rosoni cattedrale madonna delle grazie
rosoni cattedrale madonna delle grazie
Eventi e cultura

Due rosoni della nostra città verso L’Unesco

La presentazione lunedì 26 settembre

Il dossier della Compagnia degli Exsultanti, di Bari, rappresentata dal suo presidente e giornalista Amtonio Gelormini, è stato il primo passo per avviare percorso e procedure per richiedere il riconoscimento dei 36 rosoni delle chiese di Puglia come Patrimonio dell'umanità UNESCO. Un patrimonio culturale condiviso che coinvolge tutta la regione, dalla Capitanata al Salento. Un tributo alla creatività, all'ingegno e alle peculiarità di ogni singolo territorio.

I rosoni, la parola riporta alla rosa, il fiore dedicato alla Madonna, con la loro forma a cerchio e in molti casi con i raggi che si dipartono dal suo centro, sono strettamente legati al simbolo di Dio. Si tratta di autentici gioielli architettonici di cui la Puglia è ricchissima, tanto da rappresentare un unicum. Quell'unicum che potrebbe presto diventare patrimonio mondiale dell'umanità.
Dice Massimo Danza, titolare dell'agenzia pubblicitaria che si occuperà della promozione, ideatore del logo ed entusiasta sostenitore dell'iniziativa:"L'obiettivo è quello di creare una grande via dei Rosoni, dove il turista possa soffermarsi e apprezzare il valore storico e culturale delle nostre chiese. E tornare più volte nella nostra Puglia per visitarle tutte. Attorno, alla via dei Rosoni inoltre potrebbero essere create molteplici attività di animazione". In questa avventura, in questa cornice di sostanziale e concreta positività, condivisa, sin da subito, dalla Regione Puglia, nella persona del suo presidente, a maggior ragione, a pieno titolo e con orgoglio legittimo si può affermare che la nostra città, ha il privilegio, l'onore e l'esclusiva di essere rappresentata da due rosoni.

Quello posto sulla facciata principale della Basilica Cattedrale," che dà luce alla navata maggiore, tutto intagliato a festoni, ha all'intorno teste in altorilievo e nel mezzo una bellissima sfera, sostenuta da 24 colonnette, nel cui centro è incisa in bassorilievo la figura della Vergine Assunta, alla quale la chiesa fu dedicata. Misura in circonferenza m. 12.70"; e quello altrettanto mastodontico, unico, originale, a 16 razze, sul prospetto della chiesa Madonna delle Grazie, posto nel ventre dell'aquila ad ali spiegate.

Le ragioni della scelta, dell'importanza dell'intero progetto saranno presentate lunedì prossimo 26 settembre, alle ore 18.30, nella chiesa dell'Annunziata in via Borgo, a supporto delle manifestazioni previste nel cartellone programmatico della festa patronale in onore di San Michele Arcangelo. Oratore ufficiale della serata sarà il promotore e l'animatore dell'iniziativa, il giornalista Antonio Gelormini, introdotto da don Giacomo Lorusso, presidente ecclesiastico del Comitato feste patronali. Interverrà il vice sindaco della città, il dott. Filippo Ferrante.
  • Chiesa Madonna delle Grazie
  • Unesco
  • Cattedrale Gravina
  • Madonna delle Grazie
Altri contenuti a tema
Chiesa Madonna delle Grazie e Mons. Giustiniani Chiesa Madonna delle Grazie e Mons. Giustiniani Un quadro, la famiglia Giustiniani, la chiesa Madonna delle Grazie, Francesco Solimena. Da Genova a Gravina
1 Ciechi e ipovedenti, inaugurata mappa tattile della Cattedrale Ciechi e ipovedenti, inaugurata mappa tattile della Cattedrale Iniziativa nel segno dell’accessibilità ed inclusività per tutti
I rosoni di Puglia candidati come patrimonio Unesco. Gravina c’è I rosoni di Puglia candidati come patrimonio Unesco. Gravina c’è Nell'elenco Cattedrale e Madonna delle Grazie
La Cattedrale di Gravina in una visita inedita La Cattedrale di Gravina in una visita inedita Un tour virtuale in realtà aumentata
1 Settimana santa e Pasqua, celebrazioni religiose a porte chiuse Settimana santa e Pasqua, celebrazioni religiose a porte chiuse La diocesi si adegua alle disposizioni del governo e della Cei
2 Nuova statua alla Madonna della Grazia Nuova statua alla Madonna della Grazia L’opera sarà in Vaticano per la benedizione del Papa
Le “vie della transumanza” proposte tra i beni dell’Unesco Le “vie della transumanza” proposte tra i beni dell’Unesco Un progetto al quale aderisce anche Gravina, snodo importante del regio tratturo Melfi-Castellaneta
I muretti a secco dichiarati patrimonio dell'umanità I muretti a secco dichiarati patrimonio dell'umanità Decisione dell'Unesco che premia l'Italia ed altri sette Paesi europei
© 2001-2022 Edilife. Tutti i diritti riservati. Nessuna parte di questo sito può essere riprodotta senza il permesso scritto dell'editore. Tecnologia: GoCity Urban Platform.
GravinaLife funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.