soldi4
soldi4
Territorio

Sbloccati i fondi europei per lo sviluppo della Regione Puglia

Adottate tutte le misure correttive nelle prossime settimana 709 milioni di euro arriveranno nelle casse regionali

Sbloccato il pagamento dei fondi europei per la Puglia. La decisione è stata notificata mercoledì al Governo italiano dopo un'interruzione durata circa un anno. La causa dello stop ai finanziamenti europei nell'ambito del Programma operativo per la Regione Puglia 2007-2013 erano state alcune irregolarità e carenze riscontrate nel sistema di gestione e controllo, e in materia di appalti pubblici. Ora l'esecutivo comunitario ha ritenuto che "tutte le misure correttive siano state adottate e che siano state soddisfatte le condizioni per la soppressione dell'interruzione" dando il via libera al pagamento di 709 milioni di euro a titolo del Fondo europeo di sviluppo regionale (Fesr). Entro la fine della prossima settimana i soldi verranno versati nelle casse della Regione Puglia.

Il programma operativo 2007-2013 rientra nella cornice definita per l'obiettivo Convergenza e ha una dotazione finanziaria complessiva di circa 5,2 miliardi di euro. Il contributo comunitario tramite il Fesr ammonta a 2,6 miliardi. L'obiettivo è di promuovere "la piena convergenza della regione in termini di crescita e occupazione, assicurando nel contempo la sostenibilità".

"Questa è una grande notizia per la Puglia e l'economia regionale – ha commentato la commissaria Ue per la Politica regionale, Corina Creţu – mi congratulo con le autorità locali per i loro sforzi, che rendono giustizia a uno dei più performanti programmi Fesr del Sud dell'Italia. Non vedo l'ora di dare altre buone notizie presto, con l'adozione imminente del programma operativo 2014-2020 Regionale per la Puglia".

Soddisfazione anche in Puglia dove il presidente Michele Emiliano ha commentato: "E' una bellissima notizia che conferisce un decisivo slancio all'impegno di spendere presto e bene le risorse comunitarie per raggiungere l'obiettivo del target del 31 dicembre 2015 e offre un significativo sollievo al bilancio regionale. Eravamo fiduciosi che l'intenso lavoro compiuto dalle strutture amministrative, dalla rete istituzionale delle rappresentanze del Governo e del Parlamento europeo conducesse ad un esito positivo dell'interlocuzione con la Commissione, e infatti così è stato.
Con la lettera inviataci ieri in tarda serata dalla Direzione Generale della Commissione europea, abbiamo avuto formalmente la notizia che la sospensione dei pagamenti è stata revocata e che le risorse torneranno ad essere nella disponibilità della Regione Puglia.
Ringrazio il Commissario Ue per le politiche di coesione, Corina Cretu, per le sue parole di apprezzamento, che ci riempiono di orgoglio".
  • Regione Puglia
  • Fondi regionali
Altri contenuti a tema
2 Regione e Comune a braccetto presentano "Gravina 2020" Regione e Comune a braccetto presentano "Gravina 2020" Presentato il progetto di recupero del ponte acquedotto
4 Gravina 2020, quali prospettive per la "città che cambia" Gravina 2020, quali prospettive per la "città che cambia" Con il presidente Emiliano e l'assessore Giannini un incontro per fare il punto sui finanziamenti
3 Progetto acque reflue: e se fosse irrealizzabile? Progetto acque reflue: e se fosse irrealizzabile? Tutti i dubbi del consigliere Michele Lorusso
Assistenza scolastica, appello ai Prefetti per evitare ritardi Assistenza scolastica, appello ai Prefetti per evitare ritardi Intervengono i Garanti regionali per i minori e i disabili
La Puglia meta turistica preferita dagli italiani La Puglia meta turistica preferita dagli italiani Emiliano e Capone: “Risultato straordinario"
1 Nuove imprese: altri 23 milioni di euro per il bando NIDI Nuove imprese: altri 23 milioni di euro per il bando NIDI La Regione Puglia rifinanzia la misura
1 Stanziati fondi per sistemare l'acquedotto Sant'Angelo e Fontane della Stella Stanziati fondi per sistemare l'acquedotto Sant'Angelo e Fontane della Stella Delibera della Regione Puglia per mettere in sicurezza opere di interesse pubblico o storico
Assegni di cura, protestano le famiglie Assegni di cura, protestano le famiglie Il Garante regionale dei disabili chiede adeguate soluzioni
© 2001-2019 Edilife. Tutti i diritti riservati. Nessuna parte di questo sito può essere riprodotta senza il permesso scritto dell'editore. Tecnologia: GoCity Urban Platform.
GravinaLife funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.