Natuzzi
Natuzzi
Scuola e Lavoro

Natuzzi Spa: il Tribunale del Lavoro di Bari dispone 37 reintegri

L'aspettativa è che ve ne siano altri nei prossimi mesi

Ammonta a 37 la quota di reintegri in produzione disposti dal Tribunale del Lavoro di Bari: martedì 18 luglio 2017 infatti sono state depositate ulteriori ordinanze dal giudice Luca Ariola, con le quali si dispone l'annullamento del licenziamento inflitto da Natuzzi Spa ad ottobre scorso e si ordina il reintegro di altri tre lavoratori, difesi dall'avvocato De Angelis dell'ufficio legale dell'Unione Sindacale di Base (USB), ai quali - si spera - se ne aggiungeranno altri nei prossimi mesi.

Oltre alle impugnative di licenziamento, centinaia sono i contenziosi che l'azienda pugliese sta fronteggiando per aver collocato illegittimamente i suoi dipendenti in Cassa integrazione a ore zero, per cui anche in questo caso si susseguono sentenze favorevoli ai lavoratori. A fare una presunta stima della somma che il Gruppo Natuzzi sarà chiamato a pagare per risarcire i lavoratori e onorare le spese processuali è l'Unione Sindacale di Base, che parla della bellezza di 18 milioni di euro. Somma che potrebbe salire ulteriormente qualora l'ostinazione dell'azienda si spinga fino alla Corte di Cassazione con i contenziosi.

"Questi dati - scrive il Coordinamento USB in un comunicato ufficiale - mettono in luce che i problemi della Natuzzi Spa non sono causati dalla concorrenza sleale, dall'esosità delle imposte in Italia o dal costo del lavoro, fattori menzionati ossessivamente dall'azienda, ma derivano da essa stessa e in particolare dal gruppo dirigente della Natuzzi. Infatti, se negli ultimi anni quest'ultimo avesse intrapreso una politica mirata alla valorizzazione delle risorse umane, anziché espellerle dal ciclo produttivo, esiliarle in opifici dismessi e infine licenziarle, oggi l'industria santermana non si troverebbe a dover sborsare una somma così esosa".

Ciò che la Natuzzi Spa dovrebbe fare, a detta dell'USB, è rivedere sostanzialmente le modalità di gestione del personale, qualora voglia realmente arrestare lo "stillicidio occupazionale" in cui è coinvolta da diversi anni, e superare ogni pregiudizio nei confronti della Organizzazione Sindacale scrivente, nata proprio con l'obiettivo di tutelare i lavoratori e i loro diritti.
  • Gruppo Natuzzi
Altri contenuti a tema
Natuzzi, proroga al contratto di solidarietà Natuzzi, proroga al contratto di solidarietà Il piano industriale Italia slitta di tre mesi
1 Il Coordinamento USB-LP gruppo Natuzzi "ostracizzato" dal Ministero dello Sviluppo Economico Il Coordinamento USB-LP gruppo Natuzzi "ostracizzato" dal Ministero dello Sviluppo Economico Richiesto l'intervento dei rappresentanti di Puglia e Basilicata in Parlamento
1 Natuzzi: la Regione approva la mozione presentata dai Consiglieri Borraccino e Colonna Natuzzi: la Regione approva la mozione presentata dai Consiglieri Borraccino e Colonna "Si renda praticabile un percorso che possa garantire prospettive di sviluppo, tutelando a pieno i livelli occupazionali"
Vertenza Natuzzi, incontro tra Usb e Emiliano Vertenza Natuzzi, incontro tra Usb e Emiliano Tutti i dubbi del sindacato sull'accordo del 2016
Natuzzi, dettagli sull’accordo Natuzzi, dettagli sull’accordo Assunti solo i lavoratori che hanno definito il contenzioso con l'azienda
Natuzzi: il nuovo piano non convince Natuzzi: il nuovo piano non convince Laricchia, Galante e Conca (M5S): "Vigileremo, affinché si agisca nel pieno rispetto di tutte le norme a tutela dei diritti dei lavoratori"
Vertenza Natuzzi, un capitolo (forse) chiuso Vertenza Natuzzi, un capitolo (forse) chiuso Il consigliere regionale Enzo Colonna chiede all'azienda maggiori garanzie
Natuzzi, sottoscritto l'accordo Natuzzi, sottoscritto l'accordo L'azienda promette di riassumere gli operai in esubero
© 2001-2020 Edilife. Tutti i diritti riservati. Nessuna parte di questo sito può essere riprodotta senza il permesso scritto dell'editore. Tecnologia: GoCity Urban Platform.
GravinaLife funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.