Sequestro di impianti fotovoltaici
Sequestro di impianti fotovoltaici
Cronaca

Sequestro di impianti fotovoltaici, nuovi particolari sull'operazione

La zona interessata è vicina al Sic Difesa Grande

Nuovi particolari sull'operazione Prometeo della Guardia di Finanza e della Procura di Bari con cui è stata scoperta una truffa ai danni dello Stato di ingente valore. Sono indagate 37 persone tra imprenditori, funzionari pubblici, tecnici mentre per sei società (con sedi in altre regioni) è stata contestata la responsabilità amministrativa.

Si trovano a Gravina nei pressi della strada provinciale 193, a ridosso del Sic Difesa Grande, i dieci impianti fotovoltaici sequestrati venerdì.

Le indagini sono iniziate a marzo 2015 con la ricognizione dei parchi fotovoltaici; è seguita l'acquisizione di documenti presso il Comune di Gravina, il GSE e l'Enel e poi sono proseguite le investigazioni sino all'esito degli ultimi giorni.

Sono oltre 400 gli immobili sequestrati nell'operazione Prometeo, coordinata dalla Procura di Bari e condotta dalla Guardia di finanza, per la truffa nella realizzazione degli impianti fotovoltaici a Gravina.

Il provvedimento cautelare dell'autorità giudiziaria è stato eseguito in nove regioni (Trentino Alto Adige, Veneto, Lombardia, Toscana, Lazio, Puglia, Basilicata, Calabria, Abruzzo) e sono stati sequestrati beni per circa 40 milioni di euro, pari al valore della truffa, consistita nel percepire agevolazioni sulla produzione da fonte rinnovabile di tipo fotovoltaico.

I beni sequestrati sono 417 immobili del valore di circa 14 milioni di euro, quote societarie del valore di 1,2 milioni di euro, 27 automezzi e 333 rapporti bancari con saldi in via di accertamento. Gli indagati sono 37 mentre per in capo a sei società è stata contestata la responsabilità amministrativa. Oltre al sequestro per equivalente, è stato effettuato il sequestro preventivo impeditivo di 10 impianti fotovoltaici, del valore di 50 milioni di euro, ora sotto custodia giudiziaria.

Ricostruito il meccanismo di raggiri e frode. Venivano predisposti documenti falsi con cui effettuare il frazionamento del parco energetico in 10 impianti fotovoltaici ciascuno di potenza inferiore a 1 mW. Veniva, quindi, simulata la messa in esercizio dell'impianto entro il 1° giugno 2011. Con il meccanismo fraudolento gli indagati accedevano alla procedura autorizzativa semplificata (Dia, denuncia di inizio attività) e poi inducevano in errore il Gestore del servizio elettico circa la regolarità del titolo autorizzativo e quindi percepire incentivi economici non dovuti, nella misura massima prevista dal Secondo Conto Energia, quantificati nell'ottobre 2018 in circa 40 milioni di euro.
  • Pannelli fotovoltaici
  • Sequestro
Altri contenuti a tema
Gravina, sequestrati dieci impianti fotovoltaici Gravina, sequestrati dieci impianti fotovoltaici Con l'accusa di truffa per ottenere gli incentivi. Sequestrati beni per 40 milioni in tutta Italia
Sequestro di beni alla Tradeco per 3,7 milioni di euro Sequestro di beni alla Tradeco per 3,7 milioni di euro Per indebite compensazioni d'imposta
"Operazione antivirus", altri sequestri di igienizzanti e  mascherine "Operazione antivirus", altri sequestri di igienizzanti e mascherine Anche ad Altamura e Gravina
5 Operazione antivirus, in provincia di Bari sequestrati prodotti per igiene Operazione antivirus, in provincia di Bari sequestrati prodotti per igiene Prezzi gonfiati e false etichette per disinfettanti e mascherine
La villa confiscata alla mala andrà alle realtà sociali La villa confiscata alla mala andrà alle realtà sociali Immobile consegnato al Comune dall'Agenzia nazionale. Prima occorre ristrutturarlo per i tanti danni
Terreno agricolo trasformato in una pericolosa discarica, sequestrato dal NOE Terreno agricolo trasformato in una pericolosa discarica, sequestrato dal NOE Denunciato il proprietario. Sulla vasta area è stata accumulata un'ingente quantità di rifiuti
1 Capi di abbigliamento illegali provenienti dalla cina Capi di abbigliamento illegali provenienti dalla cina Sequestro del Nucleo CITES Carabinieri di Bari
Sotto sequestro cinque silos abusivi a Poggiorsini Sotto sequestro cinque silos abusivi a Poggiorsini L'operazione condotta dal Corpo Forestale dello Stato
© 2001-2020 Edilife. Tutti i diritti riservati. Nessuna parte di questo sito può essere riprodotta senza il permesso scritto dell'editore. Tecnologia: GoCity Urban Platform.
GravinaLife funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.