Sit in collocamento
Sit in collocamento
La città

Ufficio di collocamento: scatta la rivolta dei sindacati

Martedì pomeriggio assemblea in Comune. Ma lo sportello non c'è più: portati via gli arredi, staccate le utenze.

"Hanno portato via tutto. L'unica cosa che hanno lasciato, sparsi su tutto il pavimento, sono faldoni e pratiche. Anni di lavoro trasformati in carta straccia".

Ha le lacrime agli occhi, mentre passeggia confuso per via Tevere racconta la sua storia uno dei dipendenti di quello che era il centro per l'impiego di Gravina. Nei giorni scorsi i furgoni inviati dalla Provincia hanno portato via tutto: mobili, suppellettili e persino le briciole di speranza. Quelle di cui in molti s'erano nutriti da quando, sin dall'inizio della storia, finanche il sindaco Alesio Valente s'era spinto a rassicurare tutti che no, mai e poi mai Gravina avrebbe perduto il suo ufficio di collocamento. Del resto, una città che aveva mandato alla Provincia un presidente al quale aveva dato i natali e ben due consiglieri provinciali, pensava di poter dormire tra sette cuscini. Invece, gli operai si sono presi anche quelli. Ed il risveglio è stato duro, anche se l'opinione pubblica non s'è mai appassionata fino in fondo alla storia dell'ufficio che bisognava chiudere ma che qualcuno pensava di aver salvato e che comunque, se pure fosse stato chiuso, sarebbe stato in ogni caso riaperto per cinque giorni a settimana, come auspicava e garantiva il Comune.

Forse, un giorno, sarà così. E quel giorno, se e quando arriverà, il conto che bisognerà pagare per riavere lo sportello sarà reso ancor più salato anche dalla necessità di riattivare i contratti per le utenze: la Provincia ha staccato anche luce, gas e telefono. Intanto, i dipendenti si sono trasformati in pendolari, come le centinaia di gravinesi costretti a raggiungere quotidianamente Altamura persino per un certificato di disoccupazione. "E' una barzelletta. Dobbiamo dire basta", gridano adesso che lo scippo è stato consumato Cgil, Cisl e Uil. "Il nostro centro per l'impiego - aggiungono - è ancora chiuso, nonostante le tante promesse che la Provincia ha fatto. Questa presa in giro non è più tollerabile. E' arrivato il momento di fare appello all'intera comunità per una forte ed ampia mobilitazione".

Un sit in convocato in pieno luglio, nei giorni caldi della vicenda, si rivelò un flop: parteciparono una trentina di persone (nella foto). Ritentar non nuoce: appuntamento per tutti, compresi "organizzazioni politiche, rappresentanti dell'amministrazione, consiglieri provinciali e associazioni" - fanno sapere Cgil, Cisl e Uil - a martedì, alle 17.30, nei saloni dell'aula consiliare.
  • Ufficio collocamento Gravina
Altri contenuti a tema
1 Centro impiego, sempre tutto fermo Centro impiego, sempre tutto fermo Nuova sollecitazione alla Regione per l'apertura degli uffici
La Regione Finanzia la formazione per i Centri per l’impiego La Regione Finanzia la formazione per i Centri per l’impiego Leo: “Dalla Regione 12 mln per adeguare e rafforzare le competenze degli operatori”
Ufficio di collocamento: è ancora polemica Ufficio di collocamento: è ancora polemica Code infinite agli sportelli e personale insufficiente
Riapre l'Ufficio di collocamento: è già assalto di utenti Riapre l'Ufficio di collocamento: è già assalto di utenti Comune e Provincia soddisfatti
Riapre l'ufficio di collocamento. O forse no Riapre l'ufficio di collocamento. O forse no Giallo sul trasferimento dei dipendenti
Ufficio di collocamento: marcia su Bari Ufficio di collocamento: marcia su Bari Da Gravina parte l'ultimatum per Schittulli
© 2001-2020 Edilife. Tutti i diritti riservati. Nessuna parte di questo sito può essere riprodotta senza il permesso scritto dell'editore. Tecnologia: GoCity Urban Platform.
GravinaLife funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.