tratta. Una vera dipendenza senza droga, quando si trasforma in patologia.
"Ci sono famiglie che chiedono sussistenza sociale tramite l'assistente sociale. Purtroppo cosa succede? Spesso e volentieri all'interno di queste famiglie ci sono persone che spendono al gioco delle macchinette qualcosa come 500/600 Euro al mese, allora ci siamo posti questo interrogativo: "Non è il caso di far fermare questo cane che si morde la coda?". Perché è vero che lo Stato prende dei soldi dalle macchinette, è anche vero che poi lo Stato deve dare dei sussidi sociali a persone che effettivamente ne hanno necessità", queste le parole del consigliere Moretti, in un comunicato pervenutoci questa mattina. 
 
L'invasione di poker-machines, l'allarme sociale sulle problematiche legate al gioco d'azzardo riflette la diffusa percezione della crescente gravità del problema. L'enorme crescita dell'offerta di possibilità legali di scommettere (lotto e super-enalotto, "gratta e vinci" , scommesse sull'ippica, centri scommesse della Snai) alimenta le speranze illusorie di molti , e sappiamo che il secondo tempo della speranza spesso si chiama delusione. I numeri non sono rincuoranti: "Tenete presente che in Italia ci sono qualcosa come 700 mila persone che soffrono di ludopatia e il 40% di loro, pertanto 280 mila persone, spendono più di 500 Euro al mese in queste macchinette, l'entità di una finanziaria. Forse è il caso di decidere veramente cosa si vuole fare, anche perché effettivamente le persone che giocano con queste macchinette sono persone più deboli o meglio, a me piace definirle meno attente…La cosa è improponibile, ingiustificabile ed è il caso che di dire "Basta!" a questo sperpero di denaro. Oltretutto è uno sperpero di denaro che si ripercuote su tutte le casse: comunali, dei cittadini e dello Stato. Signor Sindaco, ricordiamoci che lo Stato non è il Sindaco o il palazzo comunale o i dipendenti comunali, ma lo Stato siamo tutti noi, forse è il caso di prendere il toro per le corna e dire "Basta, voltiamo pagina!". "

Quello che il consigliere chiede al sindaco Divella è "di studiare un'ordinanza con la collaborazione dell'ufficio legale che possa porre fine all'utilizzo delle macchinette sul territorio del Comune di Gravina, è un'ordinanza di non facile promulgazione anche perché si va a ledere parzialmente quella che è una legge dello Stato, però si pensa che tramite un'ordinanza di ordine pubblico, piuttosto che di salute, dedicata proprio alle persone meno attente, si possa riuscire a evitare che nel Comune di Gravina queste macchinette siano utilizzate da tutti indifferentemente".
  • Slot machines
Altri contenuti a tema
Oneclasscontract.com  presente alla fiera di Rimini Oneclasscontract.com presente alla fiera di Rimini Tutte le novità del gioco on line made in Gravina
Slot machine: Gravina dice basta Slot machine: Gravina dice basta 14 esercizi commerciali rifiutano le macchinette mangiasoldi.
© 2001-2019 Edilife. Tutti i diritti riservati. Nessuna parte di questo sito può essere riprodotta senza il permesso scritto dell'editore. Tecnologia: GoCity Urban Platform.
GravinaLife funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.