Intervento Omocromico
Intervento Omocromico
Eventi e cultura

“Intervento omocromico di Grazia Terribile, trent’anni dopo"

Presentata la mostra fotografica, aperta fino al 7 giugno.

Elezioni Regionali 2020
Si apre la sette giorni dedicata ad "Intervento omocromico di Grazia Terribile, trent'anni dopo".

Presentato ieri sera presso la Fondazione "E. Pomarici Santomasi" e curato da Alba Nardone, in collaborazione con l'associazione "Amici di Michele". Suscita curiosità il titolo della mostra, campione di quello che, trent'anni fa, è stato un evento avveniristico: un sodalizio tra Grazia Terribile e cinquanta artisti nazionali ed internazionali.

A presenziare all'evento - promosso dalla Regione Puglia, con il patrocinio del Comune di Gravina e dalla stessa Fondazione – anche il sindaco Alesio Valente, il quale nei saluti istituzionali ha tenuto a precisare: "Vogliamo che questo evento si collochi in una prospettiva futura, che sia un unicum con altre manifestazione artistiche del territorio e ringrazio Grazia Terribile, perchè questa è stata una grande opera di volontariato per la nostra terra". Dello stesso tono l'intervento dell'assessore alle politiche per le espressività artistiche e culturali, Laura Marchetti: "E' un peccato che non si sia dato seguito ai messaggi che ci ha lasciato, Gravina si è ripiegata su sé stessa, la ricerca delle proprie radici è importantissima ma bisogna anche guardare oltre" chiosando, "io sono qui per cercare di trovare un sostegno e per recuperare i valori che ci ha lasciato, dando loro un seguito". Ricordando Grazia Terribile, il presidente della Fondazione, Agostino Giglio, ha commentato: "Grazia cercò di ricongiungere l'uomo alla terra. Quello di Alba invece, è stato un grande atto d'amore di una figlia, di grande riconoscenza verso la madre".

Presenti, tre critici e storici dell'arte, i quali hanno spiegato il significato culturale della manifestazione del 1983, in perfetta sintonia con i "land art" degli anni sessanta. "Quello di Grazia Terribile è stato un atteggiamento innovativo", ha commentato Anna D'Elia, docente dell'Accademia delle Belle Arti di Bari, "da grande madre, la natura è diventato uno spazio da depredare, con Intervento omocromico, abbiamo avuto un approccio diverso rispetto alla terra che si lega al lavoro contadino". E aggiunge: "Con grande sensibilità si è andati alla scoperta del paesaggio da un punto di vista simbolico con un dominio innovativo della natura stessa". Pietro Marino – giornalista e critico dell'arte - ricorda quanto Grazia Terribile abbia scritto una pagina di cultura artistica, importante anche a livello nazionale: "I campi di lavoro artistici danno un'idea del suo empito visionario oscuro rispetto a quelle che erano le teorie dell'epoca. Gli artisti stavano tornando a lavorare in studio in quel periodo. Questo è stato un modo singolare di approcciarsi alla terra", precisando, "ci sono ancora tante questioni rimaste aperte anche se quello non fu un evento fine a se stesso". Enzo Battarra, giornalista e critico d'arte, fu uno dei protagonisti di Intervento omocromico: "Ricordo il senso della comunità, io ero in veste di cronista e partecipavo con loro a tutte le attività. Grazia ha messo questi artisti in questa terra sconfinata, artisti che erano ormai metropolitani, di avanguardia" e concludendo ha aggiunto, "era una donna di grande determinazione".

Tra le zolle della tenuta Terribile, testimone dell'antica arte contadina gravinese, tappeti di terra arata di fresco che a perdita d'occhio si srotolano verso l'orizzonte dove si staglia il profilo di performance ed installazioni d'arte contemporanea. Nella sala gremita, alcuni dei cinquanta artisti e mentre scorrono le immagini del film documentario, si percepisce la lungimiranza di una donna, descritta da chi l'ha conosciuta bene come curiosa e caparbia, in grado di guardare anche oltre l'orizzonte.

Intervento omocromico riporta il soffio caldo di una atipica primavera meridionale, nella quale tutto è stato possibile.
17 foto"Intervento omocromio di Grazia Terribile, trent’anni dopo"
Intervento omocromicoIntervento omocromicoIntervento omocromicoIntervento omocromicoIntervento omocromicoIntervento omocromicoIntervento omocromicoIntervento omocromicoIntervento omocromicoIntervento omocromicoIntervento omocromicoIntervento omocromicoIntervento omocromicoIntervento omocromicoIntervento omocromicoIntervento omocromicoIntervento omocromico
  • Fondazione Ettore Pomarici Santomasi
  • Mostra fotografica
Altri contenuti a tema
1 “Non lasciarmi”: mostra personale del pittore gravinese Davide Mangione fino a domenica 9 agosto “Non lasciarmi”: mostra personale del pittore gravinese Davide Mangione
Cultura, Fondazione Santomasi pronta a ripartire Cultura, Fondazione Santomasi pronta a ripartire Dopo il lockdown arrivano nuove iniziative. Rivendicato il ruolo di punto di riferimento
Fondazione Santomasi, si riparte con nuovo entusiasmo Fondazione Santomasi, si riparte con nuovo entusiasmo Intervista al presidente Mario Burdi, a fine mandato
La Fondazione Santomasi riapre i battenti La Fondazione Santomasi riapre i battenti Nella casa museo sarà garantita la massima sicurezza ai visitatori e agli operatori museali
Gli abiti della Fondazione Santomasi in mostra a Bari Gli abiti della Fondazione Santomasi in mostra a Bari Antichi vestiti e accessori dell’ente morale gravinese presenti nell’esposizione “Moda al Castello”
Corso di formazione in turismo esperienziale Corso di formazione in turismo esperienziale Nuova proposta della fondazione Santomasi
Fondazione ed ex Monastero Santa Sofia sospendono attività Fondazione ed ex Monastero Santa Sofia sospendono attività Per l'emergenza sanitaria nazionale
Gli artisti a Gravina uniti in un'esposizione Gli artisti a Gravina uniti in un'esposizione Inaugurata rassegna di pittura contemporanea all’ex monastero di Santa Sofia
© 2001-2020 Edilife. Tutti i diritti riservati. Nessuna parte di questo sito può essere riprodotta senza il permesso scritto dell'editore. Tecnologia: GoCity Urban Platform.
GravinaLife funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.