mandolino sattaorig
mandolino sattaorig
Politica

Anche l'Upc nell'occhio del ciclone

Diversi iscritti e dirigenti lasciano il partito contestando il segretario. "Gestione personalistica: voleva le dimissioni di Lafabiana".

Una lettera alla segreteria nazionale, per ribadire vicinanza ideale al partito, ma pure per contestare l'operato del segretario-consigliere comunale Leonardo Mandolino. E per annunciare la salita volontaria sull'Aventino.

Nei giorni scorsi s'è squagliata come neve al sole Fli, uscita dalle urne come seconda forza della coalizione e nel giro di sei mesi rimasta senza nessuno dei quattro consiglieri eletti. Il ciclone s'è poi abbattuto sull'intera maggioranza, costretta a far di conto con nuovi equilibri. Adesso venti di tempesta sembrano aver preso a soffiare anche sull'Unione Popolare Cristiana. Il partito guidato a livello nazionale da Antonio Satta (nella foto: a sx, con Mandolino) è stato negli ultimi giorni al centro di un esodo imponente: hanno infatti lasciato l'ex consigliere comunale Michele Gismundo, Vito Raguso (noto alle cronache per essere presidente di Azione Cattolica), Oronzo Rifino (presidente cittadino di Confesercenti) e diversi iscritti, tra i quali tre candidati alle ultime amministrative, ovvero l'imprenditore Pietro Dipasquale, lo studente universitario Gianni Leone, l'operaio Gerardo Capezzera.

I motivi dell'abbandono trovano spiegazione in una missiva indirizzata ai vertici nazionali nella quale si censurano apertamente le scelte di Mandolino, consigliere comunale, segretario sezionale e leader provinciale dell'Upc. "Subito dopo il risultato elettorale - sostiene l'ala critica del partito - il segretario, con la sua ristretta cerchia di collaboratori, ha imposto le sue decisioni. Al punto che non poca fatica è costata la scelta del presidente Lafabiana quale assessore. E' seguito poi l'azzeramento della segreteria e delle cariche direttive, in barba alle regole statutarie ed al buon senso. A nulla è valso il tentativo di intraprendere un'azione unitaria in un momento di forte responsabilità politico-amministrativa, di serietà di intenti e di impegno per il bene comune". E quel che è peggio, si aggiunge, il tutto avrebbe avuto inizio e corso con un solo obiettivo: defenestrare l'assessore Lafabiana e imporre "assessori più graditi e più vicini alla persona del segretario, senza preoccuparsi della crisi che si sarebbe aperta a soli tre mesi dall'insediamento dell'amministrazione comunale".

Adesso che la crisi c'è, ed è scoppiata fragorosa, è probabile che prima o poi anche le questioni di casa Upc finiscano sul tavolo della coalizione, attualmente impegnata a dirimere la controversia coi tabacciani gravinesi. Della vicenda si starebbe occupando intanto il segretario nazionale Satta, che sulle rimostranze mosse dagli aventiniani avrebbe già avviato un fitto carteggio con Mandolino. Ma la frattura non sarebbe stata affatto ricomposta. E non è escluso che, prima o poi, le ripercussioni del divorzio possano ricadere anche sul Valente I...
  • Leonardo Mandolino
  • Michele Gismundo
  • Felice Lafabiana
  • Oronzo Rifino
  • Antonio Satta
  • Vito Raguso
Altri contenuti a tema
Danni alle colture, il Comune al fianco di Cia e Coldiretti Danni alle colture, il Comune al fianco di Cia e Coldiretti Richiesta alla Regione la calamità naturale per i danni da gelate e neve di fine marzo e aprile
Gravina tra i Comuni dell’Acci Gravina tra i Comuni dell’Acci Rifino referente locale dell’Associazione consumatori cittadini
Fase 2, proposte di commercianti e artigiani Fase 2, proposte di commercianti e artigiani Cna e Fenailp scrivono al sindaco Valente. Richieste per il rilancio economico
Fenailp Puglia, azzerati incassi delle strutture ricettive Fenailp Puglia, azzerati incassi delle strutture ricettive Gli operatori del comparto si sentono abbandonati. Rifino (Fenailp) scrive a Capone
Finailp chiede sostegno al Comune Finailp chiede sostegno al Comune L’associazione degli imprenditori chiede provvedimenti per sostenere le aziende
2 Parchi e gestione del verde pubblico, nuova puntata del talk politico Parchi e gestione del verde pubblico, nuova puntata del talk politico Lafabiana e Lovero ai microfoni di Gravinalife
15 Il Cipresso di Viale Martiri va abbattuto Il Cipresso di Viale Martiri va abbattuto Lafabiana risponde alle critiche
1 Cipresso di Viale Martiri: tutti contro Lafabiana Cipresso di Viale Martiri: tutti contro Lafabiana Il Consigliere Lorusso chiede gli atti e la Lipu smentisce l’assessore
© 2001-2020 Edilife. Tutti i diritti riservati. Nessuna parte di questo sito può essere riprodotta senza il permesso scritto dell'editore. Tecnologia: GoCity Urban Platform.
GravinaLife funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.