Giunta
Giunta
Politica

Valente - Carbone, c'eravamo tanto amati

La guerra fredda continua sulle interpellanze: rifiuti, Consip e trasparenza

"Lei, signor sindaco…" "Tu, consigliere…".
Si gioca tutto sulla discrepanza delle allocuzioni il duetto tra il sindaco Alesio Valente ed il consigliere Lorenzo Carbone nel corso dell'ultimo consiglio comunale.
Un vero e proprio secondo tempo di un film, o, se si preferisce il secondo atto di una pièce teatrale che riprende esattamente dove era finito il primo, nell'ultima riunione dell'assise dello scorso dicembre, quando Carbone aveva tenuto banco per oltre 20 minuti in un'arringa tutta politica, per dichiarare che "il progetto Valente è fallito" e criticare fortemente la scelta di nominare dei tecnici per superare l'empasse tra i partiti di maggioranza.
Questa volta però il nocciolo dell'intervento, così sembrerebbe, è squisitamente amministrativo e non politico. Almeno apparentemente. Perché al centro delle interpellanze del consigliere del gruppo misto c'è sempre lui, l'ex amico Alesio a cui rivolgersi con un formale e distaccato "lei, signor sindaco".

E' infatti il primo cittadino l'obbiettivo della richiesta di accesso agli atti sulla convenzione tra Consip e Comune sui criteri delle gare, firmate da Valente "in qualità di presidente Aro, Unicam e tanto altro". E, sia pure indirettamente, è il sindaco ad essere chiamato in causa quando Carbone interpella sui costi dei laboratori della rigenerazione urbana, un pezzo importante delle realtà associative che hanno portato l'allora giovane segretario del Pd a Palazzo di Città.
E soprattutto è Valente al centro della querelle con Sergio Casareale, una delle tante, sul mancato accesso agli atti delle missioni di sindaco e giunta. "Una questione di trasparenza sull'uso dei soldi pubblici, signor sindaco, lei preferisce dare incarichi ad avvocati di fuori anziché ai professionisti del territorio", attacca Carbone. "Se ti chiedo cosa hai mangiato ieri, mi rispondi? Non devo mostrare anche gli scontrini dei pranzi, perché per questo ci sono gli uffici e la Guardia di Finanza. Difendo anche la tua privacy", replica Valente rivolgendosi ancora a carbone. Come a dire: "ci vai di mezzo anche tu, siamo stati sulla stessa barca".

Alla raffica di domande e rilievi critici mossi da Carbone, Valente risponde più o meno puntualmente, ma soprattutto usando un tono più interlocutorio, cercando forse di ritrovare un terreno comune che l'altro ritiene franato da tempo. Un dialogo tra sordi, o se si preferisce, una commedia degli equivoci voluti tra due protagonisti di una stagione politica, quella del "cambia-mente", nata sull'alleanza tra Pd e pezzi dell'ex maggioranza di Divella, una strategia di cui proprio l'ex esponente di Fli era stato uno dei principali artefici e che sembra ormai aver esaurito la sua spinta propulsiva. Un'intesa, quella tra i due, iniziata a incrinarsi ai tempi del rimpasto che vide sacrificare proprio l'allora assessore ai lavori pubblici e che ora giunge probabilmente al definitivo capolinea.
E che la sostanza della rottura sia tutta politica viene fuori dalla stoccata finale di Carbone alla giunta: se la scorsa volta il bersaglio era Gino Lorusso "che non ringrazio perché so che tra poco lo rivedremo tra i banchi della giunta", questa volta sono gli assessori tecnici "che chissà se ci saranno al prossimo consiglio. Politicamente, non fisicamente, ovvio".

Tra le righe del botta e risposta a colpi di "lei" e "tu", affiora la rottura definitiva di un asse non solo politico, ma anche personale. Una riedizione nostrana di "c'eravamo tanto amati"…
  • Alesio Valente
  • Lorenzo Carbone
Altri contenuti a tema
7 Salvini mette radici anche a Gravina Salvini mette radici anche a Gravina Lorenzo Carbone nominato coordinatore cittadino della Lega
"Troppi problemi all'Ospedale della Murgia, sindaco intervenga" "Troppi problemi all'Ospedale della Murgia, sindaco intervenga" Romita e la minoranza consiliare scrivono a Valente. Lamentano: Emodinamica assente e altre carenze
L’amministrazione Valente perde pezzi L’amministrazione Valente perde pezzi L'assessore Dipalma rassegna le proprie dimissioni per "motivi personali"
4 Crisi di maggioranza, il sindaco si difende Crisi di maggioranza, il sindaco si difende I democratici e socialisti sfiduciano il segretario Peragina e l’assessore Lagreca
2 Alesio Valente ritorna ad essere il sindaco di Gravina Alesio Valente ritorna ad essere il sindaco di Gravina In mattinata il passaggio di consegne dopo la sentenza del CdS. Gli avvocati Gagliardi La Gala e Pellegrino: «Pronuncia emblematica»
2 Il Consiglio di Stato accoglie le ragioni del sindaco Il Consiglio di Stato accoglie le ragioni del sindaco Nessun obbligo per le liste di dichiarare il collegamento con il candidato sindaco
2 Il Consiglio di Stato accoglie il ricorso di Valente Il Consiglio di Stato accoglie il ricorso di Valente Ribaltata la sentenza del Tar.
1 Valente ricorre al Consiglio di stato e difende la sua elezione Valente ricorre al Consiglio di stato e difende la sua elezione Chiesta la sospensiva della sentenza di primo grado
© 2001-2019 Edilife. Tutti i diritti riservati. Nessuna parte di questo sito può essere riprodotta senza il permesso scritto dell'editore. Tecnologia: GoCity Urban Platform.
GravinaLife funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.