Oronzo Rifino
Oronzo Rifino
La città

Black out telefonia e internet, pronta una richiesta di danni

La Fenailp all'attacco. Disservizio provocato dalla rottura di un cavo

Il black out su telefonia fissa e mobile ha arrecato un notevole danno alle attività commerciali e ai liberi professionisti, oltre che mettere a rischio anche i cittadini: tutti disagi e danni che bisognerà risanare. A dichiararlo è il responsabile gravinese della Fenailp, Federazione Nazionale Autonoma Imprenditori e liberi Professionisti, Oronzo Rifino.

Per l'associazione di categoria qualcuno dovrà pagare per il disservizio dei giorni scorsi (accaduto per il tranciamento di un cavo nel corso di lavori in territorio di Altamura) e per un danno subito dalla comunità. Ci sono delle responsabilità da accertare e se –dice Rifino- non si può incolpare l'amministrazione comunale per l'interruzione provocato da un incidente nel corso di alcuni lavori, di certo ci sono delle negligenze che sono attribuibili al sindaco Valente, il quale, per la Fenailp, è censurabile "per non aver attivato tutte le misure di emergenza: allertare la Prefettura, la Protezione civile, l'esercito".

"Il black out telefonico ha di fatto isolato l'intera città di 45.000 abitanti con tutte le conseguenze"- ricorda Rifino, che sottolinea come l'interruzione delle linee ha mandato in tilt le imprese, i negozi, i locali pubblici, bloccando anche poste e banche, con bancomat fuori servizio e, cosa ancor più grave, emergenze stradali, farmacie non in grado di soddisfare le ricette mediche, compresi i medicinali salvavita e pronto soccorso non attivi, con i numeri di emergenza che risultavano non raggiungibili.

Insomma, una situazione di una gravità inaudita, che avrebbe consigliato, a detta di Rifino, in questi particolari casi, di allertare "la Prefettura e Protezione civile per installare in collaborazione con l'Esercito ponti radio e nel contempo avvisare la cittadina con altoparlanti dove recarsi per le emergenze". E invece, tutto ciò non è avvenuto ed è per questo che la Federazione Nazionale Autonoma Imprenditori e liberi Professionisti di Gravina, punta il dito contro l'amministrazione comunale, rea -a loro dire- di non aver saputo gestire un'emergenza di tale portata e il danno economico e sociale che ha provocato.

Danni economici che comunque andrebbero ristorati. Per questo la Fenailp invita il Comune a farsi carico di "avviare una class action per fare ottenere i ristori a tutte le imprese locali e di costituirsi parte civile per il risarcimento collettivo", affinché - sottolinea Rifino - non si subisca oltre al danno anche la beffa, preannunciando che la Fenailp è pronta ad assistere le imprese che intendano intraprendere azioni legali nei confronti degli operatori telefonici e anche –qualora lo ritengano opportuno- nei confronti del Comune, oltre che "a costituirsi parte civile per il risarcimento collettivo".
  • Oronzo Rifino
Altri contenuti a tema
Gravina tra i Comuni dell’Acci Gravina tra i Comuni dell’Acci Rifino referente locale dell’Associazione consumatori cittadini
Fase 2, proposte di commercianti e artigiani Fase 2, proposte di commercianti e artigiani Cna e Fenailp scrivono al sindaco Valente. Richieste per il rilancio economico
Fenailp Puglia, azzerati incassi delle strutture ricettive Fenailp Puglia, azzerati incassi delle strutture ricettive Gli operatori del comparto si sentono abbandonati. Rifino (Fenailp) scrive a Capone
Finailp chiede sostegno al Comune Finailp chiede sostegno al Comune L’associazione degli imprenditori chiede provvedimenti per sostenere le aziende
Ordinanza anti-alcol: Confesercenti all'attacco Ordinanza anti-alcol: Confesercenti all'attacco "Un provvedimento inutile e incomprensibile"
Le imprese presentano il conto al Comune Le imprese presentano il conto al Comune Raccolta firme per chiedere interventi all'amministrazione comunale
Anche l'Upc nell'occhio del ciclone Anche l'Upc nell'occhio del ciclone Diversi iscritti e dirigenti lasciano il partito contestando il segretario
Scoppia la pace tra Confesercenti e Comune Scoppia la pace tra Confesercenti e Comune Rifino e Varvara discutono di turismo
© 2001-2021 Edilife. Tutti i diritti riservati. Nessuna parte di questo sito può essere riprodotta senza il permesso scritto dell'editore. Tecnologia: GoCity Urban Platform.
GravinaLife funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.