Politica
Politica
Politica

La trasferta romana contro l'Imu agricola scatena le opposizioni

Dure critiche contro il sindaco: chi pagherà la trasferta romana?

La trasferta romana del consiglio comunale per deliberare contro l'Imu agricola non è piaciuta ai tre esponenti, o meglio ai tre superstiti dell'opposizione consiliare. In una nota congiunta Angelo Petrara, Vincenzo Varrese e Lorenzo Carbone stigmatizzano la scelta del sindaco e prima di chiedere conto sull'iniziativa.

Con una interrogazione protocollata a palazzo di città i tre chiedono innanzitutto di conoscere quali siano le finalità del consiglio comunale convocato a Roma atteso che "i consiglieri hanno già espresso la propria contrarietà alla volontà del governo di tassare i terreni agricoli" scrivono i tre ricordando che il 31 marzo scorso il consiglio comunale gravinese ha deliberato un preciso ordine del giorno contro la nuova tassa.
"Invero – proseguono i tre – quel consiglio ha deciso di non decidere sul punto specifico adducendo anche la motivazione circa l'entrata in vigore della legge in questione".
Ora i tre consiglieri chiedono di conoscere le finalità del viaggio romano e soprattutto di capire se le spese di viaggio e soggiorno a Roma siano a carico della comunità atteso che "risulta un impegno di spesa di 5000 euro da parte del Municipio". Da ultimo si chiede di conoscere l'elenco dei partecipanti al viaggio.
E sulla vicenda è intervenuto anche Leo Vicino l'esponente del centro destra locale che definisce l'iniziativa "un'allegra gita" ribadendo prima di ribadire che "in questo periodo di crisi economica, dove la spending review dovrebbe essere un obbligo morale per chi riveste il ruolo di amministratore pubblico, mi chiedo: era proprio necessario fare questa scampagnata romana e sostenere spese di viaggio; spese di vitto e pernottamento per tutta la delegazione (visto che la partenza è stata anticipata a questo pomeriggio); spese di missione per i dipendenti comunali impegnati nella trasferta".
"Hanno fatto tutte le cose perbene, pur di spendere e spandere denaro della collettività e magari cercare di avere un briciolo di visibilità davanti a qualche telecamera, in barba ai problemi degli agricoltori" attacca Vicino convinto che sarebbe stato più utile e propizio celebrare un consiglio comunale in città alla presenza di imprenditori agricoli e associaizoni.

Da palazzo di città nessuna replica. A difendere le inizative del governo cittadino ci ha pensato il neo segretario del partito democratico, Giuseppe lapolla, che si era scagliato contro coloro che aveno accusato il Municipio di sprecare soldi per un viaggio inutile.
"Si legge – scrive lapolla sui social - che due giorni a Roma sono uno sperpero per le casse Comunali e che consiglieri tutti (di maggioranza e di opposizione) vanno a Roma per divertimento. Ma a quale sperpero e a quale divertimento si riferiscono? Ai gettoni di presenza del Consiglio Comunale? Se può essere utile alla ridefinizione di questa tassa odiosa e alla discussione di un tema sociale con risvolti ambientali così delicati convochiamo altri 1000 consiglio comunali a Roma. Oggi – attacca Lapolla - si professano politologi sopraffini, grandi esperti del populismo, capaci di contraddire tutto e il contrario di tutto (anche alleandosi col diavolo) e ieri impegnati, come non mai, nella conferma dei loro diritti in veste di Amministratori".
Polemiche a parte la delegazione gravinese nella serata di mercoledì è regolarmente partita per essere nella capitale a mezzogiorno deve in piazza si celebrerà il consiglio comunale insieme a tanti altri comuni d'Italia.
  • Imu agricola
Altri contenuti a tema
1 Nuova Imu, a Gravina nessuna proroga Nuova Imu, a Gravina nessuna proroga Pagamento della prima rata entro la scadenza di domani
Imu agricola, deciderà la Corte Costituzionale Imu agricola, deciderà la Corte Costituzionale Il Tar del Lazio rinvia alla Consulta. Riscatto: “Partita non ancora chiusa”.
Parte la marcia del riscatto rurale Parte la marcia del riscatto rurale Inizia il tour di 36 giorni in tutta Italia del movimento Riscatto
Gli agricoltori alzano la testa Gli agricoltori alzano la testa Oltre cento trattori per dire no all'Imu
Autunno di mobilitazione per il Movimento Riscatto Autunno di mobilitazione per il Movimento Riscatto Prima tappa il 18 a Gravina poi la marcia del 25 settembre in tutta Italia
Imu agricola, i comuni manifestano a Montecitorio Imu agricola, i comuni manifestano a Montecitorio "Il decreto ci costringe a fare falso in bilancio"
Manifestazione nazionale contro l’IMU agricola, Gravina ci sarà Manifestazione nazionale contro l’IMU agricola, Gravina ci sarà Giovedì consiglio comunale aperto in piazza Montecitorio al fianco del Movimento Riscatto
No Imu agricola, a Matera la mega-mobilitazione degli agricoltori No Imu agricola, a Matera la mega-mobilitazione degli agricoltori “Il popolo del sud è stanco di piegarsi e vuole il suo riscatto”
© 2001-2022 Edilife. Tutti i diritti riservati. Nessuna parte di questo sito può essere riprodotta senza il permesso scritto dell'editore. Tecnologia: GoCity Urban Platform.
GravinaLife funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.