soldi5 1
soldi5 1
La città

Covid, contributi a commercianti e artigiani

Soldi a fondo perduto e ristori anche per le scuole paritarie

L'idea è quella di garantire liquidità al circuito economico locale, sfruttando i fondi comunali che vanno a sommarsi alle misure di sostegno adottate dal governo nazionale.

Per questo l'amministrazione comunale capeggiata da Alesio Valente, su impulso degli assessori Anna Gramegna, Paolo Calculli, rispettivamente titolari delle deleghe alle Politiche per il commercio e al Patrimonio, rastrellando somme all'interno del bilancio comunale, è riuscita ha raggranellare 150mila euro di fondi propri, per aiutare commercianti e artigiani, che in seguito alle restrizioni decise dal Governo Centrale per ridurre il rischio di contagi da Coronavirus, si sono visti costretti a ridurre o sospendere completamente la propria attività lavorativa.

Una minima parte di questa somma, pari a circa 13mila euro, l'amministrazione ha deciso di destinarla anche alle scuole paritarie della città, per un sovvenzionamento a fondo perduto che sarà suddiviso tra le diverse scuole, in base al numero degli iscritti.

Un provvedimento, quest'ultimo- spiega Valente- "per aiutare le scuole ma anche le famiglie, che a causa della sospensione delle attività didattiche ed educative svolte in presenza, hanno dovuto comunque sostenere il pagamento della retta annuale".

Per quanto concerne gli esercizi commerciali e le attività artigianali la giunta ha deciso di stanziare un contributo minimo una tantum di 500 euro per le attività locali, che in questo periodo del 2020 abbiano subito perdita sul fatturato pari ad almeno 1/3 rispetto al periodo di esercizio relativo al bimestre Novembre-Dicembre dell'anno precedente.

Un piccolo sostegno alle attività cittadine- commenta Valente- "per rinfrancarle per quanto possibile, sia moralmente che economicamente delle perdite subite a causa della pandemia".

Il bando per accedere alle graduatorie per l'ottenimento del contributo sarà a breve disponibile- assicura l'assessora Gramegna. "Non vogliamo che le serrande di nostri negozi e delle nostre botteghe si abbassino per sempre"- afferma Gramegna, che poi conclude -"non dobbiamo permettere che ciò accada".
  • Comune di Gravina in Puglia
  • Contributi
Altri contenuti a tema
Gravina aderisce  a “Fermenti in Comune” Gravina aderisce a “Fermenti in Comune” L’amministrazione condivide il pubblico avviso promosso dall’Anci
Esperto per “Fame road” cercasi Esperto per “Fame road” cercasi Avviso del Comune per incarico da esperto
Progetto “Noi con voi”, veicoli per non autosufficienti Progetto “Noi con voi”, veicoli per non autosufficienti Consentirà di migliorare la mobilità nell’ambito dei servizi socio–sanitari
Casette apiarie alla Masseria Vaccarizza Casette apiarie alla Masseria Vaccarizza Il Comune dà il via libera all’installazione delle arnie
Campagna a favore del commercio locale Campagna a favore del commercio locale “Fai shopping nella tua città”
2 Stanziati fondi per la lotta alla povertà Stanziati fondi per la lotta alla povertà Un aiuto per i casi di maggiore disagio sociale
Covid, nuove regole per l'accesso agli uffici comunali Covid, nuove regole per l'accesso agli uffici comunali Tutti i numeri e le mail per contattare gli uffici
Ordinanza del Comune, le risposte ai dubbi più frequenti Ordinanza del Comune, le risposte ai dubbi più frequenti Palazzo di Città diffonde un vademecum
© 2001-2021 Edilife. Tutti i diritti riservati. Nessuna parte di questo sito può essere riprodotta senza il permesso scritto dell'editore. Tecnologia: GoCity Urban Platform.
GravinaLife funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.