Renzo Paternoster riceve il
Renzo Paternoster riceve il "Premio Speciale della Giuria" al 42° Premio Letterario Casentino
La città

Renzo Paternoster riceve il "Premio Speciale della Giuria" al 42° Premio Letterario Casentino

Premiato per il suo libro "La politica del terrore. Il terrorismo. Storia, concetti, metodi"

Anche Gravina era presente alla 42^ edizione del tradizionale "Premio scientifico-letterario Casentino", tenutosi lo scorso 17 giugno nella famosa e storica cornice dell'Abbazia di San Fedele a Poppi (Arezzo). Ad accrescere il prestigio della nostra città, facendone risuonare il nome oltre i confini regionali, è l'autore Renzo Paternoster, il cui libro, intitolato "La politica del terrore. Il terrorismo: storia, concetti, metodi", ha ricevuto il "Premio Speciale della Giuria per la Narrativa/Saggistica" nella sezione "Giuseppe Frunzi" dell'edizione 2017 di questa importante kermesse tra le più antiche e significative organizzate su scala nazionale.

Il libro - presentato alla città di Gravina in data 10 marzo 2016 presso le Officine Culturali alla presenza del Senatore Nicola Latorre, Presidente della Commissione Permanente Difesa (leggi l'articolo dedicato) - affronta il tema del terrorismo e delle sue logiche.

Un libro ben strutturato, frutto di mesi di studio che la Commissione Giudicante - composta da personalità illustri tra cui Marino Biondi (accademico dell'Università di Firenze), Neuro Bonifazi (professore emerito dell'Università di Urbino e poeta), Giancarlo Quiriconi (professore presso Università degli Studi Gabriele D'Annunzio) e Silvio Ramat (poeta e saggista) - ha premiato per la capacità di "ricostruire la storia del terrorismo, dal I secolo a.C. ai giorni nostri, riportando alla memoria eventi che hanno sconvolto la nostra storia recente. L'autore realizza una trattazione agile ed efficace, libera da pregiudizi e preconcetti, su un argomento che è troppo spesso oggetto di strumentalizzazioni e luoghi comuni".

Paternoster infatti nel suo libro, definisce il terrorismo "un fenomeno complesso, dalle molteplici modalità e dalle diverse motivazioni. Esso è un'azione politica con una violenta strategia comunicativa: uccide e attraverso le vittime drammaticamente si esprime. Questo saggio porta alla memoria eventi che spesso, più che insegnarci qualcosa, sono stati "terribilmente" strumentalizzati con luoghi comuni. Perché il terrore non sta, non è mai stato, né mai starà da una parte sola".

A pochi giorni dalla cerimonia di premiazione, rivela alla Redazione le emozioni di quel momento: "Ricevere un premio per un ricercatore vuol dire essere stato valutato positivamente. Quando mi hanno premiato, tra le altre cose, ho ribadito che in Italia far cultura è difficile. È la seconda volta - continua Paternoster - che un mio libro partecipa ad un concorso letterario. Questo stesso libro si è qualificato tra i finalisti al Premio Nabokov. Purtroppo non ho potuto partecipare alla cerimonia finale, per via di quella abbondante nevicata di gennaio di quest'anno, che mi ha bloccato per strada, perdendo l'occasione".

L'attenzione dello scrittore gravinese in questi giorni è focalizzata sul suo ultimo lavoro, pubblicato una decina di giorni addietro, intitolato "Campi. Deportare e concentrare. La dimensione politica dell'esclusione", che definisce come "un lavoro pluridisciplinare sui campi di concentramento, internamento e di sterminio, con testimonianze inedite".

Quando si ripone passione e dedizione in ciò che si ama, viene sempre riconosciuto e il sacrificio è così appagato con enormi soddisfazioni.
  • Libro
  • Premio
Altri contenuti a tema
Salone di Torino, Un premio per Renzo Paternoster Salone di Torino, Un premio per Renzo Paternoster L’autore gravinese presenta anche il suo nuovo volume “Dalla guerra alla pace e non viceversa. Un ideario”
Abitare e venerare: frequentare il territorio e apprezzarlo Abitare e venerare: frequentare il territorio e apprezzarlo La presentazione del libro di Angela Ciancio "Gravina Antica".
Gianluca Caporaso da “Tempo al Tempo” Gianluca Caporaso da “Tempo al Tempo” Alle Officine Culturali “per chi legge, per chi non legge, per chi leggerà”
15 “La banalità del Bene” protagonista di “libri in Fiore” “La banalità del Bene” protagonista di “libri in Fiore” Secondo appuntamento della rassegna culturale dedicato al volume di Renzo Paternoster
Manoscritto di Carlo Maria Cardano donato all’Archivio Diocesano Manoscritto di Carlo Maria Cardano donato all’Archivio Diocesano Presente il vescovo S.E. Mons. Giovanni Ricchiuti e gli accademici Bolognese e Dibisceglia
Presentato il nuovo libro del Prof. Laiso “Lessico minimo del dialetto gravinese” Presentato il nuovo libro del Prof. Laiso “Lessico minimo del dialetto gravinese” Il ricavato, offerto a Save the Children Italia, per i bambini delle regioni colpite dalle alluvioni
“Giorni felici”: matite, pastelli e tabù presentati all’IISS Bachelet - Galilei “Giorni felici”: matite, pastelli e tabù presentati all’IISS Bachelet - Galilei Al Progetto Lettura le pagine disegnate da Zuzu e la realtà giovanile del nostro tempo.
Si intitola “Senza Far Rumore” il romanzo di Feliciana Zuccaro Si intitola “Senza Far Rumore” il romanzo di Feliciana Zuccaro Un’ Agronoma con l’hobby della scrittura
© 2001-2024 Edilife. Tutti i diritti riservati. Nessuna parte di questo sito può essere riprodotta senza il permesso scritto dell'editore. Tecnologia: GoCity Urban Platform.
GravinaLife funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.