teatro vida- Foto Angelo Angiulli" />
teatro vida- "Rur" - compagnia "torre del Drago". Foto Angelo Angiulli
Eventi e cultura

Vida, bel successo per “R.U.R. Rossum’s Universal Robot”

Dalla compagnia “Torre del Drago” una rivisitazione dell’opera del 1920 di Čapek. Temi sempre attuali

Cosa succederebbe se il mondo fosse dominato da automi? Cosa avverrebbe se i robot prendessero il sopravvento sugli uomini? Cosa accadrebbe se l'uomo, volendosi sostituire a Dio, creasse un universo fatto di robot? E ancora: Se sono l'anima ed i sentimenti a differenziare gli uomini dai robot, cosa capiterebbe se gli automi fossero dotati di paura e di dolore? Domande che hanno intriso il percorso della rappresentazione portata in scena lo scorso fine settimana al Vida dalla compagnia teatrale "Torre del Drago" di Bitritto.

Un'opera teatrale dai risvolti drammatici con momenti esilaranti, ma che non si esime dal suo intento pedagogico di portare lo spettatore ad una profonda riflessione. "R.U.R. Rossum's Universal Robot", del 1920 di del ceco Karel Čapek, riadattata magnificamente dal regista Luigi Facchino e portata in scena magistralmente dai giovani attori della "Torre del Drago" è riuscita a far emozionare tutti i presenti, portandoli a meditare sul pericolo che si corre quando la presunzione dell'uomo lo porta a volersi sostituirsi a Dio per creare degli uomini "migliori".

Scenografie e costumi curati nei minimi particolari, colonna sonora che ha trasportato gli spettatori con il giusto pathos, da una scena ad un'altra, senza mai perdere di vista l'obiettivo finale. Un argomento di estrema attualità: il rischio che accompagna il trionfo del progresso, nel momento in cui l'uomo si arroga il diritto di creare automi sempre più simili a lui. Non solo macchine che lo sostituiscono instancabilmente nel lavoro "senza passione, senza storia e senza anima", ma robot che, sempre più affinati, provano paura e dolore, sentimenti che li portano alla ribellione verso il loro "padrone-creatore" sul quale prenderanno il sopravvento.

Un peccato di arroganza dei potenti del mondo, che si ritorcerà contro di loro, nonostante la voce del popolo (rappresentata dalla figura comica e folcloristica di una splendida Rossella Viesti nel ruolo della Tata) li metta in guardia dai pericoli che accompagnano tale vanità. Un eccesso di presunzione degli umani, pagato a caro prezzo.

Cosa rimane allora del mondo e degli uomini dopo che i robot hanno smesso di essere macchine e sono stati dotati di consapevolezza? Solo macerie? "L'uomo piange per ciò che ha pensato potesse condurlo alla salvezza e non avrebbe dovuto sfidare ciò che tutto ha creato"- dice Primus, uno degli automi che più di altri manifesta la presenza di sentimenti che lo stanno umanizzando.

Insomma, al Vida è andata in scena un'opera, a volte grottesca a volte drammatica, di grande potenza scenica retta da un importate messaggio morale. Perché non c'è da disperarsi ed essere catastrofisti quando tutto sembra perduto e pare che il mondo debba finire: "L'amore non morirà e genererà il seme della vita". Questo il messaggio di speranza che la compagnia "Torre del Drago" ha lasciato in eredità al pubblico del Vida, che ha ricambiato riservando agli attori ed al regista una moltitudine di applausi.

Roberto Varvara
12 foto- Vida -"Rur" -compagnia teatrale "torre del Drago"
- Vida -"Rur" -compagnia teatrale "torre del Drago"- Vida -"Rur" -compagnia teatrale "torre del Drago"- Vida -"Rur" -compagnia teatrale "torre del Drago"- Vida -"Rur" -compagnia teatrale "torre del Drago"- Vida -"Rur" -compagnia teatrale "torre del Drago"- Vida -"Rur" -compagnia teatrale "torre del Drago"- Vida -"Rur" -compagnia teatrale "torre del Drago"- Vida -"Rur" -compagnia teatrale "torre del Drago"- Vida -"Rur" -compagnia teatrale "torre del Drago"- Vida -"Rur" -compagnia teatrale "torre del Drago"- Vida -"Rur" -compagnia teatrale "torre del Drago"- Vida -"Rur" -compagnia teatrale "torre del Drago"
  • Teatro Vida
  • Amattori... insieme
Altri contenuti a tema
2 Applausi al Vida per “Il marito di mio figlio” Applausi al Vida per “Il marito di mio figlio” La commedia brillante dello Stabile dei Nomadi ha fatto ridere e riflettere sul tema dei matrimoni gay
Per “AmatTori insieme” al Vida c’è “U ciclopu” della compagnia palermitana Volti del Kaos Da sabato 23 novembre Per “AmatTori insieme” al Vida c’è “U ciclopu” della compagnia palermitana Volti del Kaos
Il "Vida" festeggia 10 anni di vita Il "Vida" festeggia 10 anni di vita Tre giornate per ricordare l’inaugurazione del piccolo teatro cittadino
Teatro Vida: ombelico culturale della città Teatro Vida: ombelico culturale della città Il presidente del teatro Debora Schinco ci illustra le attività previste per la nuova stagione 2019-2020
Teatro Vida, buona la prima per la rassegna “Amattori Insieme” Teatro Vida, buona la prima per la rassegna “Amattori Insieme” Applausi per Enzo D'Arco e la “Cantina delle Arti”, in scena con De Filippo
1 Al Vida è tutto pronto per “Amattori…insieme” Al Vida è tutto pronto per “Amattori…insieme” La rassegna del teatro amatoriale è giunta alla sua undicesima edizione.
Il teatro Vida ai saluti di fine stagione Il teatro Vida ai saluti di fine stagione Con i saggi di fine corso dei laboratori teatrali si chiude l'annata
Teatro Vida, è tempo di bilanci Teatro Vida, è tempo di bilanci Intervista a Michele Mindicini e Debora Schinco
© 2001-2019 Edilife. Tutti i diritti riservati. Nessuna parte di questo sito può essere riprodotta senza il permesso scritto dell'editore. Tecnologia: GoCity Urban Platform.
GravinaLife funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.