tari
tari
La città

Niente tasse per il periodo di chiusura delle attività

Delibera della giunta comunale per il sostegno alle imprese

Dopo le parole arrivano i fatti. La giunta Valente ieri ha varato un pacchetto di provvedimenti di sostegno all'economia locale, da sottoporre al vaglio del consiglio comunale per il definitivo via libera. Nello specifico si tratta di misure per andare incontro agli imprenditori danneggiati dalla emergenza causata dal coronavirus. Soprattutto artigiani e commercianti che hanno dovuto abbassare le serrande delle proprie attività e che più di altri hanno subito l'ondata di crisi dovuto al lockdown.

In particolare il governo cittadino – così come annunciato nei giorni scorsi e dopo una serie di incontri con associazioni di categoria e parti sociali per recepire le istanze provenienti dai diretti interessati- ha deciso di intervenire in materia di occupazione del suolo pubblico, consentendo l'aumento degli spazi esterni a disposizione degli esercenti che ne presentano necessità, con la decisione di esentare gli stessi dal pagamento della Cosap, la tassa di occupazione del suolo pubblico, nel rispetto della normativa nazionale.

Ma l'occupazione del suolo pubblico non riguarda solo i dehors. Ci sono ad esempio anche i cantieri edili, bloccati dai Dpcm che avrebbero dovuto pagare l'occupazione del suolo pubblico. Ebbene il provvedimento dell'amministrazione comunale prevede l'esenzione dal pagamento per i giorni di chiusura del cantiere: somme che verranno scontate sulle occupazioni future da dover retribuire alla pubblica amministrazione, traslandone dunque i pagamenti.

Ma anche i mercatali sono soggetti al pagamento dell'occupazione del suolo pubblico. La giunta per loro ha stabilito che chi pagavano l'occupazione del suolo in un posto fisso, per il periodo in cui il mercato non si è svolto, non dovrà pagare la tassa.

Altro capitolo riguarda la riscossione della Tari. Tutte le attività toccate dal lockdown non pagheranno la tassa sui rifiuti dal giorno di chiusura sino al giorno della riapertura. Inoltre, per pagare la prima rata delle somme dovute (a cui si sottrarranno le cifre del periodo di chiusura) avranno tempo fino al 16 ottobre. Per gli tutti gli altri, per la platea dei cittadini, quindi, si dovrà pagare come stabilito la prima rata in scadenza il 1 giugno, con uno slittamento della seconda rata al 20 luglio.

Sempre sulla Tari, per gli indigenti- ricorda il sindaco- il nostro regolamento già prevede delle agevolazioni per esempio per chi prende la pensione minima, o chi non lavora con Isee basso o chi ha un invalido in casa che gode della riduzione del 50% sulla tassa. Ma le iniziative non finiscono qui. Nei prossimi giorni- preannuncia Valente- ci saranno altre misure sul fronte delle imprese e per le persone che vivono in stato di indigenza.

"Per dare ossigeno alle attività locali, così come avevamo annunciato settimane fa ci siamo mossi con celerità. Adesso passiamo dalle parole ai fatti, con una proposta che sarà presto sottoposta al consiglio comunale per la definitiva approvazione. Nei prossimi giorni finalizzeremo altre iniziative, continuando a confrontarci con organizzazioni di categoria, sindacati e Commissioni consiliari. Faremo il possibile per assicurare la ripartenza di tutti: nessuno resterà indietro"– ha commentato il sindaco gravinese.
  • Alesio Valente
  • Giunta Comunale
  • Emergenza Coronavirus - Covid19
Altri contenuti a tema
Covid a scuola, 5 casi a Gravina Covid a scuola, 5 casi a Gravina Report dell’Asl conferma circolazione contenuta in terra di Bari
Scuole chiuse per vaccinazione antiCovid del personale Scuole chiuse per vaccinazione antiCovid del personale Per uno o due giorni. Ordinanza di Valente
Covid: centro vaccinale troppo affollato Covid: centro vaccinale troppo affollato Momenti di tensione e caos presso l’area fiera
1 Covid: bilancio settimanale, aumentati i contagi a Gravina Covid: bilancio settimanale, aumentati i contagi a Gravina In terra di Bari andamento contenuto della pandemia
Covid: monitoraggio scuole, casi in lieve diminuzione Covid: monitoraggio scuole, casi in lieve diminuzione Bollettino della Asl per l'intera provincia. A Gravina sono stati 2
Report covid, 7 nuovi casi a Gravina Report covid, 7 nuovi casi a Gravina Diminuiscono i casi in Terra di Bari
Covid, l’Asl monitora le scuole Covid, l’Asl monitora le scuole 82 casi in terra di Bari nell’ultima settimana, tendenza in aumento
Covid: a Gravina un solo caso in una settimana Covid: a Gravina un solo caso in una settimana Il bollettino della Asl di Bari
© 2001-2021 Edilife. Tutti i diritti riservati. Nessuna parte di questo sito può essere riprodotta senza il permesso scritto dell'editore. Tecnologia: GoCity Urban Platform.
GravinaLife funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.