urbanistica
urbanistica
Territorio

Urbanistica, ecco cosa cambia

Approvata in Regione la nuova normativa

Consiglio regionale approva a maggioranza misure in materia urbanistica e paesaggistica.

Con il voto favorevole della maggioranza di centrosinistra e quello dei consiglieri di CoR, l'astensione di FI ed il voto contrario del M5S, è stata approvata la proposta di legge contenente varie misure in materia urbanistica e paesaggistica
Il primo articolo della proposta di legge che avrebbe consentito ai Comuni la proroga di oltre due anni per l'adeguamento dei propri piani urbanistici e territoriali alle previsioni del PPTR, è stato soppresso.
Le finalità degli interventi approvati mirano al riordino procedimentale in materia di autorizzazione paesaggistica, funzionamento delle Commissioni locali per il Paesaggio e di esercizio delle funzioni delegate in materia paesaggistica, adeguamento di alcune disposizioni legislative in materia paesaggistica a seguito dell'entrata in vigore del Piano Paesaggistico Territoriale Regionale, nonché in materia di modifiche minori agli strumenti urbanistici vigenti.
Le modifiche in termini di autorizzazione paesaggistica per la trasformazione degli immobili soggetti a tutela paesaggistica, riguardano i soggetti competenti al rilascio delle autorizzazioni per le opere sottoposte a procedimento di valutazione di impatto ambientale (VIA). A seconda della competenza territoriale il rilascio sarà in capo alla Regione, alla Provincia o città metropolitane ed ai comuni in forma singola o associata.

I procedimenti di sanatoria ordinaria o straordinaria pendenti restano in capo alla Regione e sono esercitate dagli organi regionali competenti. È delegato ai Comuni il rilascio del parere per le opere costruite su aree sottoposte a vincolo.
In tema di Commissioni edilizie e urbanistiche è stato modificato il numero dei componenti, almeno tre professionisti selezionati dall'ente delegato, i quali però non potranno svolgere contestualmente incarichi professionali presso lo stesso ente. Le Commissioni paesaggistiche comunali dovranno essere rinnovate entro sessanta giorni dalla scadenza, in caso contrario la Regione procederà con la nomina di un commissario ad acta i cui oneri finanziari saranno a carico del comune inadempiente.
Secondo le nuove norme approvate i Comuni dovranno ottemperare al rilascio del parere per le opere costruite su aree sottoposte a vincolo.
Altre modifiche sono state apportate in merito alle "Norme generali di governo e uso del territorio" relativamente alle perimetrazioni o suddivisioni dei comparti di intervento e delle unità di minimo intervento che non comportino incremento degli indici di fabbricabilità e la riduzione delle dotazioni di spazi pubblici o di uso pubblico.

Le novità riguardano le deliberazioni motivate del Consiglio Comunale che unitamente agli strumenti urbanistici generali vigenti, variati e modificati vengono trasmesse alla competente struttura regionale, la quale provvede a renderli accessibili attraverso il SIT.
Le modifiche alle Norme sulla valutazione dell'impatto ambientale riguardano l'autorizzazione paesaggistica e i provvedimenti autorizzatori, a tal fine il SIA e gli elaborati progettuali dovranno contenere anche le relative relazioni paesaggistiche prescritte dal vigente Piano Paesaggistico.
I termini di efficacia dei contributi concessi dalla Giunta regionale per la formazione di strumenti urbanistici comunali, ovvero per gli adeguamenti alla pianificazione paesaggistica, sono prorogati di due anni.
Al fine di migliorare la qualità del patrimonio edilizio esistente, sono state apportate modifiche relativamente agli interventi di demolizione e ricostruzione. In particolare, negli usi strettamente connessi con le residenze sono ricompresi gli esercizi di vicinato, nonché i laboratori per arti e mestieri e locali per imprese artigiane dirette alla prestazione di servizi connessi alla cura della persona, alla manutenzione dei beni di consumo durevoli o degli edifici, o alla produzione di beni di natura artistica, con l'esclusione delle attività rumorose, inquinanti o comunque moleste. L'ampliamento deve essere realizzato in contiguità fisica rispetto al fabbricato esistente, nel rispetto delle altezze massime e delle distanze minime previste dagli strumenti urbanistici anche a mezzo di elementi strutturali di collegamento. Ove l'ampliamento in contiguità fisica non risulti tecnicamente o fisicamente realizzabile oppure comprometta le caratteristiche tipologiche e architettoniche del fabbricato esistente può essere autorizzata la costruzione di un corpo edilizio separato, di carattere accessorio e pertinenziale, da collocarsi sullo stesso lotto dell'edificio esistente e ad una distanza non superiore a dieci metri, rispettando le caratteristiche tipologiche morfologiche e costruttive del fabbricato esistente. Negli interventi di ricostruzione è consentito il mantenimento dei distacchi, degli arretramenti e degli allineamenti dei manufatti preesistenti.

Altre modifiche riguardano la legge in materia di recupero dei sottotetti, dei porticati, di locali seminterrati e interventi esistenti e di aree pubbliche non autorizzate, eliminando il termine dei 90 giorni dall'entrata in vigore della legge, per l'esclusione di parti del territorio comunale dall'applicazione della legge in relazione a caratteristiche storico-culturali, morfologiche, paesaggistiche e alla funzionalità urbanistica.
Sono state abrogate le sub delegate ai Comuni per le funzioni relative all'emissione del parere prescritto per il rilascio della concessione o dell'autorizzazione in sanatoria per le opere abusive realizzate in zona soggetta a vincolo paesaggistico e oggetto di condono edilizio.
Tornano a vivere i Piani Comunali dei Tratturi la cui vigenza è stata prevista sino all'approvazione del quadro di assetto regionale previsto dalla legge 4/2013.


Scarica l'app di GravinaLife per avere l'informazione sempre in tasca!
  • Urbanistica
Altri contenuti a tema
7 Via libera all'abbattimento del silos in via Spinazzola Via libera all'abbattimento del silos in via Spinazzola L'ufficio tecnico concede l'autorizzazione. Articolo 1 attacca
Variante al Prg per le zone C Variante al Prg per le zone C Formalizzata la proposta per assoggettabilità alla Vas
Variante urbanistica zone C3 Variante urbanistica zone C3 Dopo l’affidamento provvisorio alla RTP romana, anche quella definitiva
Progettare il futuro per rispettare il passato Progettare il futuro per rispettare il passato L'ordine degli Architetti apre al confronto con le comunità pensando alla futura Città metropolitana
La città sostenibile La città sostenibile Questa sera nuovo convegno del Partito Democratico
Urbanistica: la parola all'ass. Lorusso Urbanistica: la parola all'ass. Lorusso Nell'intervista, il punto anche su centro storico e periferie
© 2001-2019 Edilife. Tutti i diritti riservati. Nessuna parte di questo sito può essere riprodotta senza il permesso scritto dell'editore. Tecnologia: GoCity Urban Platform.
GravinaLife funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.