carcere
carcere
Cronaca

Era diventata una persona invisibile

Due Carabinieri in borghese lo riconoscono. Martedì sera la scoperta del latitante

Le proprie tracce li aveva fatto perdere ai primi di agosto, appena informato che i 3 anni comminati con la sentenza emessa dal Tribunale di Bari andavano scontati in carcere. Così R.A., 45 anni, si era subito reso latitante. In carcere, luogo che già l'aveva visto ospite, insomma, non voleva tornarci più. E così le forze di polizia, che lo conoscono bene, non avevano potuto notificargli la custodia cautelare in carcere. Al proprio domicilio non rispondeva nessuno; chi l'aveva frequentato negli ultimi tempi, non lo sentiva più già da qualche mese. R.A., insomma, era diventata una persona invisibile, come non fosse mai esistita. Ma i Carabinieri, che avevano fotografato e memorizzato bene il suo volto, perché più volte era stato in caserma per essere interrogato su furti aggravati, rapine ed anche contraffazione di sigilli di polizia, non hanno mai perso la speranza di trovarlo.

Martedì sera il <colpo> e fine della latitanza. Due Carabinieri in borghese girano a piedi per le vie centrali della città, quando vengono attratto da un volto riflesso nella vetrina di un negozio. Si avvicinano, con discrezione, alla vetrina che l'uomo stava ammirando e cominciano a chiedersi è lui oppure no? L'uomo che cercano da qualche mese. L'uomo è un po' diverso da R.A., tranne forse nello sguardo e nel portamento. Ha cambiato fisionomia, sembra una persona diversa: è più magro, i capelli sono corti, la barba incolta, l'abbigliamento casual e molto giovanile rispetto ai 45 anni di età. C'è, però, qualcosa che convince i due militari di trovarsi davanti all'uomo che dovrebbero associare nel carcere di Bari. Così decidono di chiamare per nome il latitante. Che risponde subito, cascandoci nella trappola come una pera matura. Accortosi di essere <perduto>, R.A. fa l'ultimo tentativo per salvarsi: da generalità false, essendo privo di documenti. Una mossa inutile. Una volta in caserma, non può fare altro che rivelare la propria identità.
  • Forze dell'Ordine
  • Latitante
Altri contenuti a tema
4 Coronavirus, 30 denunce in operazione straordinaria di controllo Coronavirus, 30 denunce in operazione straordinaria di controllo Azione congiunta di Polizia di Stato, Polizia locale e Carabinieri per il rispetto delle norme
23enne pugliese individuato e denunciato dai Carabinieri di Matera 23enne pugliese individuato e denunciato dai Carabinieri di Matera Responsabile di tentato furto aggravato ai danni di un cittadino di Grottole
Seminario "Educazione e sicurezza stradale": gli studenti gravinesi a lezione di "vita" Seminario "Educazione e sicurezza stradale": gli studenti gravinesi a lezione di "vita" Grande partecipazione e interesse alla due giorni organizzata dall'Associazione "Giovani e Futuro" in collaborazione con la Polizia di Stato
Ladri di pannelli fotovoltaici messi in fuga dai Carabinieri Ladri di pannelli fotovoltaici messi in fuga dai Carabinieri Avvistato un furgone nei pressi del Bosco Difesa Grande
53 persone a giudizio spaccio di droga tra la Basilicata e la Puglia 53 persone a giudizio spaccio di droga tra la Basilicata e la Puglia Interessate persone residenti nelle province di Potenza, Foggia, Matera e Milano
10 Banda di ladri ancora in azione nella notte Banda di ladri ancora in azione nella notte Messi in fuga dai Carabinieri
18 Tentato furto in gioielleria Tentato furto in gioielleria In molti vedono ma nessuno allerta le forze dell'ordine
8 Individuato l’imbrattatore della Madonna di via Ragni Individuato l’imbrattatore della Madonna di via Ragni Si tratta di un gravinese di 48 anni con problemi psichici
© 2001-2020 Edilife. Tutti i diritti riservati. Nessuna parte di questo sito può essere riprodotta senza il permesso scritto dell'editore. Tecnologia: GoCity Urban Platform.
GravinaLife funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.