Ente parco
Ente parco
Territorio

Masseria Martoro, la giunta dà mandato ai legali per lo sgombero

Pure risarcimento danni per indebita occupazione. Lovero e Simone: “Avevamo ragione”

"A distanza di un anno il Comune ci ha dato ragione". Questo il commento dei consiglieri di "Primavera popolare" Ignazio Lovero e Ezio Simone sulla questione della Masseria Martoro.

La giunta Valente, infatti, nei giorni scorsi ha dato mandato all'ufficio legale di attivarsi per mettere in atto tutte le azioni necessari "allo sgombero di persone e cose dall'immobile denominato "Masseria Martoro" e "al risarcimento del danno riveniente dall'indebita occupazione, a far data dalla scadenza del contratto di locazione".

Una questione che viene da lontano. Dal 1952, quando dopo la soppressione delle Congregazioni di Carità veniva costituito l'Ente Comunale di Assistenza (ECA) di Gravina, nato per assistere gli individui e le famiglie in condizioni di particolare necessità. L'ente comunale assorbiva al patrimonio del Comune, tra le altre cose, anche la masseria Martoro e i suoi 310 ettari di terreno. Nello stesso anno l'Eca concedeva la Masseria e i terreni in fitto per 25 anni all'Opera Nazionale dei Combattenti, che la girava in subaffitto alla cooperativa agraria di reduci e combattenti "Giuseppe Garibaldi".

Scaduto il contratto, però, la cooperativa ha continuato a usufruire del bene comunale. "Senza titolo", dicono i consiglieri. Un'anomalia che i due consiglieri, insieme al consigliere comunale, anch'egli di minoranza, Angelo Lapolla, segnalarono alla Corte dei Conti e alla Procura della Repubblica per l'evidente danno alle casse comunali, visto "l'immobilismo e la indifferenza" che avevano perpetrato per più di 40 anni le varie amministrazioni comunali che si sono susseguite.

Per questo adesso i due consiglieri comunali Lovero e Simone convinti di averci visto giusto, salutano con soddisfazione la decisione della giunta Valente, volendosi togliere più di un sassolino dalla scarpa.

"Chi, nei mesi scorsi, ha provato a ridurre il frastuono delle nostre azioni adesso dovrà riconoscerne la validità e la ragionevolezza. La legalità e la tutela dei beni di proprietà comunale sono e saranno sempre alla base del nostro agire." - commentano in conclusione i due consiglieri comunali di opposizione.
  • Politica
  • Ignazio Lovero
  • Ezio Simone
Altri contenuti a tema
SìAmo Gravina si presenta alla città SìAmo Gravina si presenta alla città Nasce un nuovo movimento politico
4 Revoca assessorato, Matera: “nessuna scelta condivisa” Revoca assessorato, Matera: “nessuna scelta condivisa” A Gravinalife l’ex vicesindaca racconta la sua versione dei fatti
Indagine sui contributi comunali, la minoranza attacca Indagine sui contributi comunali, la minoranza attacca Per le forze di opposizione “Assordante il silenzio della maggioranza”
31 Incendio del bosco, Lovero: “Tanti errori di gestione” Incendio del bosco, Lovero: “Tanti errori di gestione” Disamina del consigliere comunale di opposizione sulle responsabilità del disastro ambientale
Fiera, il sindaco non convince le opposizioni Fiera, il sindaco non convince le opposizioni Botta e risposta tra Valente e Lovero sull'inserimento nel registro regionale
Indire gara per servizi cimiteriali Indire gara per servizi cimiteriali La richiesta di Primavera Popolare al sindaco e agli uffici comunali
Strappo nella maggioranza, consiglieri chiedono azzeramento Strappo nella maggioranza, consiglieri chiedono azzeramento In cinque scrivono al sindaco, chiedendo una verifica politica
Meliddo aderisce ai Popolari con Emiliano Meliddo aderisce ai Popolari con Emiliano Eletto nella lista del sindaco. Non cambiano i numeri della maggioranza
© 2001-2021 Edilife. Tutti i diritti riservati. Nessuna parte di questo sito può essere riprodotta senza il permesso scritto dell'editore. Tecnologia: GoCity Urban Platform.
GravinaLife funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.