Convento Santa Sofia
Convento Santa Sofia
Palazzo di città

Restauro degli ipogei di Santa Sofia, disco verde al completamento

Il Comune approva le opere complementari

Nel corso dei lavori relativi al restauro degli ipogei interni all'ex Monastero di Santa Sofia erano emerse nuove cavità interrate per effetto dello scavo eseguito, con la conseguente impossibilità di rendere pienamente funzionali i luoghi restaurati.

Questo nuovo ritrovamento, anche a seguito del sopralluogo dalla Soprintendenza Archeologia, Belle Arti e Paesaggio per la Città Metropolitana di Bari, aveva portato alla necessità di redigere un nuovo progetto complementare, per consentire la ripulitura dei nuovi ipogei venuti alla luce e la fruibilità dei luoghi, con tutti gli annessi controlli di sicurezza che inevitabilmente hanno accompagnato il nuovo rinvenimento.

A causa dell'imprevisto, l'arch. Antonio Aulenti, che si è occupato della stesura del progetto principale di recupero dell'ex Monastero, ha dovuto redigere un integrazione progettuale per rendere l'opera funzionale. Un progetto che adesso, dopo i necessari passaggi burocratici è l'ok della soprintendenza, l'amministrazione comunale ha approvato, affidando alla stessa impresa che si è occupata del lavoro di recupero degli ipogei dell'ex monastero di Santa Sofia, il compito di effettuare i nuovi interventi nei luoghi emersi dopo le operazioni di scavo.

Una nuova progettualità stilata seguendo le indicazioni dell'esperto della soprintendenza, che porterà l'impresa a dover effettuare, nello specifico, uno scavo stratigrafico da eseguirsi al di sotto delle strutture ritrovate, al fine di liberare dal materiale terroso, ancora presente in alcuni punti, gli ambienti ritrovati; delle indagini diagnostiche sul banco calcarenitico per verificarne la consistenza e per accertare l'assenza di fonti di degrado che potrebbero nel tempo minare la solidità dell'impianto ipogeo e quindi della struttura conventuale sovrastante; la pulitura, consolidamento e protezione delle pareti rocciose rinvenute; la realizzazione di scala in tufo per accedere in alcuni ambienti; il recupero e la pulizia di scala in acciaio e pavimentazione in lamiera tipo "Orsogrill"; la realizzazione di muratura di sostegno del banco tufaceo degradato, oltre alla realizzazione di cerchiatura in acciaio corten di un vano di accesso.

Infine, bisognerà creare un prolungamento della passerella in lamiera tipo "Orsogrill"; mettere una chiusura in vetro nella corte; effettuare delle opere di finitura e di dettaglio, oltre ad altri interventi minori tesi alla valorizzazione del pregio architettonico dell'edificio.

I lavori, che dovrebbero durare un paio di mesi, avranno un costo di circa 80mila euro e potranno finalmente restituire in tutto il suo splendore e nella sua quasi totalità, uno dei pezzi di maggior pregio del patrimonio architettonico della città.
  • Convento di Santa Sofia
Altri contenuti a tema
1 Il Convento di Santa Sofia affidato alla Fondazione Santomasi Il Convento di Santa Sofia affidato alla Fondazione Santomasi Obiettivo: assicurare un presidio quotidiano
A breve gli ipogei del Monastero di Santa Sofia saranno oggetto di restauro A breve gli ipogei del Monastero di Santa Sofia saranno oggetto di restauro L'Amministrazione comunale si affida alla Centrale Unica di Committenza per l’affidamento dei lavori
"Apulia Contemporaney Tour": il Comune di Gravina è partner affiliato "Apulia Contemporaney Tour": il Comune di Gravina è partner affiliato Concesso l'uso gratuito del Chiostro di San Sebastiano e del Monastero di Santa Sofia e €2.000,00 alla Fondazione "Santomasi"
3 Un viaggio virtuale alla scoperta di Santa Sofia Un viaggio virtuale alla scoperta di Santa Sofia L’architetto Aulenti spiega i lavori di restauro tra scoperte e nuovi progetti
8 Affidata all’Ufficio IAT parte del complesso monastico di Santa Sofia Affidata all’Ufficio IAT parte del complesso monastico di Santa Sofia La Giunta comunale approva l’atto di indirizzo
1 Il Monastero di Santa Sofia restituito alla città sotto una nuova luce Il Monastero di Santa Sofia restituito alla città sotto una nuova luce Il primo cittadino Alesio Valente: "Gli addetti ai lavori lo hanno rigenerato, ora tocca alla città farlo rivivere"
Il Monastero di Santa Sofia tra passato e futuro Il Monastero di Santa Sofia tra passato e futuro Domani l'inaugurazione ufficiale
2 Lavori completati: riapre Santa Sofia Lavori completati: riapre Santa Sofia Dopo l’inaugurazione, visite guidate gratuite il 25 e 26 marzo prossimi
© 2001-2019 Edilife. Tutti i diritti riservati. Nessuna parte di questo sito può essere riprodotta senza il permesso scritto dell'editore. Tecnologia: GoCity Urban Platform.
GravinaLife funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.