tarallo dell'Immacolata
tarallo dell'Immacolata
Enogastronomia

Vigilia della festa, a Gravina non può mancare il Tarallo dell'Immacolata

Una tradizione di lunga data

Elezioni Regionali 2020
Vigilia della festa dell'Immacolata. Un tempo si faceva il digiuno a colazione e poi si mangiava verso mezzogiorno il tarallo, da cui il nome di questa tradizione: il "tarallo dell'Immacolata". O "taradd de la Maculòt".

I tempi certamente sono cambiati. Ma la tradizione resiste ed anzi alcuni anni fa è stata iscritta nel registro "Pat - Prodotti agroalimentari tradizionali" del Ministero dell'agricoltura. Molti lo fanno ancora in casa, tanti altri lo acquistano nei forni.

La ricetta si è tramandata di generazione in generazione. Farina di grano duro, farina 00, liquore all'anice, sale, lievito di birra, semi di finocchietto: questi i semplici ingredienti per un prodotto di altissimo gradimento. Ovviamente, non mancano le varianti. A ciascuno il suo gusto.
  • Tradizioni
Altri contenuti a tema
Sagra del tarallo a Gravina Sagra del tarallo a Gravina Iniziativa di “Obiettivo Giovani” per valorizzare il tipico prodotto dell’immacolata
2 Riconoscimento PAT - Prodotto Agricolo Tradizionale per tre piatti tipici gravinesi Riconoscimento PAT - Prodotto Agricolo Tradizionale per tre piatti tipici gravinesi Si tratta dei Calzoni di ricotta dolce, della Capriata e del Marro
Riti e tradizioni di Capodanno in Italia e nel mondo Riti e tradizioni di Capodanno in Italia e nel mondo Ad ogni usanza e tradizione il suo perchè
© 2001-2020 Edilife. Tutti i diritti riservati. Nessuna parte di questo sito può essere riprodotta senza il permesso scritto dell'editore. Tecnologia: GoCity Urban Platform.
GravinaLife funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.