Persone con disabilità
Persone con disabilità
La città

Assistenza domiciliare, è ancora emergenza per le famiglie

Dopo l'incontro in Regione Conca attacca: "Commissariare l'ufficio di piano se non ci saranno miglioramenti"

Eppure sembrava essere arrivata la soluzione finale con l'aumento delle ore di assistenza da due a quattro deciso con l'ufficio di piano di Altamura nel mese di ottobre.
Tuttavia, nonostante le rassicurazioni, continuano i disservizi per i disabili e le loro famiglie. Difficoltà che sono state ribadite nel corso dell'incontro promosso dal consigliere regionale Mario Conca e svoltosi con la dirigente regionale al welfare, per parlare appunto del servizio di assistenza domiciliare rivolto alle persone con disabilità.

Un lungo elenco di difficoltà quotidiane sviscerate da mamme e responsabili di associazioni dinanzi ai dirigenti regionali. Assenti, a quanto pare ingiustificati, i dirigenti dell'Ufficio di Piano di Altamura comune capofila dell'Ambito e gestore del piano sociale di zona.
"Nonostante mi fossi preoccupato di informarli personalmente nei giorni precedenti - fa sapere il consigliere pentastellato - gli amministratori locali dell'ambito di Gravina, Altamura, Santeramo e Poggiorsini convocati per l'occasione dalla Regione, non si sono presentati. L'unico a partecipare, è stato il sindaco di Gravina, Alesio Valente accompagnato dal vice sindaco Gino Lorusso. L'ufficio di piano di Altamura ci ha praticamente "bidonati". Il fatto è grave perché la dottoressa Incampo e il sindaco Giacinto Forte sono i rappresentanti del Comune capofila."
"A questi ultimi – incalza Conca - le associazioni, le famiglie e gli altri amministratori avrebbero infatti voluto rivolgere domande per cercare di risolvere le tantissime criticità che stanno avendo ricadute negative sulle famiglie con figli affetti da disabilità".

Non tutto è perso, però.
A quanto pare, a raccogliere le lamentele delle famiglie ci ha pensato la dottoressa Candela, dirigente dell'ufficio regionale decisa a sollecitare l'ufficio di Piano per "stigmatizzare un modo di agire autoritario, non condiviso e certamente poco sensibile verso chi vive una condizione di disagio".
"Sono emerse delle incongruenze - prosegue Conca - relativamente alle informazioni che gli uffici di ambito hanno dato alle famiglie, in quanto, a detta della Candela, è possibile abbinare le ore assegnate per i centri diurni con quelle necessarie per l'assistenza domiciliare. Si è parlato anche del Pai, piano di assistenza individuale, e quindi la Candela, oltre che scrivere all'ufficio d'ambito, scriverà all'Asl per chiedere di prendere in carico i pazienti. La dirigente del welfare ci ha detto che ci sono fondi relativi ai trattamenti psichiatrici che non vengono utilizzati dall'ufficio di piano e che potrebbero rimpinguare le esigue risorse assegnate al SAD e ci ha inoltre informati del fatto che i buoni servizio non potranno sostituire l'assistenza domiciliare, ma andranno ad integrare l'offerta alle famiglie".

E intanto con l'arrivo del nuovo anno saranno ridotte le ore di assistenza da quattro a una, così come fu deciso lo scorso 5 novembre nell'incontro tenutosi a Gravina, con l'aggravante che il catalogo multimediale dei buoni predisposto dalla Regione non è ancora andato a regime.

"Pertanto non è azzardato paventare un ulteriore peggioramento della situazione già ridotta ai minimi termini - conclude Conca - ho chiesto alla Candela di essere perentoria nei termini e se le cose non dovessero migliorare chiederò il commissariamento dell'ufficio di piano perché non è ammissibile che le incapacità amministrative complichino la quotidianità delle persone."
  • Regione Puglia
  • Piano Sociale di Zona
  • Assistenza domiciliare
Altri contenuti a tema
1 Altri fondi dalla Regione per lo storico acquedotto Altri fondi dalla Regione per lo storico acquedotto In tutto gli interventi diventano tre
Anche in Puglia arriva il numero unico delle emergenze Anche in Puglia arriva il numero unico delle emergenze Previste 143 assunzioni per gestire il 112
2 Regione e Comune a braccetto presentano "Gravina 2020" Regione e Comune a braccetto presentano "Gravina 2020" Presentato il progetto di recupero del ponte acquedotto
4 Gravina 2020, quali prospettive per la "città che cambia" Gravina 2020, quali prospettive per la "città che cambia" Con il presidente Emiliano e l'assessore Giannini un incontro per fare il punto sui finanziamenti
Piano di zona, nessuno stop per i servizi di assistenza a casa Piano di zona, nessuno stop per i servizi di assistenza a casa Adi e Sad andranno avanti in proroga in attesa dell'esito di gara
Conca (M5s) denuncia riduzione servizi Adi - Sad dell’ambito murgiano Conca (M5s) denuncia riduzione servizi Adi - Sad dell’ambito murgiano Il consigliere regionale pentastellato: “Perché non si è fatta una nuova gara per tempo?”
3 Progetto acque reflue: e se fosse irrealizzabile? Progetto acque reflue: e se fosse irrealizzabile? Tutti i dubbi del consigliere Michele Lorusso
Assistenza domiciliare, in scadenza i servizi del Piano di zona Assistenza domiciliare, in scadenza i servizi del Piano di zona Serve subito una proroga e poi occorre nuovo affidamento
© 2001-2019 Edilife. Tutti i diritti riservati. Nessuna parte di questo sito può essere riprodotta senza il permesso scritto dell'editore. Tecnologia: GoCity Urban Platform.
GravinaLife funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.