Vescovo Monsignor Giovanni Ricchiuti
Vescovo Monsignor Giovanni Ricchiuti
Religioni

Diocesi: comunioni e cresime rinviate ad ottobre

Disposizioni del vescovo per le varie celebrazioni, in base agli obblighi di emergenza

Con il prolungamento al 3 maggio delle misure emergenziali per il contenimento del Covid-19, i divieti di uscire e l'obbligo di evitare assembramenti valgono anche per le celebrazioni religiose. L'accesso ai luoghi di culto resta consentito, con tutte le precauzioni del caso. Le messe possono celebrarsi con un massimo di dieci persone. Per prime confessioni, comunioni e cresime c'è il rinvio all'inizio del nuovo pastorale, a partire da ottobre.

Il vescovo della diocesi di Altamura-Gravina-Acquaviva, Giovanni Ricchiuti, ha firmato un ulteriore decreto con le modalità di celebrazione delle messe e dei sacramenti nelle sei città del territorio (le altre tre sono Santeramo, Poggiorsini e Spinazzola).

Per quanto riguarda le chiese "è consentito – fino all'apertura della nuova fase, prevista dopo il 3 maggio 2020 – l'accesso ai luoghi di culto per un momento di preghiera personale, purché si evitino assembramenti e si assicuri tra i frequentatori la distanza non inferiore a un metro. Inoltre, è possibile raggiungere il luogo di culto più vicino a casa, intendendo tale spostamento per quanto possibile nelle prossimità della propria abitazione. Possono essere altresì raggiunti i luoghi di culto in occasione degli spostamenti comunque consentiti, cioè quelli determinati da comprovate esigenze lavorative o da necessità, e che si trovino lungo il percorso già previsto, in modo che, in caso di controllo da parte delle forze dell'ordine, si possa esibire o rendere la prevista autodichiarazione".

Per i riti e le celebrazioni, queste sono le disposizioni in tutta la diocesi, così come riportato testualmente nel decreto del vescovo:
  • Per tutte le celebrazioni – sia festive, sia feriali – valgono le disposizioni emanate per la Settimana Santa e il Triduo Pasquale in data 1 aprile 2020: in tutto, non si devono superare 10 persone fisicamente presenti in chiesa, muniti di autocertificazione e mantenendo sempre la debita distanza di sicurezza interpersonale di almeno un metro;
  • Per quanto riguarda la celebrazione delle Prime Confessioni, delle Prime Comunioni e delle Cresime, stando alle previsioni, l'Arcivescovo ritiene che non sarà possibile predisporre simili celebrazioni nell'immediato futuro, sia per il grande concorso di popolo che esse comportano, sia perché – nonostante gli sforzi messi in atto da sacerdoti e catechisti è venuta meno in questo lungo periodo di emergenza la partecipazione da parte di ragazzi e famiglie alla messa domenicale e agli incontri di catechesi loro riservati; pertanto, volendo indicare una linea comune di azione pastorale, ritiene opportuno che le suddette celebrazioni vengano differite all'inizio del nuovo Anno Pastorale, a partire dal mese di ottobre;
  • Per quanto riguarda la celebrazione dei Battesimi, dei Matrimoni e delle Esequie, si è in attesa delle disposizioni che la Conferenza Episcopale Italiana, in accordo con le Istituzioni governative, sta mettendo a punto in vista del 3 maggio p.v.;
  • Restano sospese tutte le espressioni della pietà popolare e le processioni, le quali potranno essere trasferite ad una data conveniente da definire.
  • Monsignor Giovanni Ricchiuti
  • Emergenza Coronavirus - Covid19
Altri contenuti a tema
Un altro termoscanner donato all'ospedale della Murgia Un altro termoscanner donato all'ospedale della Murgia Grazie alla raccolta fondi dell'associazione medica gravinese
Edicola mariana, benedizione del vescovo Edicola mariana, benedizione del vescovo Cerimonia alla presenza di autorità, dopo il restauro dell’edicola votiva
Le misure a sostegno del settore dell'agriturismo Le misure a sostegno del settore dell'agriturismo Oltre all'esenzione della prima rata Imu, ci sarà un credito d'imposta
1 Riparte attività operatoria all'ospedale della Murgia Riparte attività operatoria all'ospedale della Murgia Introdotti percorsi di sicurezza per prevenzione Covid
Covid-19, Gravina tira un sospiro di sollievo Covid-19, Gravina tira un sospiro di sollievo Conferma casi zero. Dopo i test sierologici, i tamponi hanno dato esito negativo
Coronavirus: Puglia, oggi nessun nuovo caso né vittime Coronavirus: Puglia, oggi nessun nuovo caso né vittime Per la prima volta bollettino con "zero" Covid
Coronavirus: zero contagi a Gravina Coronavirus: zero contagi a Gravina Guarite le ultime due persone che erano in isolamento a casa
Coronavirus: la Puglia verso "contagi zero" Coronavirus: la Puglia verso "contagi zero" Terzo giorno senza casi in provincia di Bari
© 2001-2020 Edilife. Tutti i diritti riservati. Nessuna parte di questo sito può essere riprodotta senza il permesso scritto dell'editore. Tecnologia: GoCity Urban Platform.
GravinaLife funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.