Reperti archeologici confiscati
Reperti archeologici confiscati
Cronaca

Confiscati beni archeologici in terracotta

Erano illecitamente detenuti in un'abitazione di Gravina

Reperti archeologici illecitamente detenuti da un uomo di Gravina sono stati sequestrati dalla Guardia di finanza. Erano esposti in una vetrinetta, nell'abitazione della persona denunciata che non ne ha mai denunciato il possesso, venendo meno così all'obbligo di legge.

Si tratta di 19 manufatti in terracotta provenienti da contesti tombali, datati tra la fine del V secolo e l'inizio del IV secolo avanti Cristo. Il ritrovamento è avvenuto nell'ambito di un'attività di servizio di natura fiscale ad un'associazione (la persona denunciata è il rappresentante legale). Quindi è stata effettuata una perizia da parte di un esperto che ne ha attestato l'interesse culturale e archeologico e sono stati catalogati quali ''2 kothon a fascia monoansata, ciotola rotolo convessa monoansata, coppetta ad alto piede a fascia, piatto ad alto piede a motivi fitomorfi di composto, 2 pentolini rituali, stabnoss a decorazione lineare con coperchio, olpetta a vernice bruna, 2 brocchette monoansate a decorazione lineare, piatto su piede ad anello a decorazione lineare, kylix ad alto piede a vernice rossa, brocca a fascia monoansata, piatto su piede a fascia bicroma rossonera, piatto monocromo con vernice caduta, calice a fasce ad alto piede, frammento di labbro con ansa riferibile a brocca, frammento di base di calice''.

Il detentore dei reperti non è stato in grado di dimostrare la legittimità dell'acquisto ed è stato denunciato per violazione delle disposizioni contenute nel codice dei beni culturali e paesaggio. Si ipotizza che i reperti siano frutto di scavi abusivi da parte di tombaroli della zona.

Inoltre, con il sequestro effettuato e poi convalidato dalla Procura della Repubblica di Bari (diretta dal Procuratore F.F. Roberto Rossi), l'uomo è stato privato dei beni detenuti illegittimamente. Il giudice per le indagini preliminari, dott.ssa Ilaria Casu, ha disposto la confisca dei beni e, su richiesta delle fiamme gialle, l'assegnazione del materiale archeologico al Museo nazionale di Altamura.

Presso il Museo altamurano, alla presenza della Direttrice Elena Silvana Saponaro, della sindaca di Altamura Rosa Melodia e dell'assessore alle culture Nunzio Perrone, i reperti sono stati consegnati dal capitano della Compagnia, Paolo Marzano. In tal modo sono stati restituiti alla collettività.

"L'attività di servizio rappresenta una chiara testimonianza della trasversalità dell'azione del Corpo, in questo caso a tutela del patrimonio indisponibile dello Stato", sottolineano le fiamme gialle.
  • Sequestro
  • Reperti archeologici
Altri contenuti a tema
2 "Punto GG": tra speranze e osservazioni per Botromagno "Punto GG": tra speranze e osservazioni per Botromagno Considerazioni dell’associazione “ per la Gravina del futuro”.
1 Archeologia, nuova campagna di scavi a Botromagno Archeologia, nuova campagna di scavi a Botromagno Consigliere regionale Longo: "Segnalerò importanza del sito al ministro Franceschini"
1 Vasi di Botromagno in mostra Vasi di Botromagno in mostra L’iniziativa della Soprintendenza per le Giornate Europee del Patrimonio
2 Sequestro di impianti fotovoltaici, nuovi particolari sull'operazione Sequestro di impianti fotovoltaici, nuovi particolari sull'operazione La zona interessata è vicina al Sic Difesa Grande
Sequestro di beni alla Tradeco per 3,7 milioni di euro Sequestro di beni alla Tradeco per 3,7 milioni di euro Per indebite compensazioni d'imposta
"Operazione antivirus", altri sequestri di igienizzanti e  mascherine "Operazione antivirus", altri sequestri di igienizzanti e mascherine Anche ad Altamura e Gravina
5 Operazione antivirus, in provincia di Bari sequestrati prodotti per igiene Operazione antivirus, in provincia di Bari sequestrati prodotti per igiene Prezzi gonfiati e false etichette per disinfettanti e mascherine
La villa confiscata alla mala andrà alle realtà sociali La villa confiscata alla mala andrà alle realtà sociali Immobile consegnato al Comune dall'Agenzia nazionale. Prima occorre ristrutturarlo per i tanti danni
© 2001-2021 Edilife. Tutti i diritti riservati. Nessuna parte di questo sito può essere riprodotta senza il permesso scritto dell'editore. Tecnologia: GoCity Urban Platform.
GravinaLife funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.