bike nella gravina
bike nella gravina
La città

Bike nel burrone, Gravina dovrebbe andare a lezione di civiltà?

Da pochi giorni attivato il servizio bike sharing conta già le "prime vittime"

La transizione che porta alla mobilità sostenibile deve passare necessariamente prima da un cambio di rotta culturale. A che servono le piste ciclabili e i mezzi pubblici ecosostenibili, comprese le biciclette ecologiche, se poi la cittadinanza si dimostra non ancora all'altezza di questo processo e cambio epocale?

Riflessioni che sorgono spontanee all'indomani delle decine di foto che popolano i social e che mostrano le biciclette del neonato servizio di sharing, maltrattate, vilipese e addirittura lanciate nella scarpata della gravina. Che si tratti di atti vandalici o di gesti inconsulti di pochi scalmanati, le foto si dimostrano più eloquenti di ogni parola e danno il polso della situazione rispetto al livello di civiltà di taluni cittadini gravinesi e che ci ancorano ad una realtà che ci lascia indietro rispetto agli altri comuni, che su questa strada anziché camminare, corrono.

La comunità non si dimostra pronta ad una inversione di marcia sulla via della sostenibilità e manifesta tutta la sua impreparazione e arretratezza rispetto ad una innovazione tecnologica che si presenta come una proiezione nel futuro, fondamentale per una città che ambisce a diventare metà stabile di turismo e capitale italiana della cultura.

C'è ancora molta strada da percorrere per educare e sensibilizzare una parte della cittadinanza che dimostra spregio per i luoghi culturali e ancor più per quella innovazione che la porterebbe verso il terzo millennio, in una dimensione di civiltà dai più agognata, ma che allo stato attuale appare irraggiungibile.

Una città dove gli automobilisti sono arroganti e prepotenti; dove le baby gang la fanno da padrone per le strade; dove ci si picchia, se non di più, per una futile discussione di condominio. Bene, allora, forse questa città avrebbe bisogno di andare a lezione di civiltà. Di crescere culturalmente, iniziando a traslare i propri valori, o simil tali, che per il momento ci stanno portando verso un baratro, così bene rappresentato da una bicicletta in un burrone.
4 fotobike sharing - primi danni
bike sharing - primi dannibike sharing - primi dannibike sharing - primi dannibike sharing - primi danni
  • Atti vandalici
  • Vandalismo
  • bike sharing
Altri contenuti a tema
Cittadini Attivi, Bike sharing non basta Cittadini Attivi, Bike sharing non basta Ancora lunga la strada alla mobilità sostenibile per l’amministrazione Lagreca
4 Bike sharing, cosa c’è da sapere Bike sharing, cosa c’è da sapere I Cittadini Gravinesi stilano una lista di notizie utili per l’uso delle biciclette elettriche a noleggio
Imbrattato il monumento a Canio Musacchio Imbrattato il monumento a Canio Musacchio La mano dei vandali ancora in azione
Atti vandalici contro monumenti, video inchioda i responsabili Atti vandalici contro monumenti, video inchioda i responsabili Un gruppo di giovanissimi ripresi da un passante
1 Disegni osceni sui monumenti, iniziata la pulizia Disegni osceni sui monumenti, iniziata la pulizia Imbrattate le facciate del Museo civico e di Sant’Agostino
Ancora atti vandalici in uffici del Comune Ancora atti vandalici in uffici del Comune Presso la sede dei servizi sociali
Campetto del Ss. Crocifisso, vandali in azione Campetto del Ss. Crocifisso, vandali in azione Rubate maglie di gioco. Appello della parrocchia a restituirle
2 Vandali in azione al bosco Vandali in azione al bosco Prontamente riparati i danni a staccionate e casetta di servizio
© 2001-2024 Edilife. Tutti i diritti riservati. Nessuna parte di questo sito può essere riprodotta senza il permesso scritto dell'editore. Tecnologia: GoCity Urban Platform.
GravinaLife funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.