forno crematorio
forno crematorio
La città

Forno crematorio, Articolo Uno critica il progetto

Forte impatto ambientale. Chiesti chiarimenti al Comune

Dopo che il problema era stato portato alla ribalta dal consigliere comunale Angelo Lapolla e dopo settimane di silenzio da parte dell'amministrazione comunale, adesso a prendere la parola sull'incombenza della realizzazione di un forno per la cremazione delle salme, a ridosso della zona archeologica è il movimento politico Articolo Uno.

"Un enorme forno crematorio all'interno del cimitero comunale, da realizzarsi attraverso un project financing che nuocerà al turismo trasformando Gravina da città d'arte e di cultura, a "città delle cremazioni"- sottolineano da Articolo Uno.

Un progetto sconosciuto ai più che, nonostante il benestare dell'amministrazione comunale, non è riuscito a superare il vaglio della commissione paesaggistica locale, che a riguardo ha sollevato non poche perplessità. La formazione politica punta il dito contro l'amministrazione rea di non aver reso partecipe del progetto la città.

"Non un atto d'indirizzo di Giunta. Non una determina dirigenziale pubblicata a favore di trasparenza. Non una convocazione di Consiglio Comunale per mettere la città a conoscenza di un nuovo progetto che, qualora diventasse realtà, cambierebbe non solo lo skyline della città, ma anche i più elementari parametri di salubrità dell'aria"- accusano da Articolo Uno.

Il progetto – sostengono dal movimento politico- sarebbe anche meritorio, se fosse realizzato in piena regola, a partire dal posto scelto per allocare il forno crematorio: "Un vero e proprio business cimiteriale da farsi su un bene demaniale, il cimitero appunto, nel quale tantissimi sono i problemi irrisolti". Collocazione infelice, anche per le problematiche ambientali legate alla ubicazione del forno presso l'area cimiteriale.

Infatti- spiegano da Articolo Uno- "ci sarebbero anche molti aspetti ambientali calpestati e disattesi: questo forno crematorio è vicinissimo al torrente la gravina, a pochi passi dal Parco Archeologico e a pochi minuti di strada dal magnifico ponte della gravina che in tanti abbiamo contribuito a portare sul podio della classifica FAI". A questo si aggiunga che il luogo prescelto per il forno crematorio è a ridosso del tratto storico e archeologico della via Appia, unica traccia visibile sul nostro territorio: una situazione ad alto impatto ambientale ed una circostanza che stride con l'idea dell'amministrazione comunale di inserire l'antico tratturo in un progetto del Mibact.

Insomma, una vicenda che merita chiarezza e trasparenza. Quella che Articolo Uno chiede al sindaco Valente, invitandolo a rendere partecipe della volontà dell'amministrazione l'intera cittadinanza, non solo su questo progetto, ma su tutti quegli interventi, come il progetto per le acque reflue al bosco, o quello sul rione piaggio, ma anche le progetti riguardanti il silos e la nuova la rigenerazione urbana (solo per citarne alcuni) che – concludono da Articolo Uno- "pesano come macigni sulla partecipazione dei gravinesi alla vita politica".
  • Articolo 1
Altri contenuti a tema
2 "Dibattista non vuole il forno crematorio. E il resto della giunta?" "Dibattista non vuole il forno crematorio. E il resto della giunta?" Articolo Uno attende ancora risposte
Articolo Uno: nessuna risposta a nostri quesiti Articolo Uno: nessuna risposta a nostri quesiti Il movimento politico insiste su forno crematorio, silos e progetto del bosco
Articolo Uno di Gravina lancia la sfida per le regionali Articolo Uno di Gravina lancia la sfida per le regionali Il movimento politico lancia un invito all'unità
Ambiente e "politica della bellezza" secondo Articolo Uno Ambiente e "politica della bellezza" secondo Articolo Uno Un dibattito per discutere sui valori del disegno di legge regionale
7 Via libera all'abbattimento del silos in via Spinazzola Via libera all'abbattimento del silos in via Spinazzola L'ufficio tecnico concede l'autorizzazione. Articolo 1 attacca
2 Bosco, puntare sulla salvaguardia Bosco, puntare sulla salvaguardia Tutti i dubbi dei cittadini sul progetto da 5 milioni di euro. Intervista a Giuseppe Lapolla
"Recupero acque reflue del Bosco, non c'è stata partecipazione al progetto" "Recupero acque reflue del Bosco, non c'è stata partecipazione al progetto" Le considerazioni di Articolo Uno
"Ufficio del giudice di pace, pronti alla protesta contro la chiusura" "Ufficio del giudice di pace, pronti alla protesta contro la chiusura" L'intervento di Articolo Uno
© 2001-2020 Edilife. Tutti i diritti riservati. Nessuna parte di questo sito può essere riprodotta senza il permesso scritto dell'editore. Tecnologia: GoCity Urban Platform.
GravinaLife funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.