Centro per l'Impiego
Centro per l'Impiego
La città

Centro per l’impiego, ristrutturato ma ancora chiuso

Appello alla Regione Puglia per la riattivazione dello sportello

La storia si ripete. Cambiano gli attori ma non i disservizi.

Era febbraio dello scorso anno e il Centro per l'impiego di Gravina chiudeva i battenti per conclamate "criticità ambientali" messe nero su bianco dall'ispettorato del lavoro che rendevano necessari alcuni interventi di ristrutturazione e messa in sicurezza degli uffici di via Tevere.

A distanza di oramai un anno e a lavori conclusi, gli uffici sono ancora chiusi, i dipendenti in servizio ad Altamura e i disoccupati gravinesi costretti a recarsi in determinate giornate presso la sede altamurana.

Intanto normativa e competenza sono state modificate e dopo il passaggio sancito anni fa a favore dell'ex provincia di Bari, i centri per l'impiego sono tornati sotto la competenza della Regione Puglia su cui oggi ricade la responsabilità della mancata riattivazione del centro per l'impiego gravinese.

Stando a quanto riportato in uno degli ultimi atti di indirizzo approvati dalla giunta Valente "i competenti uffici regionali, pur formalmente informati dell'avvenuto ripristino della funzionalità logistica della sede del Centro per l'Impiego di Gravina in Puglia, non ne hanno ad oggi disposto la riapertura".

Ignote le motivazioni e soprattutto i tempi per la riattivazione dell'ufficio. La giunta municipale, al fine di porre fine ai disservizi patiti dai disoccupati gravinesi, ha chiesto in via ufficiale al Presidente della Regione Puglia di "provvedere alla riapertura immediata del Centro per l'Impiego di Gravina in Puglia, la cui rilevanza strategica è stata già oggetto, come rilevato, di espresso riconoscimento da parte dalla Provincia di Bari" si legge in coda all'atto di indirizzo ricordando gli eventi del 2012 quando l'allora presidente della Provincia di Bari, Francesco Schittulli dispose la chiusura dell'ufficio classificato prima tra gli uffici di secondo livello e poi promosso a centro di eccellenza.

Caratteristica , quest'ultima, venuta a mancare proprio per bocca degli stessi dipendenti dell'ufficio che hanno denunciato il mal funzionamento degli impianti di riscaldamento, la presenza di toner esausti conservati nell'ufficio che spigionano sgradevoli odori e anche la presenza di umidità su una parete della struttura. Criticità che sarebbero state risolte con i lavori di ristrutturazione e di cui in Regione nessuno ha contezza.
  • Regione Puglia
  • Lavoro
  • Centro per l'impiego
Altri contenuti a tema
Attività extra-agricole, la Regione stanzia altri 20 milioni Attività extra-agricole, la Regione stanzia altri 20 milioni Per investimenti in attività agrituristiche o produzioni complementari all’agricoltura
Contributi per disabili gravi, al via le domande Contributi per disabili gravi, al via le domande Stanziati 41,5 milioni dalla Regione. Aiuto rivolto pure ad anziani
Grave incidente sul lavoro a Gravina Grave incidente sul lavoro a Gravina Operaio cade da camion in un'attività edile
Dal 18 maggio riaprono saloni estetici e parrucchieri Dal 18 maggio riaprono saloni estetici e parrucchieri Ecco l'ordinanza della Regione Puglia
Estetisti e parrucchieri pronti a riaprire in totale sicurezza Estetisti e parrucchieri pronti a riaprire in totale sicurezza Incontro in videoconferenza tra Regione, associazioni e sindacati
Cassa integrazione in deroga, boom di domande Cassa integrazione in deroga, boom di domande Arrivate quasi 35000 domande. Si attendono i pagamenti
Negozi chiusi 25, 26 aprile e 1 maggio Negozi chiusi 25, 26 aprile e 1 maggio il Presidente Emiliano emana un’ordinanza di chiusura per le attività commerciali
Cassa integrazione, accordo in Puglia per anticipo delle somme Cassa integrazione, accordo in Puglia per anticipo delle somme Il lavoratore potrà fare richiesta in banca
© 2001-2020 Edilife. Tutti i diritti riservati. Nessuna parte di questo sito può essere riprodotta senza il permesso scritto dell'editore. Tecnologia: GoCity Urban Platform.
GravinaLife funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.