Giorno della Memoria
Giorno della Memoria
Eventi e cultura

73° Giorno della Memoria: Gravina non dimentica

Tutti gli appuntamenti del giorno per commemorare le vittime del Nazismo

L' Italia si ferma per celebrare il Giorno della Memoria, una occasione di riflessione su un avvenimento storico che ci riguarda da molto vicino, oltre ad essere un omaggio alle vittime del Nazismo.

La Giornata istituita con l'approvazione della legge n°211 del 20 luglio 2000 prevede tra l'altro anche l'organizzazione di cerimonie, incontri e manifestazioni commemorative nel giorno della sua ricorrenza, il 27 gennaio, giorno in cui nel 1945 i cancelli di Auschwitz vennero abbattuti dalla 60^ Armata dell'esercito sovietico ponendo fine così alla Seconda Guerra Mondiale. Il 1° novembre 2005, a distanza di soli 5 anni, l'ONU - Organizzazione delle Nazioni Unite ha poi proclamato il 27 gennaio Giornata Internazionale della Commemorazione in memoria delle vittime dell'Olocausto, a 60 anni dalla liberazione dei campi di concentramento.
Lo scopo del Giorno della Memoria è quello di non dimenticare mai questo tragico episodio del nostro passato di italiani ed europei, affinché, come sancito nella stessa legge, "simili eventi non possano mai più accadere".

Anche quest'anno, Gravina celebrerà la 73^ Giornata mondiale, come di consueto, al Teatro Vida: sabato 27 gennaio, alle ore 20.30, e domenica 28 gennaio, alle ore 17.30, la Compagnia teatrale gravinese "Colpi di Scena" solcherà il palcoscenico con lo spettacolo intitolato "Come un film... non per ricordare ma per non dimenticare", ideato da Annamaria Pappalardi con la regia di Michele Mindicini e le coreografie a cura di Marinella Cascarano. Renzo Paternoster invece è l'ideatore della locandina, la cui immagine corrisponde alla copertina del suo libro, pubblicato a maggio 2017, dal titolo "Campi. Deportare e concentrare: la dimensione politica dell'esclusione", al quale il Vida porge i suoi più sinceri ringraziamenti. Per non dimenticare, perché "c'è ancora un fascismo, non necessariamente identico a quello del passato. Non siamo tutti uguali, non tutti abbiamo gli stessi diritti... dove questo verbo attecchisce, alla fine c'è il lager".


Altamura propone invece, per stamattina, una manifestazione commemorativa dal titolo "Giorno della memoria 2018: significato e riflessioni sulla data del 27 gennaio" che si svolgerà presso il Museo archeologico dalle ore 11.30 alle 13.30. La professoressa Vita Palmiotta, intervistata da uno studente del Liceo scientifico "Federico II di Svevia" di Altamura racconterà del suo recente viaggio ad Auschiwitz e illustrerà alcune foto. A seguire gli stessi studenti daranno lettura di alcune pagine tra le più significative della nutrita antologia letteraria italiana e straniera, perché "L'Olocausto è una pagina del libro dell'Umanità da cui non dovremo mai togliere il segnalibro della memoria" (Primo Levi).

Anche la classe 5^Q ad indirizzo musicale del Liceo "Tommaso Stigliani" di Matera organizza un evento celebrativo con l'intento di evocare la memoria di uno dei più tragici avvenimenti che ha macchiato la storia del genere umano, fissandolo nell'esperienza dei partecipanti tramite emozioni generate dalla musica, dalle parole e dalle immagini. L'evento si terrà presso la Sala Consiliare della Provincia di Matera nella mattinata di oggi, dalle ore 10.30 alle ore 12.30, e vedrà l'alternarsi di letture di documenti storici e di vicende e riflessioni private, di visione di filmati di testimonianze dirette e di momenti musicali, un perfetto connubio tra la storia, la letteratura, la musica, la lingua inglese e la storia dell'arte al fine di tracciare il percorso storico della Shoah, dalle prime leggi razziali in Germania alle tragiche deportazioni sino alla liberazione del campo di Auschwitz, avvenuta il 27 gennaio del 1945.

Questo pomeriggio, invece, alle ore 17.30 presso le Monacelle, l'Associazione "I RabdoAmanti - Teatro, musica e pensiero" propone "Pensare e credere dopo Auschwitz" con il prof. Michele Andrisani (relatore). Le musiche della tradizione ebraica sono a cura di: Nunzia Rizzi (voce), Antonio Di Marzio (violoncello), Anna Claudia Scammacca (arpa), Ilenia Stigliano (fisarmonica); letture di Lucia Bozza.

Conoscere per non dimenticare.
  • Giornata della memoria
Altri contenuti a tema
Giornata della Memoria, tra presente e passato Giornata della Memoria, tra presente e passato La Shoah monito per il presente. Al "Vida" una serata di riflessioni e teatro
Definito il programma “Per non dimenticare” Definito il programma “Per non dimenticare” Gravina pronta per la Giornata della Memoria
1 Della Shoah, è responsabile Dio o l'uomo? Della Shoah, è responsabile Dio o l'uomo? Al Vida, convegno sulla Giornata della Memoria e lo spettacolo "Se questo è un uomo...voglio restare bambino"
1 Ricordare per non dimenticare Ricordare per non dimenticare Gravina celebra il Giorno Della Memoria
Gravina si prepara alla Giornata della Memoria Gravina si prepara alla Giornata della Memoria Diverse le iniziative in programma per ricordare la Shoah
Il giorno della memoria con Primo Levi Il giorno della memoria con Primo Levi Appuntamento al teatro Vida per non dimenticare le vittime dell’Olocausto
A Gravina si celebra la Giornata della Memoria A Gravina si celebra la Giornata della Memoria Diverse le iniziative in programma per ricordare la Shoah
E' il giorno della memoria, il mondo si ferma per ricordare le vittime dell'Olocausto E' il giorno della memoria, il mondo si ferma per ricordare le vittime dell'Olocausto Niente celebrazioni ufficiali a Gravina
© 2001-2019 Edilife. Tutti i diritti riservati. Nessuna parte di questo sito può essere riprodotta senza il permesso scritto dell'editore. Tecnologia: GoCity Urban Platform.
GravinaLife funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.