consulta dello sport
consulta dello sport
La città

Consulta dello sport, si parte delle infrastrutture

Tanti i progetti ma scarseggiano le risorse

Confrontarsi e collaborare con le associazioni sportive locali. Questo l'obiettivo che si pone la Consulta dello sport partendo dall'annosa questione delle strutture sportive alla ricerca di spazi adeguati.

All'assessore allo sport, Vito Loglisci il compito di spiegare le funzionalità dell'organo consultivo: "L'impiantistica, la medicina dello sport, i rapporti diretti con il Coni che chiamano in prima linea il mondo della scuola". E ricostruendone la cronistoria ha spiegato: "La storia parte nel 2010 e nel febbraio 2014 è stato stilato il nuovo regolamento che coinvolge tutte le realtà sportive".

Tra le grosse realtà sportive, anche il Coni (Comitato olimpico nazionale italiano). Intermediario tra comitato ed amministrazione, Franco De Lucia fiduciario comunale Coni: "Dalla Consulta parte la necessità di promuovere attività sportive nel nostro territorio, per dare la possibilità ai nostri ragazzi di elevarsi al ruolo di campioni".
"Vorremmo più attenzione", ha rincarato Elio Sannicandro, presidente regionale del Coni, "lo sport è importante per la salute, il welfare e per l'inclusione. Basti pensare ai progetti di recupero nelle periferie o nelle zone più disagiate, è uno strumento educativo e non è casuale il nostro rapporto con le scuole. E non solo, può diventare anche uno strumento di promozione del territorio".

Esigenze, problemi e proposte raccolte dall'assessore regionale alle infrastrutture Giovanni Giannini che ha replicato puntando il dito contro la scarsità di finanziamenti disponibili e la mancanza di competenze specifiche, "appannaggio delle politiche giovanili e dello sport", tuttavia ha consigliato: "La comunità europea sta implementano le risorse per le attività di inclusione, dobbiamo quindi cercare di cogliere dei collegamenti con piani legati al welfare". Fondamentali sono i progetti: "Da candidare ai finanziamenti europei gestiti dalla regione o quelli dalla città metropolitana di Bari che fruirà di 115 milioni ma il progetto deve avere la certezza di concludersi nell'arco temporale della programmazione". "Vorrei precisare che sarebbe utile che la scuola mettesse a disposizione le proprie strutture sportive, perché i dirigenti non si vogliono assumere le responsabilità o per scarsità di risorse".

Per essere strumento educativo e di inclusione, l'attività fisica deve essere praticata in maniera sana. A tal proposito Giuseppe Costanza, medico dello sport, ha precisato che anche nelle discipline sia a livelli agonistici che amatoriali, è importante la giusta misura: "In un territorio sano con il giusto supporto medico. Non dare troppa enfasi agli integratori né all' eccessiva attività fisica". Inevitabile il riferimento al ruolo della scuola anche per Costanza che ha sottolineato: "Già nelle scuole è necessaria una giusta informazione, che abbia anche un senso nelle relazioni con gli educatori allo sport che hanno il ruolo di sensibilizzare ed educare".
13 fotoConsulta dello sport
consulta dello sport 1consulta dello sport 2consulta dello sport 4consulta dello sport 3consulta dello sport 5consulta dello sport 6consulta dello sport 7consulta dello sport 9consulta dello sport 10consulta dello sport 11consulta dello sport 12consulta dello sport 13consulta dello sport 14
Elezioni Amministrative 2022
Candidati sindaco
Candidati al consiglio comunale
  • Consulta
Altri contenuti a tema
Permessi Ztl per disabilità: “cambiare le regole" Permessi Ztl per disabilità: “cambiare le regole" La richiesta del presidente della consulta al commissario prefettizio
2 Iacovetti presidente della  Consulta per la Disabilità Iacovetti presidente della Consulta per la Disabilità Prende il posto del vicesindaco Matera. Vice presidente Vincenzo Florio
Consulta della disabilità, ripartono gli incontri Consulta della disabilità, ripartono gli incontri Discussione sulle attività da mettere in campo nel prossimo futuro
Consulta della disabilità, deciso il nuovo logo Consulta della disabilità, deciso il nuovo logo Il simbolo scelto con un concorso dell’istituto comprensivo “Bosco -Benedetto XIII”
Disabilità gravi, troppa burocrazia per le pratiche sanitarie Disabilità gravi, troppa burocrazia per le pratiche sanitarie Discusse le priorità della consulta che ingloba numerose associazioni
1 Si insedia la Consulta Giovanile Si insedia la Consulta Giovanile Nove "under 30" per favorire i rapporti tra Istituzioni e mondo giovanile
Nasce la consulta dei giovani, presenti nove associazioni e partiti Nasce la consulta dei giovani, presenti nove associazioni e partiti Scelti i rappresentanti. Soddisfazione dell'assessore Stimola
© 2001-2022 Edilife. Tutti i diritti riservati. Nessuna parte di questo sito può essere riprodotta senza il permesso scritto dell'editore. Tecnologia: GoCity Urban Platform.
GravinaLife funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.