tribunale6
tribunale6
Territorio

Ricorsi commissione tributaria

In Puglia sono circa 33mila i procedimenti pendenti

Secondo ciò che emerge da una nuova indagine condotta dal Centro Studi di Confartigianato Imprese di Puglia non si placa, anzi, continua a crescere, nella regione Puglia, il contenzioso tributario mettendo sempre più in allarme l'intera macchina giudiziaria considerando che alla fine del 2013 i giudizi pendenti erano 330.445 con un balzo di circa 1500 rispetto all'anno precedente.

L'aumento considerevole è senza dubbio dovuto al contenzioso di massa con l'Agenzia delle Entrate. Il sovraccarico improvviso ha determinato, quindi, un ribaltamento del rapporto tra giudizi pervenuti e quelli definiti, che poi determinano lo sfoltimento dei vari ricorsi. Preoccupante è il dato in cui compare che a Bari ci vogliono più di 512 giorni per definire un ricorso. A Brindisi 640, a Foggia 972, a Lecce 794 e a Taranto 1.602 a causa delle varie udienze di cui si compone. Guardando all'ente impositore, ben 15.428 contestazioni (pari al 46,1 per cento) riguardano l'Agenzia delle entrate, 5.828 (pari al 17,4 per cento) quelle avviate contro l'Agenzia del territorio, 235 (0,7 per cento) contro l'Agenzia delle dogane e monopoli, 3.417 (10,2 per cento) contro Equitalia, 6.076 (18,2) contro Enti locali e 2.461 (7,4 per cento) contro altri enti.
Nel corso del 2013, nelle commissioni provinciali della Puglia, sono stati definiti 17.020 ricorsi. Solo nel nove per cento dei casi (1.542 sentenze), l'esito è stato favorevole all'ufficio. Le istanze dei contribuenti, invece, sono state accolte nel 39,3 per cento dei casi (6.698 controversie). Un giudizio intermedio è stato emesso per 5.986 ricorsi (pari al 35,2 per cento). Irrilevanti le conciliazioni (0,4 per cento), mentre gli «altri esiti», come il condono, sono stati pronunciati 2.740 volte (16,1 per cento).

"Questi dati confermano - spiega Francesco Sgherza, presidente di Confartigianato Imprese Puglia – la drammatica situazione del sistema giudiziario italiano. Questi tribunali dovrebbero assicurare dei tempi piuttosto contenuti, ma al contrario la loro durata media continua a crescere sino a toccare picchi intollerabili. Solo con leggi a misura d'impresa e di cittadino i contribuenti potranno cessare di considerare il fisco come una minaccia da cui doversi difendere."
Da sottolineare che molti giudizi finisco quasi sempre "in pareggio". Nel 70-80 per cento dei casi, infatti, le spese del giudizio sono compensate. Mai, o quasi mai, queste spese sono a carico dell'ufficio.
  • Contributi
  • Confcommercio
Altri contenuti a tema
Un aiuto per le famiglie indigenti Un aiuto per le famiglie indigenti Impegnati quasi 245 mila euro
Alessandro Ambrosi vicepresidente nazionale di Confcommercio Alessandro Ambrosi vicepresidente nazionale di Confcommercio Al dirigente affidata la delega al Mezzogiorno
Riscossione tributi, al via la gara Riscossione tributi, al via la gara C'è tempo sino al 15 dicembre. L'aggiudicataria del servizio obbligata ad assumere il vecchio personale
Contributi alle famiglie indigenti Contributi alle famiglie indigenti Buoni lavoro per il "Servizio civico comunale”.
Al via i saldi estivi: occhio allo sconto Al via i saldi estivi: occhio allo sconto Confcommercio, ripresa dei consumi ma il trend resta negativo
Riscossione tributi, al via la gara per l'affidamento del servizio Riscossione tributi, al via la gara per l'affidamento del servizio Il consiglio comunale approva ma ridimensiona durata e introiti
Sud Sempre più povero Sud Sempre più povero La Confcommercio lancia l'allarme: dal 1995 al 2013 -5,2% occupati nel Mezzogiorno
Mercato settimanale, la Confcommercio non ci sta Mercato settimanale, la Confcommercio non ci sta Bocciata l'alternanza degli operatori piovono critiche sull'ammnistrazione. Lagreca risponde in Consiglio
© 2001-2019 Edilife. Tutti i diritti riservati. Nessuna parte di questo sito può essere riprodotta senza il permesso scritto dell'editore. Tecnologia: GoCity Urban Platform.
GravinaLife funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.