scuola padre pio
scuola padre pio
Scuola e Università

Alla Padre Pio “L’ora di lezione non basta”

Numerosi progetti per contrastare la povertà educativa

Promuovere il benessere e la crescita armonica di tutti i bambini, contrastando la povertà educativa. Questa l'idea di fondo che anima il progetto "L'Ora Di Lezione Non Basta" (Lodlnb), attivato presso la scuola primaria Padre Pio e che si inserisce nel novero di quelle attività finanziate grazie alla fondazione "Con i Bambini" nell'ambito della rete Scuola Senza Zaino. La Padre Pio, prima scuola della città ad aver attivato tale modello didattico-educativo, è una delle 15 scuole in Italia ad aver avuto accesso ai fondi del progetto Lodlnb, una delle tre in Puglia (le altre due sono a Statte e Taranto).

110mila euro per quattro anni di attività extracurriculari che hanno visto i bambini della primaria impegnati in progetti che spaziano dall'Orto a scuola al giornalino scolastico; dalla Gamification (arte circense) al folclore con canti e balli tradizionali. Senza dimenticare poi le attività che hanno portato al miglioramento degli spazi scolastici come l'acquisizione di arredi per l'allestimento di una biblioteca diffusa e di un'agorà; spazi educativi individuati anche all'esterno per l'outdoor education con arredi e murales. E progetti come Stem e cultura digitale, un Mercatino per vendere manufatti realizzati o prodotti ortofrutticoli e progetti ancora da realizzare come quello dell'attivazione di un corso di recitazione teatrale.
Inoltre, si sono realizzati anche il CdR (Consiglio dei Ragazzi); la Fabbrica degli Strumenti per la scuola Senza Zaino; un G-site con lo scopo di "raccontare" la scuola; la formazione sulle pratiche riparative e vari corsi di formazione di didattica innovativa.

Tutte attività con la finalità di far emergere le capacità e la creatività degli alunni "facendo diventare il plesso una scuola – comunità, perno dello sviluppo di una più ampia comunità educante che animi le reti sociali all'interno delle quali sono inseriti i bambini e i ragazzi, il punto di riferimento in grado di connettere le varie agenzie culturali, sociali, educative, amministrative, pubbliche e private presenti nel territorio (esercitando una funzione di indirizzo e regia, di ascolto e accoglienza degli stimoli provenienti dal territorio)" – dicono dalla scuola Padre Pio, che l'altro ieri ha ospitato la Dirigente Scolastica (in pensione) Patrizia Nesi, una delle responsabili della cabina di regia Lodlnb e Fabio Angeli, responsabile della comunicazione Lodlnb, colpiti dal lavoro svolto dalla scuola gravinese.

L'istituto scolastico infatti ha saputo mettere in campo una progettazione a tutto tondo che ha nel suo Dna l'intenzione di offrire "opportunità di apprendere, sperimentare, sviluppare e far fiorire liberamente capacità e talenti".
  • Istituto Padre Pio
Altri contenuti a tema
Primi passi del Comune verso il Pnrr, progetti per mense e palestre Primi passi del Comune verso il Pnrr, progetti per mense e palestre Focus sulle scuole: via libera del commissario Riflesso
All'istituto Padre Pio si va a scuola senza zaino All'istituto Padre Pio si va a scuola senza zaino Prima scuola a sperimentare il metodo Montessori.
41.000 euro per l'edificio scolastico "Padre Pio" 41.000 euro per l'edificio scolastico "Padre Pio" L'esecuzione dei lavori affidata ad una ditta gravinese
Un tetto nuovo per il “Padre Pio” Un tetto nuovo per il “Padre Pio” Il Comune stanzia 51.000 euro per l’edificio scolastico di via Guardialto
Edilizia scolastica, il Comune accoglie la richiesta grillina Edilizia scolastica, il Comune accoglie la richiesta grillina Candidata all'8x1000 la scuola Padre PIo
© 2001-2022 Edilife. Tutti i diritti riservati. Nessuna parte di questo sito può essere riprodotta senza il permesso scritto dell'editore. Tecnologia: GoCity Urban Platform.
GravinaLife funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.