alessiovalente 1
alessiovalente 1
Politica

Prove tecniche di grande alleanza

Uniti dall’opposizione a Divella, alla ricerca di intese su possibili accordi elettorali. Se ne discute alla festa del Pd

Il diavolo e l'acqua santa. Il rosso e il nero. Il pugno chiuso e la mano aperta. Vecchie categorie ideologiche, che saltano di fronte al laboratorio politico tutto di marca gravinese: nel nome dell'opposizione a Giovanni Divella ed alla sua maggioranza, provare a mettere insieme i vendoliani (di Nichi) ed i prosecutori della tradizione comunista e democristiana, che già non sempre vanno d'accordo tra di loro, con gli eredi del Msi poi An oggi Futuro e libertà.

Impresa difficile, ma non ardua. Tanto che tutti insieme appassionatamente, Pd, Sel, Upc, Pri, Fli ed il movimento politico "GravinainMovimento", ne discuteranno in pubblica piazza, nel corso della festa cittadina dei democratici. Culla di un'operazione che sembra riportare con la memoria agli anni in cui (correva la fine del Novecento) il centrosinistra prodiano, nato con l'intento di procedere ad una fusione ulivista di tutte le esperienze cattoliche, popolari e progressiste, venne soppiantato dal dalemiano centro-sinistra, con quel trattino simbolo di unità di forze alleate ma desiderose di continuare a mantenere una propria identità ed una irrinunciabile autonomia.

"Occorre andare al di là dei vecchi schemi – ragiona il consigliere comunale Lorenzo Carbone, commissario di Fli – per cercare una soluzione comune ai problemi della città". Sulla stessa lunghezza d'onda il suo collega d'aula e segretario del Pd, Alesio Valente: "Il discriminante che ci vede insieme non è l'ideologia, ma la comune militanza all'opposizione di una giunta che tanti danni sta facendo a Gravina".

Tutti uniti dall'opposizione a Re Giovanni, insomma, ma su quali basi costruire un'alleanza che non sia solo tattica e limitata al presente, ma anche strategica e proiettata al futuro?
"Per quel che ci riguarda – spiega Carbone – siamo impegnati nella costruzione di un centro moderato. Quello che ci interessa è dar vita ad un'alternativa seria e credibile, che abbia come primario obiettivo il rinnovamento della classe dirigente, attraverso meccanismi di selezione che blocchino i portatori di voti e di interessi che poco hanno a che fare con la politica". Porte aperte alle primarie, allora, per individuare il Cuor di Leone del centro-sinistra col trattino?

I futuristi non si sbilanciano: "Se c'è la volontà di andare in direzione del cambiamento, il metodo diventa secondario", chiosa Carbone. Qualche parola in più la spendono dalle parti del Pd.

"L'alternativa – dice Valente – passa da un'operazione di trasparenza. Presenteremo un nostro programma di sviluppo, sintesi del percorso di democrazia partecipata avviato lo scorso maggio. Su questa piattaforma apriremo al dialogo ed al confronto con tutti. Definito il progetto politico, troveremo insieme anche i criteri per individuare un candidato che sia espressione genuina di quel progetto".

Potrebbe essere, quel candidato, l'ex sindaco democratico Rino Vendola? "Impossibile rispondere adesso", si smarca Valente. "Vedremo. Prima mandiamo a casa Divella e pensiamo al progetto politico, poi ne discuteremo".

Se ne riparlerà questa sera, 9 ottobre 2011, tra gli stand del Pd.

  • Partito Democratico
  • Festa
Altri contenuti a tema
Pd primo partito a Gravina, commenti segretario Dem Pd primo partito a Gravina, commenti segretario Dem Angelastro: “Pd centrale nella coalizione di centrosinistra”
1 Sagre e feste popolari, primo via libera Sagre e feste popolari, primo via libera Firmata ordinanza in Puglia. Varate le linee guida
4 La Lega replica al segretario del Pd La Lega replica al segretario del Pd "Abbiamo presentato proposte con spirito di collaborazione"
Angelastro (Pd), sì al comitato di ripartenza Angelastro (Pd), sì al comitato di ripartenza Il segretario Dem attacca l'opposizione
"Nessuno rimarrà indietro, l'amministrazione sta lavorando bene" "Nessuno rimarrà indietro, l'amministrazione sta lavorando bene" Commento del Partito democratico di Gravina
1 "Per la provinciale Tarantina importante l'incontro con il ministro" "Per la provinciale Tarantina importante l'incontro con il ministro" Una nota del Pd dopo il colloquio del sindaco a Roma
Gravina dice "no" all'autonomia regionale della scuola Gravina dice "no" all'autonomia regionale della scuola Decisione del Consiglio comunale. Il Pd esprime soddisfazione per questa scelta
Il Pd a difesa di Valente Il Pd a difesa di Valente Documento che minimizza sulla crisi politica al Comune
© 2001-2020 Edilife. Tutti i diritti riservati. Nessuna parte di questo sito può essere riprodotta senza il permesso scritto dell'editore. Tecnologia: GoCity Urban Platform.
GravinaLife funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.