Giorno ricordo laddaga
Giorno ricordo laddaga
La città

Giorno del ricordo, dal Prefetto una medaglia per Giuseppe Laddaga

Il Padre Angelo prigioniero in Montenegro

Solo ieri il Comitato 10 febbraio chiedeva al primo cittadino un encomio per le tre vittime gravinesi del massacro delle Foibe. Oggi, Giorno del Ricordo, Giuseppe laddaga, figlio di Angelo ha ricevuto una medaglia per ricordare suo padre. Giuseppe Laddaga, aveva appena sette anni quando salutò il padre Angelo, militare dell'Esercito Italiano, fatto prigioniero in Montenegro. Era il 1943, la seconda guerra mondiale infuriava e di quel fante catturato al fronte dalle truppe germaniche nessuno seppe più niente. Il suo nome è risuonato stamane, nei saloni della Prefettura di Bari, quando il Prefetto Antonio Nunziante ha appuntato sul petto del figlio, oggi pensionato, una medaglia.

"Ho provato un'emozione intensa e, al tempo stesso, un grande dolore", ha confessato Giuseppe Laddaga, stretto nell'abbraccio dei suoi familiari. "Quando papà partì per il fronte, dopo aver perso un fratello sui campi di battaglia, ero bambino. Mi restano tanti suoi ricordi, ma ogni volta che ne sento parlare, sebbene siano passati più di 70 anni dall'ultima volta che lo vidi, mi fa stringere il cuore", aggiunge, senza tralasciare particolari sulla maledetta guerra. Neppure sui bombardamenti che colpirono Gravina "e su quelle bombe che caddero sui palazzi vicini alla Chiesa del Purgatorio mentre con mia madre correvo al rifugio di Canale D'Alonzo". E poi, su tutto, un messaggio ai giovani: "Loro pensano che molte cose siano finzione, quasi come andare al cinema. Ma quel che noi abbiamo vissuto dimostra che così non è. E non mi stancherò di raccontarlo e testimoniarlo: la guerra non è un gioco".

Parole ribadite anche dal sindaco Alesio Valente, presente alla cerimonia in rappresentanza dell'intera comunità gravinese. "Un momento toccante – commenta il primo cittadino – che se da un lato consente di sottrarre all'oblio pagine di vita, dall'altro porta a guardare ad esse, a persone come il nostro concittadino Giuseppe Laddaga, al padre Angelo ed a tanti delle loro generazioni, come saldi punti di riferimento sui quali poggiare per costruire l'Italia del presente e soprattutto quella del domani attingendo alla fonte della memoria, quella di cui c'è tanto bisogno in un mondo sempre più smemorato ed in cui gli orrori del passato, e tra essi le Foibe, sono ancora aperte e, purtroppo, continuano a ripetersi sotto forme uguali o diverse, come se la storia non avesse insegnato nulla".
giorno del ricordo laddagagiorno del ricordo laddaga
  • Il Giorno del Ricordo
  • Prefetto di Bari
Altri contenuti a tema
Bellomo sarà il nuovo prefetto di Bari Bellomo sarà il nuovo prefetto di Bari La decisione del Governo su proposta del ministro dell'Interno
Gravina celebra il Giorno del Ricordo Gravina celebra il Giorno del Ricordo Il sindaco Valente ospite degli studenti dell’IISS “Bachelet-Galilei”
Emiliano saluta il Prefetto Emiliano saluta il Prefetto Incontro in Regione prima del trasferimento
Giorno del Ricordo, ricordare per non dimenticare Giorno del Ricordo, ricordare per non dimenticare L’invito rivolto alle istituzioni scolastiche ad educare gli studenti
Assicurare il riconoscimento dal Governo per gli infoibati Assicurare il riconoscimento dal Governo per gli infoibati Petizione del Comitato 10 febbraio, accolta dal Comune.
Rimuovere la lapide dedicata ai Partigiani Rimuovere la lapide dedicata ai Partigiani Per Franco Cazzorla è “un falso storico”
Scuola Montemurro, il prefetto impone la messa in sicurezza Scuola Montemurro, il prefetto impone la messa in sicurezza Nunziante chiede ai vigili del fuoco una relazione dettagliata sullo stato della struttura
Giorno del Ricordo, celebrazioni anche a Gravina Giorno del Ricordo, celebrazioni anche a Gravina Il Comitato 10 febbraio polemizza con il Municipio
© 2001-2020 Edilife. Tutti i diritti riservati. Nessuna parte di questo sito può essere riprodotta senza il permesso scritto dell'editore. Tecnologia: GoCity Urban Platform.
GravinaLife funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.