funzionari della regione fanno sopralluogo su campi danneggiati
funzionari della regione fanno sopralluogo su campi danneggiati
Territorio

Danni alle colture, il Comune al fianco di Cia e Coldiretti

Richiesta alla Regione la calamità naturale per i danni da gelate e neve di fine marzo e aprile

Riconoscere lo stato di calamità naturale per i danni subiti dalle colture per le gelate di fine marzo e la nevicata del primo aprile. A chiederlo erano state le associazioni di categoria degli agricoltori, Cia e Coldiretti. Con loro anche l'amministrazione comunale di Gravina che ha appoggiato l'iniziativa degli imprenditori agricoli facendosi portavoce delle loro istanze presso la Regione Puglia.

E la richiesta proprio in questi giorni ha avuto un seguito. Mercoledì, infatti, alcuni funzionari del dipartimento Agricoltura della Regione Puglia sono stato accompagnati sui terreni agricoli danneggiati dal maltempo, per effettuare i sopralluoghi necessari a verificare lo stato delle colture gravinesi. A fare gli onori di casa, oltre ai rappresentanti degli agricoltori, anche l'assessore Felice Lafabiana. Un sopralluogo sollecitato proprio in seguito all'istanza del Comune e delle associazioni di agricoltori che hanno ribadito la loro richiesta di adottare misure straordinarie per risarcire i danni subiti a causa delle straordinariamente avverse condizioni climatiche verificatesi il 24 e 25 Marzo (inaspettata gelata) ed 1 Aprile, quando una abbondante nevicata ha rovinato le colture locali. Danni che -a detta dell'assessore Lafabiana- sono evidenti.

"I danni ci sono e sono ingenti. Ho voluto accompagnare gli ispettori e supportare come sempre i nostri agricoltori che proprio in questo periodo purtroppo stanno facendo la conta dei danni subiti" – ha commentato Lafabiana, che ha spiegato come siano stati compromesse irrimediabilmente colture orticole e frutticole, vigneti e seminativi, con cime, steli, germogli e fiori.

Un danno per gli agricoltori che però non si limita solo alle colture in agro di Gravina, poiché ad essere colpiti sono stati anche i territorio di Poggiorsini, Altamura, Santeramo, Corato e Trani. Insomma, -continua l'assessore alle politiche agricole -una questione che la Regione non può sottovalutare e che presenta in maniera chiara tutti gli estremi per l'accoglimento della richiesta. "Ovviamente continueremo a monitorare la situazione"- chiosa Lafabiana .
  • Agricoltura
  • Felice Lafabiana
Altri contenuti a tema
2 Vandali in azione al bosco Vandali in azione al bosco Prontamente riparati i danni a staccionate e casetta di servizio
Puglia seconda in Italia per imprese agricole al femminile Puglia seconda in Italia per imprese agricole al femminile I dati della Cia: Bari e Bat insieme sono la seconda area del Paese
Trapiantare in città gli alberi del giardino della memoria Trapiantare in città gli alberi del giardino della memoria Via libera del Comune agli arbusti messi a dimora da più di due anni
Gelate del 2020, entro il 5 febbraio le domande per gli indennizzi Gelate del 2020, entro il 5 febbraio le domande per gli indennizzi Pubblicato l’avviso del Comune
1 Bosco comunale: via libera al piano interventi 2021 Bosco comunale: via libera al piano interventi 2021 La giunta comunale approva il progetto. 30mila euro per manutenzione sentieri e verde
3 Alberi abbattuti, scoppia la polemica Alberi abbattuti, scoppia la polemica L'amministrazione spiega: “Intervento previsto per ridurre pericolosità”
2 Agricoltura per hobby, è possibile uscire dal Comune di residenza Agricoltura per hobby, è possibile uscire dal Comune di residenza Coldiretti: "Lo prevede il chiarimento del Governo"
Agricoltura di precisione: un incontro al Comune Agricoltura di precisione: un incontro al Comune A confronto associazioni di categoria, sindacati ed esperti
© 2001-2021 Edilife. Tutti i diritti riservati. Nessuna parte di questo sito può essere riprodotta senza il permesso scritto dell'editore. Tecnologia: GoCity Urban Platform.
GravinaLife funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.