sanita laboratorio analisi2
sanita laboratorio analisi2
Ospedale e Sanità

Coronavirus: test rapidi al personale dell'ospedale della Murgia

Si parte questa settimana. L'iniziativa riguarda tutta la Asl Bari

In tutta la Asl viene avviata una campagna di prevenzione e mappatura epidemiologica con test rapidi per il personale degli ospedali. In questa settimana saranno coinvolti gli operatori dell'ospedale della Murgia. La Asl parte con 5mila kit e 8 postazioni Poct (Point of care testing) per avviare la prima indagine epidemiologica anti-Sars Cov2 nella ASL Bari. Saranno test su base volontaria a tutto il personale degli ospedali, in modo da sondare e valutare l'effettiva circolazione del virus.

La prima postazione è stata collocata nell'ospedale "Di Venere" di Carbonara (anche a servizio del Ppa di Triggiano), mentre gli altri sette saranno consegnati la prossima settimana ai presidi San Paolo-Bari, Altamura, Molfetta, Corato, Monopoli, Putignano e Terlizzi. I POCT e i kit sono forniti dalla Protezione Civile regionale e con la prossima consegna di altri 5mila test, per un totale di 10mila, la ASL Bari potrà ampliare ulteriormente il campo d'indagine, coinvolgendo tutte le altre strutture sanitarie e, sempre su base volontaria, anche tutti i medici di medicina generale, pediatri di libera scelta e medici di continuità assistenziale.

"Il test - sottolinea l'azienda sanitaria locale di Bari - è di facile e rapida esecuzione: basta una gocciolina di sangue posizionata su una piastrina, con l'apposito reagente e l'apparecchiatura ne dà "lettura" in dieci minuti. I risultati vengono poi controllati e validati dai responsabili dei laboratori analisi. Il test di natura sierologica consente di individuare le IgG e IgM nel sangue. Queste sigle indicano gli anticorpi prodotti nella fase iniziale dell'infezione o più tardivamente e si ritrovano nel sangue come "un'impronta" dell'avvenuto contatto con il virus. Grazie a questa indagine su vasta scala sarà possibile migliorare la sicurezza delle strutture e degli operatori sanitari".

L'Ospedale della Murgia è stato già interessato il mese scorso da un vasto monitoraggio con tamponi oro-faringei. Ben 770 quelli effettuati dopo il "focolaio" individuato nella prima metà di marzo. In tutto sono stati circa 40 i casi totali di contagio tra pazienti e operatori sanitari. Questi ultimi sono quasi tutti rientrati al lavoro. Ci sono state delle vittime, sia pazienti sia nel personale medico con il decesso dell'otorinolaringoiatra Antonio Le Rose.
  • Ospedale della Murgia
  • Emergenza Coronavirus - Covid19
Altri contenuti a tema
Un altro termoscanner donato all'ospedale della Murgia Un altro termoscanner donato all'ospedale della Murgia Grazie alla raccolta fondi dell'associazione medica gravinese
Le misure a sostegno del settore dell'agriturismo Le misure a sostegno del settore dell'agriturismo Oltre all'esenzione della prima rata Imu, ci sarà un credito d'imposta
1 Riparte attività operatoria all'ospedale della Murgia Riparte attività operatoria all'ospedale della Murgia Introdotti percorsi di sicurezza per prevenzione Covid
Covid-19, Gravina tira un sospiro di sollievo Covid-19, Gravina tira un sospiro di sollievo Conferma casi zero. Dopo i test sierologici, i tamponi hanno dato esito negativo
Coronavirus: Puglia, oggi nessun nuovo caso né vittime Coronavirus: Puglia, oggi nessun nuovo caso né vittime Per la prima volta bollettino con "zero" Covid
Coronavirus: test sierologici per personale della Asl Coronavirus: test sierologici per personale della Asl La mappatura riguarda gli ospedali
2 Colonie di insetti all’ospedale della Murgia Colonie di insetti all’ospedale della Murgia La segnalazione di un lettore di Gravinalife
Coronavirus: zero contagi a Gravina Coronavirus: zero contagi a Gravina Guarite le ultime due persone che erano in isolamento a casa
© 2001-2020 Edilife. Tutti i diritti riservati. Nessuna parte di questo sito può essere riprodotta senza il permesso scritto dell'editore. Tecnologia: GoCity Urban Platform.
GravinaLife funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.