Tumore al seno
Tumore al seno
Ospedale e Sanità

Puglia: lotta ai tumori, indice di mortalità in calo

I risultati di uno studio. Nota dolente: le liste di attesa

Una sanità in fase di riorganizzazione, proiettata verso un costante miglioramento dei servizi a livello di ospedali e territorio, che già adesso può far leva sulla buona qualità delle strutture e l'empatia, la competenza e la professionalità di medici e infermieri. È il quadro dell'assistenza sanitaria nella Regione Puglia che emerge dalla ricerca "La Puglia e la lotta ai tumori: il punto di vista di pazienti e cittadini".

L'indagine, che coinvolge in modo parallelo cittadini e pazienti oncologici e onco-ematologici, è stata realizzata dall'Istituto Ipsos insieme a Salute Donna Onlus e alle Associazioni del progetto "La salute: un bene da difendere, un diritto da promuovere", impegnate a promuovere il miglioramento dell'assistenza e della cura dei pazienti affetti da tumore e attive in Puglia: aBRCAdaBRA, ACTO Onlus, APAIM – Associazione Pazienti Italia Melanoma, Uì Together, AIL Bari, Gruppo AIL Pazienti con Leucemia Mieloide Cronica (LMC) e L'Arcobaleno della Speranza.

La Puglia, dove oltre 100.000 persone convivono con un tumore, con 21.000 nuovi casi registrati ogni anno e un trend di mortalità in calo, è la quinta 'tappa' dell'indagine che il progetto sta promuovendo in diverse Regioni italiane per misurare la percezione dei malati di tumore e dell'opinione pubblica rispetto all'offerta erogata dai Servizi Sanitari Regionali.

Dai due "bracci" della ricerca emerge il punto di vista differente di pazienti oncologici e cittadini: i pazienti, che vivono in prima persona l'esperienza della malattia e delle cure, restituiscono un parere positivo sul Sistema Sanitario della propria Regione con circa il 75% di giudizi favorevoli; un tasto dolente per i pazienti sono i tempi di attesa per l'ottenimento di visite o esami di controllo, giudicati eccessivi da 1 paziente pugliese su 4. Complessivamente meno lusinghiero il giudizio dell'opinione pubblica (47%), soprattutto se messo in relazione con le altre Regioni.

Analizzando le risposte dei pazienti, al primo impatto, al momento della diagnosi, i giudizi sull'articolazione dei servizi risultano piuttosto soddisfacenti: in particolare, le relazioni umane che segnano il percorso di cura sono ritenute adeguate, così come la preparazione e professionalità del personale, la qualità degli ambienti e dei macchinari e la chiarezza informativa. I tempi di attesa risultano il punto di forte caduta nell'esperienza dei pazienti intervistati. Da segnalare però il dato che un tumore su 3 (33%) in Puglia è stato scoperto casualmente a fronte di meno di uno su 5 per merito degli screening (screening volontario 12%, screening offerto dal SSN 5%). Particolamente significativo il dato dell'elevata percentuale, dal 34 al 50%, di pazienti che si astengono dal giudizio rispetto ai Centri di cura e alle possibilità di scelta.

Quasi un paziente su 2 al momento della diagnosi sente il bisogno di approfondire la sua condizione: con una 'second opinion' nel 71% dei casi, mentre un terzo circa si rivolge a internet, un paziente su 6 ha cercato un confronto in famiglia o tra i conoscenti e l'11% ha chiesto supporto a un'Associazione di pazienti.

Più della metà dei pazienti è al corrente dell'esistenza dei test genetici, ma solo un esiguo 5% è in grado di citarne almeno uno correttamente. Circa un paziente pugliese su 2 (47%) è al corrente delle terapie sperimentali e 1 su 4 ha ricevuto la proposta di accedervi. Il 65% dei pazienti conosce i farmaci innovativi in ambito oncologico, al confronto la popolazione generale risulta meno ma meglio informata su queste nuove terapie. Poco meno del 50% dei cittadini e dei pazienti pugliesi sa dell'esistenza delle Breast Unit anche se sono scarsi i dettagli conoscitivi su queste strutture interamente dedicate alla diagnosi e cura del tumore al seno. Riguardo al percorso di cura, tra i pazienti che hanno subito un intervento chirurgico (53%) il giudizio sulla struttura è ottimo; circa un paziente su 3 è stato operato dove è stato curato; un paziente su 10 ha cambiato struttura, il 9% è andato fuori Regione per farsi operare.

La scelta del servizio pubblico è decisamente maggioritaria in Puglia. Interessante il dato sul fattore umano e sulla competenza che sono la leva primaria per la scelta della struttura seguite dall'orientamento dello specialista e in ultimo dalla reputazione del Centro di cura. I medici informano in modo corretto e adeguato nell'81% dei casi, solo il 2% dei pazienti firma il consenso senza leggere, l'85% ha firmato dopo le spiegazioni del medico curante.
  • Sanità
  • Tumori
Altri contenuti a tema
Montanaro: “No coronavirus in Puglia” Montanaro: “No coronavirus in Puglia” Rassicurazioni del direttore del dipartimento Politiche della salute sui casi sospetti
Nessun caso di coronavirus in Puglia Nessun caso di coronavirus in Puglia Il dipartimento Salute della Regione esclude casi di contagio e tranquillizza la popolazione
Bando oss: il 30 gennaio i risultati finali Bando oss: il 30 gennaio i risultati finali Assunzioni già dal mese di febbraio
Concorso per l'assunzione di infermieri, pubblicato il bando Concorso per l'assunzione di infermieri, pubblicato il bando Sono 160 per la Asl di Bari. Per la Puglia in tutto 556
Dopo gli Oss, un concorsone regionale per infermieri Dopo gli Oss, un concorsone regionale per infermieri Per 1132 posti. Riservate delle quote alla mobilità e ai precari
2 "Primo passo importante per l'Emodinamica" "Primo passo importante per l'Emodinamica" Enzo Colonna commenta la decisione della Regione per l'Ospedale della Murgia
1 Puglia, Montanaro nuovo direttore del Dipartimento regionale della Puglia Puglia, Montanaro nuovo direttore del Dipartimento regionale della Puglia Nominato dalla giunta guidata da Michele Emiliano
1 Partono i concorsi della Asl Bari per 115 posti Partono i concorsi della Asl Bari per 115 posti Per l'assunzione di ostetriche e varie figure professionali
© 2001-2020 Edilife. Tutti i diritti riservati. Nessuna parte di questo sito può essere riprodotta senza il permesso scritto dell'editore. Tecnologia: GoCity Urban Platform.
GravinaLife funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.