giornata della memoria
giornata della memoria
La città

Le iniziative del Comune per la Giornata della memoria

Si comincia il 26 gennaio con la deposizione di una targa, un dibattito e uno spettacolo

Una targa sul pianoro Madonna della Stella alla memoria di un nostro concittadino trucidato dai nazisti durante la seconda guerra mondiale. Questa una delle iniziative che il Comune di Gravina ha inteso realizzare alla vigilia della giornata della memoria. Un gesto significativo che intende offrire alle nuove generazioni un ulteriore elemento di riflessione e un simbolo che serva a non dimenticare la Shoah, le stragi razziali, i campi di concentramento e l'odio verso tutte le diversità.
La targa che l'amministrazione comunale deporrà sul pianoro della Madonna della Stella domenica 26 gennaio alle ore 11,00 è intitolata a Nicola Di Benedetto. Il 32enne gravinese viene menzionato in una relazione dei carabinieri del 1944. Nel documento i militari dell'arma parlano delle uccisione sommaria di due sbandati e del ferimento grave di una anziana donna. Di Benedetto, sposato con un figlio oggi ancora vivente, probabilmente era stato sorpreso insieme ad un altro soldato, mentre cercava di raggiungere la propria casa e la propria famiglia a Gravina, dopo i fatti dell'8 Settembre 1943.

La vicenda è citata anche dal progetto nazionale "Atlante delle stragi nazifasciste", una mappa degli eccidi compiuti dai nazifascisti tra il 1943 e il 1945 nella quale rientra anche Gravina, realizzata dall'Istituto nazionale per la storia del movimento di liberazione in Italia (INSMLI) in collaborazione con l'Associazione nazionale partigiani d'Italia (ANPI).

"La vicenda si colloca nel solco delle violenze e delle depravazioni compiute dai nazisti durante i mesi della occupazione"- spiega lo storico Massimiliano Desiante- Per la Puglia furono poche settimane in cui, come testimonia l'atlante e il saggio "La Puglia dopo 1'8 settembre", non mancarono eccidi, violenze".

E l'occasione per far conoscere meglio il progetto sarà il dibattito organizzato nel pomeriggio, alle ore 18,30, presso il teatro Vida, moderato dalla giornalista Antonella Testini, a cui parteciperanno, oltre al sindaco Valente, il direttore dell'IPSAIC (Istituto Pugliese per la Storia dell'Antifascismo e dell'Italia Contemporanea) Vito Antonio Leuzzi e Massimiliano Desiante, ricercatore presso lo stesso istituto. Al dibattito seguirà la rappresentazione teatrale a cura della compagnia "Colpi di Scena" dal titolo "Come una rana d'inverno- la Shoah negli occhi delle donne".
  • Teatro Vida
  • Giornata della memoria
Altri contenuti a tema
Al Vida in scena “Dioniso contro Orfeo” Da sabato 7 novembre Al Vida in scena “Dioniso contro Orfeo”
Al Vida si presenta il libro di Maddalena Ceci “77 anni e due dimensioni” mercoledì 28 ottobre Al Vida si presenta il libro di Maddalena Ceci “77 anni e due dimensioni”
“La bottega del caffè” convince il pubblico del Vida “La bottega del caffè” convince il pubblico del Vida Buona la prima della nuova stagione teatrale “Amattori…insieme”
Al Vida la compagnia Calandra presenta "4 di Cuori (+1)”. Da sabato 24 ottobre Al Vida la compagnia Calandra presenta "4 di Cuori (+1)”.
Il teatro Vida apre i battenti Il teatro Vida apre i battenti Tutto pronto per la nuova stagione teatrale “Amattori insieme”. Già attivati i laboratori
Vida, il teatro si rimette in moto Vida, il teatro si rimette in moto Riparte la rassegna teatrale e i laboratori di formazione artistica
Al Vida si guarda al futuro Al Vida si guarda al futuro Al teatro gravinese si lavora per la prossima stagione della rassegna “Amattori insieme”
Teatro virtuale con i Colpi di Scena Teatro virtuale con i Colpi di Scena Come una canzone… spettacolo teatrale in streaming per la compagnia gravinese
© 2001-2020 Edilife. Tutti i diritti riservati. Nessuna parte di questo sito può essere riprodotta senza il permesso scritto dell'editore. Tecnologia: GoCity Urban Platform.
GravinaLife funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.