soldi11
soldi11
La città

La giunta Valente dà il via libera al contributo di emergenza

Il Cec andrà alle famiglie in difficoltà

A Gravina non si sta con le mani in mano e, in attesa che il Governo Centrale e la Regione legiferi su ulteriori misure di aiuto per la popolazione italiana, la giunta Valente, dopo gli interventi a favore di commercianti, artigiani, mercatali ed imprese edili, emana un altro provvedimento rivolto questa volta alle famiglie in difficoltà. E' stato denominato Cec. Si tratta del Contributo di Emergenza Comunale che ha avuto il via libera dalla amministrazione targata Valente per aiutare le classi sociali più deboli, con risorse frutto dei tagli al bilancio municipale da utilizzare per il supporto a tutte le categorie lasciate fuori dagli aiuti dello Stato.

"Lo facciamo consapevoli delle ristrettezze delle risorse a nostra disposizione e delle difficoltà che anche i Comuni stanno attraversando, ma mantenere l'impegno con i cittadini e dare loro un aiuto concreto è fondamentale"- sottolinea il sindaco Valente. Il Cec si presenta come una misura una tantum a cui si potrà accedere una sola volta.

Il provvedimento si rivolge alle famiglie indigenti, che in base alla situazione economica e al numero dei componenti del nucleo familiare, saranno interessate da un contributo di 150 euro per ogni richiedente, a cui si aggiungeranno 50 euro per ogni altro componente della famiglia. La formula scelta per l'erogazione del contributo è duplice: si potrà avere dei buoni spesa per l'intero importo; oppure decidere se avere parte della somma in contanti e un'altra parte, invece, in ticket per la spesa: in questo modo si riuscirà a garantire anche la disponibilità di somme per il pagamento di bollette, imposte e per l'acquisto di indumenti.

La modalità di erogazione mista però, sarà soggetta a verifica da parte degli uffici sulla reale necessità espressa dal richiedente. Ad avere accesso al contributo saranno quei nuclei familiari che non siano beneficiari di ammortizzatori sociali o redditi di sostegno e con un ISEE in corso di validità non superiore ai 12 mila euro.

Inoltre- spiegano da Palazzo di Città- "Saranno oggetto di valutazione lo stato di disoccupazione di tutti i componenti maggiorenni del nucleo famigliare e l'eventuale titolarità, in capo agli stessi, di ammortizzatori sociali come Reddito di cittadinanza, Rei, Red 3.0, cassa integrazione non superiore ai 150 euro per ciascun componente". A cui si aggiungerà il controllo delle giacenze medie dei conti correnti, che non dovrà essere superiore ai 1.500 euro per ciascun componente del nucleo familiare.

Le domande con la documentazione richiesta andranno presentate entro dieci giorni dalla pubblicazione dell'avviso, che avverrà nei prossimi giorni, o a mano presso gli uffici dei servizi sociali situati in via Sottotenente Buonamassa, oppure per posta elettronica all'indirizzo [email protected]: e con pec alla mail [email protected] .
  • Alesio Valente
  • Giunta Comunale
  • Emergenza Coronavirus - Covid19
Altri contenuti a tema
Iniziative rinviate per la giornata mondiale dell'ambiente Iniziative rinviate per la giornata mondiale dell'ambiente In programma attività di sensibilizzazione
Coronavirus: zero contagi a Gravina Coronavirus: zero contagi a Gravina Guarite le ultime due persone che erano in isolamento a casa
Coronavirus: la Puglia verso "contagi zero" Coronavirus: la Puglia verso "contagi zero" Terzo giorno senza casi in provincia di Bari
2 Movida e consumo di droga, controlli della Polizia in centro Movida e consumo di droga, controlli della Polizia in centro Inoltre nei giorni scorsi una coppia è stata aggredita
2 Albero della memoria sparito in via Libertà Albero della memoria sparito in via Libertà Valente assicura: “Solo un incidente, nessun furto o atto vandalico”
5 Covid-19, partono i test sierologici a Gravina Covid-19, partono i test sierologici a Gravina Il 29 maggio i prelievi per 87 persone
Mercato, polemiche tra sindaco e opposizione Mercato, polemiche tra sindaco e opposizione Per l'opposizione "diverse criticità". Di parere contrario il sindaco: “tutto regolare”
Coronavirus: distretto sanitario Murgia, unità speciale al lavoro Coronavirus: distretto sanitario Murgia, unità speciale al lavoro Per il monitoraggio dei pazienti domiciliati e di possibili sospetti
© 2001-2020 Edilife. Tutti i diritti riservati. Nessuna parte di questo sito può essere riprodotta senza il permesso scritto dell'editore. Tecnologia: GoCity Urban Platform.
GravinaLife funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.