handicap
handicap
La città

300 firme per chiedere l’accessibilità di parchi e bosco ai disabili

Da oltre un anno i promotori dell’iniziativa attendono una risposta da Palazzo di Città

E' trascorso più di un anno da quando tre ragazzi: Luigi Dipalma, Michele Penisola e Vito Vernile presentarono a Palazzo di Città una petizione popolare per chiedere l'accessibilità dei Parchi cittadini e il Bosco Comunale ai disabili.

Destinatari della missiva, datata 4 febbraio 2015, il Sindaco Alesio Valente e l'Assessore pro tempore al bosco, sport e tempo libero Vito Loglisci, oltre a Urbano Lazzari del Caba, il Dirigente dell'UTC; il Dirigente dei Servizi Sociali e il Presidente del Consiglio Comunale Giacinto Lupoli.

"Aprire il Parco Robinson e i Parchi della zona PIP ai bambini disabili e la realizzazione di un percorso ginnico fruibile ai portatori di handicap all'interno del bosco comunale", questo quanto sollecitato a Palazzo di Città.

Una proposta di iniziativa popolare corredata da oltre 300 firme, un numero leggermente superiore alle 250 firme minime previste dallo Statuto Comunale, che intende porre al centro della discussione l'importanza dello sport per lo sviluppo psicofisico della persona.

Entrando nel dettaglio, i promotori chiedevano la progettazione di nuove aree comunali con strutture che abbiano caratteristiche di accessibilità e fruibilità; la redazione di un piano per la sostituzione delle attrezzature in pessimo stato presenti nei parchi, assicurandosi che le nuove dotazioni siano utilizzabili da bambini con disabilità e la valorizzazione del Bosco Comunale con attrezzature senza impatto ambientale.

Proposte che ad oggi non hanno ancora avuto accoglimento da parte degli inquilini di Via Vittorio Veneto, nonostante i numerosi incontri e le tante rassicurazioni fatte.

In questo periodo si parla tanto di tutela e salvaguardia di diritti civili, dunque l'eliminazione delle barriere architettoniche, oltre ad essere un intervento di civiltà, rappresenta un dovere per le Istituzioni per garantire il pieno svolgersi della vita delle persone affette da disabilità. Un'esigenza per dare dignità a quei cittadini che rischiano di essere prigionieri oltre che delle proprie case anche delle proprie città.
  • Barriere architettoniche
  • Bosco Difesa Grande
  • Petizione
  • Parchi zona PIP
Altri contenuti a tema
10 Presentato il progetto antincendio nel bosco, un vivace confronto Presentato il progetto antincendio nel bosco, un vivace confronto Un incontro con l'assessore regionale Giovanni Giannini
3 Progetto acque reflue: e se fosse irrealizzabile? Progetto acque reflue: e se fosse irrealizzabile? Tutti i dubbi del consigliere Michele Lorusso
Bosco, prioritaria la tutela Bosco, prioritaria la tutela Uffici al lavoro per il recupero dei sentieri  
Incendi: le fiamme minacciano il Bosco Incendi: le fiamme minacciano il Bosco Due sono stati spenti prima di danneggiare il polmone verde
Pulizia straordinaria del Bosco Pulizia straordinaria del Bosco Appuntamento domenica per una giornata "plastic free"
3 Al Bosco di Gravina i viandanti sono i bentornati Al Bosco di Gravina i viandanti sono i bentornati Riaperto il sentiero del Cammino Materano
Conosci il Bosco Difesa Grande di Gravina? Conosci il Bosco Difesa Grande di Gravina? Una app dell’istituto "Nervi Galilei" aiuta a scoprirlo
2 Il grande sperpero di Difesa Grande Il grande sperpero di Difesa Grande Dal Bosco al Piaggio tutti i fallimenti dell’amministrazione Valente
© 2001-2019 Edilife. Tutti i diritti riservati. Nessuna parte di questo sito può essere riprodotta senza il permesso scritto dell'editore. Tecnologia: GoCity Urban Platform.
GravinaLife funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.