Sindacati
Sindacati
La città

Fondi per rigenerazione urbana, i sindacati chiedono incontro al sindaco

Obiettivo: avviare un confronto sullo sviluppo e sulla qualità del progetto

Un confronto aperto tra Comune e sindacati per decidere quali interventi mettere in atto per accedere ai fondi del Governo centrale destinati alla rigenerazione urbana. Questa la richiesta delle sigle sindacali Cgil, Cisl e Uil al sindaco Alesio Valente.

Sul territorio nazionale nella legge di Bilancio 2020 il Governo ha previsto 8 miliardi e mezzo di finanziamenti per la Rigenerazione Urbana. Fondi che grazie ad un recente Dpcm sono stati sbloccati per garantire finanziamenti ai Comuni con l'obiettivo di ridurre i fenomeni di marginalizzazione e degrado sociale, oltre al miglioramento della qualità del decoro urbano e del tessuto sociale ed ambientale delle città. Il decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri, attuato in forma sperimentale per il triennio 2021/2023 consente l'accesso ai fondi per i Comuni con più di 15.000 abitanti, con la clausola di finanziamento di uno o più interventi per un massimo di 5 milioni da destinare ai Comuni che non superano i 50 mila abitanti.

Una occasione importante – affermano le tre sigle sindacali- che consentirà la realizzazione "di singole opere pubbliche o un insieme di interventi coordinati di interventi pubblici, anche ricomprese opere pubbliche incompiute". Infatti, il decreto prevede la possibilità di intervenire sulla manutenzione per il riuso e rifunzionalizzazione di aree pubbliche e di strutture edilizie esistenti pubbliche; sul miglioramento della qualità del decoro urbano e del tessuto sociale e ambientale e sulla mobilità sostenibile.
Una circostanza allettante da non farsi sfuggire perché- sottolineano da Cgil, Cisl e Uil- notevoli potrebbero essere "le ricadute che la stessa può avere sulla nostra città sia dal punto di vista della qualità urbana e di sviluppo, sia sul versante del lavoro e occupazione in una fase importante in cui la Pandemia ed emergenza sanitaria sta producendo una forte contrazione del lavoro e dello sviluppo economico della città e del paese in generale ed una emergenza sociale inedita".

Importante diventa, quindi, concertare le attività e le iniziative che si intende mettere in atto, anche con le organizzazioni sindacali con le quali l'amministrazione comunale di Gravina nel 2019 ha sottoscritto un protocollo di intesa su sviluppo e lavoro. L'obiettivo –spiegano le organizzazione sindacali - è quello "di avviare un confronto sullo sviluppo e sulla qualità del progetto e l'impatto in termini occupazionali, al fine di attivare la progettazione dati i tempi risicati per le candidature". Ragion per cui Cgil, Cisl e Uil chiedono al primo cittadino un incontro urgente per discutere insieme sul da farsi.
  • CGIL
  • CISL
  • UIL
Altri contenuti a tema
Servizi di pulizia al Comune, sciopero degli addetti Servizi di pulizia al Comune, sciopero degli addetti Cgil: “il Comune non ha rispettato gli accordi”
Bilancio: Cgil attacca Valente Bilancio: Cgil attacca Valente Il sindacato: "fuori tempo massimo e senza interpellare le parti sociali”
2 Vertenza lavoratori pulizie Comune, revocato lo sciopero Vertenza lavoratori pulizie Comune, revocato lo sciopero Arriva la delibera per estendere i servizi
Vertenza pulizie, la Cgil chiede incontro in Prefettura Vertenza pulizie, la Cgil chiede incontro in Prefettura Chiesta mediazione dopo il nulla di fatto nell’ultimo confronto con l’azienda
Servizio pulizie Comune, Cgil sul piede di guerra Servizio pulizie Comune, Cgil sul piede di guerra De Leonardis “Un’amministrazione comunale inaffidabile”
Tariffe Tari e bilancio, delusione della Cgil Tariffe Tari e bilancio, delusione della Cgil "Amministrazione è venuta meno al protocollo sulle relazioni sociali"
“Più ore di lavoro”, la protesta degli addetti alle pulizie “Più ore di lavoro”, la protesta degli addetti alle pulizie Presidio della Cgil. Delegazione ricevuta al Comune
1 Buoni spesa, garantire informazione e trasparenza Buoni spesa, garantire informazione e trasparenza L’invito all’amministrazione è della Cgil Gravina
© 2001-2021 Edilife. Tutti i diritti riservati. Nessuna parte di questo sito può essere riprodotta senza il permesso scritto dell'editore. Tecnologia: GoCity Urban Platform.
GravinaLife funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.