shopping saldi 2008
shopping saldi 2008
Territorio

Saldi estivi, al via dal 3 luglio

Indagine Confesercenti: la ripresa stenta a partire.

Ancora pochi giorni e poi da venerdì 3 luglio, in anticipo di un giorno rispetto al reso d'Italia, in Puglia inizieranno i saldi. Le associazioni dei consumatori si raccomandano di controllare con cura i capi, in caso di abbigliamento e di diffidare degli sconti eccessivi se non si conosce il negozio.
Ai commercianti invece, si ricorda l'obbligo di esporre il prezzo inziale e la percentuale di saldo su ogni singolo articolo. In una parola: trasparenza.

Ma dalla Confesercenti arriva l'ennesimo grido di allarme per un Paese che stenta a ripartire e che oramai non si lascia incoraggiare nemmeno dalla stagione degli sconti.
Secondo l'ennesimo sondaggio oltre i due terzi degli italiani (il 71%) non vedono in prospettiva una ripresa dei consumi. Il 41% dei consumatori prevede di mantenere i propri consumi invariati, mentre un altro 30% li prevede in calo. Solo il 24% del campione esprime, invece, un segnale di ottimismo. A pesare sulla maggior parte dei nuclei, in particolare - rileva l'indagine presentata in occasione dell'assemblea 2015 di Confesercenti - il deterioramento delle condizioni finanziarie e il clima di incertezza che caratterizza il lavoro. Sul fronte del reddito mensile, in particolare, più della metà degli italiani (il 61%) segnala una situazione difficile: di questi, un 47% afferma di riuscire appena a coprire le spese, senza potersi permettere ulteriori lussi e per il 14% il reddito non basta nemmeno per le necessità indispensabili della propria famiglia.
E non va meglio nemmeno sul fronte delle imprese.

Sempre secondo il sondaggio di Confesercenti dice che oltre 8 imprenditori su 10 (82%) a giugno dichiarano di non aver intercettato l'inversione di tendenza; più di uno su due (51%) non rileva miglioramenti rispetto al 2014, mentre il 31% sostiene di avere subito un nuovo calo. Solo il 17% delle imprese vede segnali di miglioramento. La sofferenza delle imprese appare legata soprattutto all'eccessivo prelievo fiscale - rileva lo studio presentato in occasione dell'assemblea annuale di Confesercenti - per questo tre imprenditori su quattro (75%) ritengono prioritario che il Governo vari una riforma del fisco che alleggerisca il peso delle tasse. Ma è forte anche la richiesta di un intervento urgente per la semplificazione: il 42% vorrebbe snellire la burocrazia, mentre un 18% di imprese chiede interventi per una giustizia più celere.
In definitiva, nonostante le rassicurazioni che quotidianamente giungono dal Governo, la sfiducia nel Paese resta altissima.
Chissà che i saldi non smentiscano questa tendenza.
  • Saldi
  • Confesercenti Gravina
Altri contenuti a tema
Saldi, falsa partenza a causa del maltempo Saldi, falsa partenza a causa del maltempo Confesercenti Puglia: "Vendite a picco nella prima settimana"
Arrivano i saldi ma i commercianti locali continuano a piangere Arrivano i saldi ma i commercianti locali continuano a piangere Beffati due volte: dal mercato e dai saldi anticipati
La befana porta i saldi La befana porta i saldi Dal 5 gennaio in Puglia al via le vendite scontate
Saldi al via il 5 gennaio Saldi al via il 5 gennaio Ma la delibera regionale non convince tutti
Primo Educational tour per le strutture ricettive Primo Educational tour per le strutture ricettive L'iniziativa promossa dalla Confesercenti parte da Gravina e Altamura
Con la Befana arrivano i saldi invernali Con la Befana arrivano i saldi invernali Al via dal 5 gennaio la vendita a prezzi scontati
​Comparto extralberghiero in crescita, volano del turismo pugliese ​Comparto extralberghiero in crescita, volano del turismo pugliese Un incontro tra AIGO e operatori del settore
I prodotti tipici locali in mostra per Expo I prodotti tipici locali in mostra per Expo La Confesercenti a Cibi del Mondo
© 2001-2019 Edilife. Tutti i diritti riservati. Nessuna parte di questo sito può essere riprodotta senza il permesso scritto dell'editore. Tecnologia: GoCity Urban Platform.
GravinaLife funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.