monumento caduti2
monumento caduti2
Eventi e cultura

Memoria ai caduti della Grande Guerra

La Fondazione "Santomasi" ricorda le vittime del 1915-18

Un secolo di storia, di ricordi, di dolore ma anche di vittorie. Un secolo per ricordare le vittime e le battaglie di una guerra che, tra l'altro, non si ancora bene perché sia scoppiata. Il 2015 ricorre il centenario della Prima guerra mondiale iniziata il 1914, ma che vide l'Italia parteciparvi dal 1915. Una guerra che si concluse nel 1918 con l'Italia vincitrice ma con un numero di vittime esagerato. Come tanti furono i caduti gravinesi. Sono almeno 350, i concittadini che hanno perso la vita al fronte per difendere la Patria.

Nella sala convegni della Fondazione "Ettore Pomarici Santomasi", in occasione della 12esima "Giornata nazionale degli amici dei musei", non si è voluto solamente commemorare le vittime gravinesi della Grande Guerra, ma attraverso le fonti, le storie e i ricordi dei protagonisti è andato in scena il film in bianco e nero di una delle pagine più tragiche della storia mondiale che lo storico monumento ai caduti, realizzato dallo scultore Angelo Galli nella Villa comunale, ricorda a tutti.
Ad animare l'evento, i momenti musicali interpretati dalla violinista Anna Dibattista e dalla pianista Anna Taffarel. Le due musiciste hanno riproposto alcune suonate e marce storiche del primo conflitto mondiale, tra cui la "Sonata in si minore" del compositore Ottorino Respighi, e la "Leggenda del Piave" di E. A. Mario (pseudonimo di Giovanni Ermete Gaeta).

La professoressa Marisa D'Agostino, presidente dell'Associazione Amici della Fondazione, ha ripercorso i cinque anni (1921-1926) di costruzione del "Monumento dei martiri ed eroi gravinesi" che erge nel centro della Villa. Cinque anni di duro lavoro da parte dell'allora comitato, creatosi proprio per la realizzazione della scultura, dell'amministrazione comunale, ma anche del maestro Angelo Galli, autore materiale dell'opera.
Dopo tanti problemi economici e burocratici, il monumento fu inaugurato nel 1926 alla presenza di centinaia di persone, come testimoniano le foto dell'epoca. Un monumento che innanzitutto rende celebre le 350 vittime gravinesi ma che simboleggia anche la forza degli italiani di andare avanti dopo tre anni bui e di sofferenza.

Durante il convegno con estremo rispetto e commozione è stato letto l'elenco dei nomi dei caduti gravinesi, mentre altrettanta emozione è stata offerta dai poeti Graziella Versetto e Nicola Colonna quando hanno interpretato i versi scritti proprio per l'occasione.
Unico inconveniente della serata è stata la mancata inaugurazione della mostra "Combattere tu devi, o soldato d'Italia" rinviata a data da destinarsi.
  • Fondazione Ettore Pomarici Santomasi
  • Amici della fondazione
Altri contenuti a tema
Presentato l'Atlante dei tratturi Presentato l'Atlante dei tratturi Intervista all'autore Pierfrancesco Rescio
Fondazione Santomasi: i 7 anni del presidente Burdi Fondazione Santomasi: i 7 anni del presidente Burdi Anteprima del video sulle principali attività dell’ente morale
Ortocoltura, un progetto scolastico con impatto sociale e lavorativo Ortocoltura, un progetto scolastico con impatto sociale e lavorativo Resoconto della presentazione nella sede della Fondazione
22 Fondazione Santomasi, il bilancio del presidente e dei consiglieri Fondazione Santomasi, il bilancio del presidente e dei consiglieri Si congeda il cda dell’ente morale
1 Presentato libro di Maddalena Ceci Presentato libro di Maddalena Ceci "La luna e la strega". L'iniziativa in Fondazione
Fondazione Santomasi, completato il consiglio di amministrazione Fondazione Santomasi, completato il consiglio di amministrazione La minoranza elegge il suo rappresentante ma si divide
Biennale arte contemporanea della Murgia, parola ai protagonisti Biennale arte contemporanea della Murgia, parola ai protagonisti Interviste a Michele Dileo, Francesco Notaro e Mario Burdi
9 Al via la prima Biennale di Arte Contemporanea della Murgia Al via la prima Biennale di Arte Contemporanea della Murgia Dalla pittura al cinema artisti in mostra a Gravina, Altamura, Cassano e Matera
© 2001-2021 Edilife. Tutti i diritti riservati. Nessuna parte di questo sito può essere riprodotta senza il permesso scritto dell'editore. Tecnologia: GoCity Urban Platform.
GravinaLife funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.