un anno di covid- foto Piero Amendolara
un anno di covid- foto Piero Amendolara
La città

Ad un anno dal lockdown

Il racconto della città "chiusa per pandemia" nelle foto di Pietro Amendolara

E' trascorso un anno e quasi non ci facciamo più caso. Ci siamo quasi abituati a convivere con l'incubo del covid. Molti di noi hanno probabilmente rimosso i duri mesi che hanno seguito quel fatidico 9 marzo del 2020, quando l'Italia entrò in lockdown: esperienza senza precedenti per una nazione che piombò nel terrore e nella paura di non poter più rialzarsi dalla pandemia causata dal coronavirus.

Ad un anno da quella terribile esperienza, l'effetto della pandemia è tutt'altro che messo alle spalle. Nuove ondate e varianti del virus stanno facendo tuttora tribolare la popolazione mondiale, che non riesce ancora a vedere l'uscita dal tunnel, neanche adesso che tutte le speranze di superare questo difficile momento sono riposte nell'efficacia dei vaccini.

Il panico, i timori, le angosce e la speranza di quei primi mesi di lockdown nella città di Gravina sono stati immortalati sapientemente dalla macchina fotografica di Pietro Amendolara, che ha voluto raccontare, attraverso alcuni reportage tematici, quei drammatici momenti. Immagini catturate dall'obiettivo del fotografo gravinese che non sono scatti estemporanei, ma che intendono raccontare uno spaccato della vita di Gravina nel periodo di chiusura.

Dai primi giorni, racchiusi nell'album la "Prima settimana", (nella quale - dice Amendolara- venivano fotografate "tutte le cose strane che osservavo davanti a me"); ai flashmob sui balconi e alle luci "dalle finestre", dalle quali si intravedevano i volti delle persone; ma anche un set dedicato agli affetti più cari, persone con cui purtroppo non potevi incontrarti.

Un capitolo della narrazione fotografica ha immortalato "la città vuota": la desolazione della città inanimata. Per passare poi allo smarrimento delle persone a zonzo per la città, quasi senza meta ("Paesani spaesati" come li chiama Amendolara); seguendo anche il problema del "lavoro", con la zona industriale inanimata, aziende chiuse e strade deserte nel cuore pulsante dell'area dedita alla produttività locale.

E poi, ancora, le "presenze quotidiane" come il macellaio, il medico, il panettiere, ma anche i volontari della protezione civile, che in quel periodo abbiamo imparato a conoscere.

Ed infine un set di foto sul giorno di Pasqua, con scatti nell'arco di una sola ora nel giorno di festa a segnare la differenza con il passato, quando tutti erano in piazza a scambiarsi gli auguri e invece lo scorso anno in quel giorno nel centro storico non vi era anima viva. "L'unico rammarico per quanto riguarda la fotografia è stato non aver potuto, per questioni di sicurezza fotografare infermieri e medici all'opera"- confessa il fotografo, spiegando come, con questi progetti fotografici, abbia voluto conservare una testimonianza "di questi giorni incredibili che abbiamo vissuto e che resteranno per sempre nella memoria di tutti noi qualunque cosa accada".

Centinaia di istantanee, delle quali abbiamo deciso di proporre solo una minima parte, che colgono l'attimo e lo trasformano in narrazione, in un racconto della città e della sua vita ai tempi del covid.
24 fotoun anno di covid
un anno di covidun anno di covidun anno di covidun anno di covidun anno di covidun anno di covidun anno di covidun anno di covidun anno di covidun anno di covidun anno di covidun anno di covidun anno di covidun anno di covidun anno di covidun anno di covidun anno di covidun anno di covidun anno di covidun anno di covidun anno di covidun anno di covidun anno di covidlockdown una ora sola
  • Emergenza Coronavirus - Covid19
Altri contenuti a tema
Covid: bilancio settimanale su contagi e vaccini Covid: bilancio settimanale su contagi e vaccini A Gravina 2000 vaccinazioni in sette giorni
Covid e vaccini, il bilancio settimanale a Gravina Covid e vaccini, il bilancio settimanale a Gravina Risultano in calo i nuovi casi di contagio
Vaccinazioni, iniziate somministrazioni a pazienti oncologici Vaccinazioni, iniziate somministrazioni a pazienti oncologici Presso l'ospedale della Murgia
Vaccini, scelti due padiglioni della fiera Vaccini, scelti due padiglioni della fiera Prende forma il “presidio sanitario” anticovid gravinese
Lo stadio utilizzato per soccorso di emergenza Lo stadio utilizzato per soccorso di emergenza Presso l'ospedale l'elisuperficie non è utilizzabile
6 Vaccinazioni in Puglia, aperte le adesioni per altre fasce di età Vaccinazioni in Puglia, aperte le adesioni per altre fasce di età Si comincia oggi con 79enni e 78enni, via via gli altri. Ecco come fare
4 Cinque persone multate in un locale privato Cinque persone multate in un locale privato Controlli della Polizia locale per l'osservanza delle regole anti-Covid
1 Ospedale della Murgia, nuova tecnica diagnostica Ospedale della Murgia, nuova tecnica diagnostica Uno strumento per migliorare le terapie nei pazienti Covid
© 2001-2021 Edilife. Tutti i diritti riservati. Nessuna parte di questo sito può essere riprodotta senza il permesso scritto dell'editore. Tecnologia: GoCity Urban Platform.
GravinaLife funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.